Alla scoperta del Monferrato

Tra  Langhe  e  Roero

Il Vercellese e la Valsesia

PRODOTTI:  MULTIFUNZIONE - STAMPANTI - GESTIONE  DOCUMENTALE - CLIENT/LAPTOP/SERVER - SICUREZZA  INFORMATICA - ARREDO  UFFICIO - SISTEMI  DI  COMUNICAZIONE  INTERATTIVA
 
VIA G. DELEDDA 2/2A - ASTI - TEL. 0141/477627 - FAX. 0141/477005 ...

info@raviolafranco.it  www.raviolafranco.it

 

 

 

SERVIZI: VENDITA - NOLEGGIO - CONTRATTI DI ASSISTENZA TECNICA ALL INCLUSIVE - ASSISTENZA  TECNICA ON SITE - FORNITURA  MATERIALI  DI  CONSUMO
 
VIA G.DELEDDA 2/2A - ASTI - TEL. 0141/477627 - FAX. 0141/477005 ...

info@raviolafranco.it  www.raviolafranco.it

... LA PROVINCIA DI TORINO...

BROZOLO

BRUSASCO

CASALBORGONE

CASTAGNETO

CAVAGNOLO

 CHIVASSO

LAURIANO

MONTEU DA PO

S. SEBASTIANO  PO

TORRAZZA   PIEMONTE

VERRUA  SAVOIA


... LA PROVINCIA DI VERCELLI...

CIGLIANO

CRESCENTINO

LIVORNO  FERRARIS

SALUGGIA





Gabiano

Mombello Monferrato


Moncestino


Ladro maniaco di Fiat, ha rubato 1.000 Punto

Modena -  Aveva la mania della Fiat Punto il 54enne modenese denunciato per furto dalla Polizia di Modena: nell'arco di diversi anni, l'uomo avrebbe compiuto circa un migliaio di furti su autovetture, sempre ed esclusivamente dello stesso modello. Non rivendeva i materiali, ma li raccoglieva in una casa di Carpineti, nel reggiano. Prediligeva autoradio, occhiali, triangoli di segnalazione, quasi come una forma morbosa di collezione. L'uomo è stato bloccato dagli agenti della Squadra Volante mercoledì al parco Novi Sad di Modena; stava armeggiando attorno a una Fiat Punto. Nella sua abitazione sono stati trovati circa 50 libretti di circolazione, tutti riferiti a Fiat Punto. La squadra Mobile poi ha compiuto ulteriori accertamenti, individuando il luogo in cui l'uomo riuniva i materiali rubati. C'erano fra le altre cose anche due borsoni pieni di occhiali, oltre a tanta altra merce, che veniva regolarmente catalogata e classificata. Il 54enne è stato denunciato per furto ma non è escluso che, per la sua bizzarra forma di 'ossessione' possa essere indirizzato alle cure di uno specialista.


Aveva mal di testa, la operano e le estraggono una matita...

Germania - Da piccola era caduta e la matita che teneva in una mano le si era conficcata nella testa. Per 55 anni la signora Margret Wegner, di nazionalità tedesca, ha dovuto sopportare mal di testa e non proprio occasionali perdite di sangue dal naso. Nessuno dei medici interpellati si sentì di consigliare alla donna di sottoporsi ad un intervento chirurgico: troppo rischioso. La medicina ha però fatto oggi dei passi da giganti e un medico ha ritenuto fosse giunto il momento di liberare quella sfortunata donna da quell'incubo. Margret è stata operata con successo in una clinica di Berlino dove è stato possibile rimuovere gran parte della matita di circa 8 centimetri che, fortunatamente, non aveva leso parti vitali del cervello. Gran parte, come detto, ma non tutta. I medici sono stati costretti a lasciare la punta di due centimetri che, negli anni, si è fermamente conficcata nella testa rendendo ormai impossibile la completa rimozione.


Ha siepi di marijuana in casa, si difende: "Ho pollice verde" ...

Milano - La passione per il giardinaggio ha condotto in carcere una donna di 60 anni e suo figlio di 28. Non gigli, margherite o tulipani, la Guardia di Finanza di Mirano, insospettita dai movimenti della famiglia, ha fatto irruzione in una villa di Dolo e sequestrato 670 piante di marijuana. L'attico, stando a quanto spiegato dagli stessi agenti impegnati nell'operazione, coordinata dal Pm Stefano Buccini, era stato trasformato dai due in vera e propria serra. A gestirla, con la piena consapevolezza si trattava di coltivazioni illegali, una ex bibliotecaria dell'università di Padova. La donna, al momento dell'arresto, si sarebbe vantata di avere il "pollice verde" e del fatto che il suo prodotto, coltivato per uso esclusivamente privato, era il migliore della zona: "Ho dedicato a queste piante gran parte del mio tempo libero, sono la mia passione". La signora ha anche riferito ai finanzieri di aver smesso di fumare grazie alla marijuana che le causa un senso di allegria e un leggero "sballo". Alla vista degli agenti il figlio dell'ex bibliotecaria avrebbe rimproverato la madre per l'attività, ma questa avrebbe risposto di non vederci alcun male perché questa passione la coltivava da molti anni. "Vedi? - ha detto il ragazzo alla madre - ti hanno scoperto. Te l'avevo detto di stare più attenta"


Trovato in vecchia auto un portafoglio perduto 55 anni fa ...

Roma - Un signore di 75 anni e' tornato in possesso di un portafoglio perduto in una Hudson nel 1952. Lo hanno trovato i nuovi proprietari dell'auto. Glenn Goodlove, all'epoca marinaio, lo aveva perso mente abbracciava una ragazza sul sedile posteriore dell'auto, oggi in mano a due collezionisti nell'Idaho, Usa . Lei guidava una Hudson 55 anni fa? gli hanno chiesto. E poi gli hanno restituito quanto aveva perso: 10 dollari e i documenti.


Gb: saponetta alla caffeina per svegliarsi più rapidamente

Londra - Un gruppo di inventori ha creato una saponetta alla caffeina per aiutare le persone a svegliarsi piu' rapidamente la mattina . Lo riferiscono i media britannici. La 'Shower shock', che contiene anche olio alla menta, fornisce a chi la usa per lavarsi l'equivalente in caffeina di due tazze di caffe'. E possibile acquistarla sul sito internet thinkgeek.com per 5 euro. La caffeina viene assorbita naturalmente dalla pelle, assicurano i suoi ideatori.


Romania: preparata la salsiccia record da 392 metri

La Romania si aggiudica il record della salsiccia affumicata più lunga: ben 392 metri di insaccato. Secondo quanto riferisce l’agenzia Agerpres, il maxi salume pesa una tonnellata e al momento, come certificato da un rappresentante di Guinness, è la salsiccia più grande mai vista. E’ stata amorevolmente preparata dai 25 lavoratori di un salumificio di Pitesti, un municipio di circa 170mila abitanti nella regione storica della Muntenia, famoso per la coltivazione dei tulipani. La prelibata e golosa creazione, voluta dal Comune di Bucarest, è stata poi cucinata alla griglia e offerta in una piazza della città agli abitanti del capoluogo che l’hanno molto gradita e apprezzata. Bucarest si conferma dunque regina dei record. Dopo i 4000 Babbo Natale che hanno offerto doni per le strade, ora la capitale romena festeggia questo nuovo primato gastronomico e soprattutto si appresta a vincerne un altro. Intende infatti preparare la più grande torta di frutta e panna; un dolce che nelle intenzioni dovrà pesare oltre 200 chili.


Roma, assaltano bancomat con un aspiratutto

Non bastava la banda del buco a terrorizzare gli istituti bancari ora ci si mette persino la banda del bidone. Due sportelli bancomat di fronte l'ufficio postale via Collatina a Roma, infatti, sono stati fatti esplodere da alcuni malviventi che hanno poi raccolto il denaro con un bidone aspiratutto: uno di quelli usati comunemente dalle imprese di pulizia. Il furto, che di certo merita di entrare fra quelli più insoliti, è stato portato a segno da una banda composta da due, forse tre persone. Al momento non si conosce l'esatta somma sottratta alla banca. Gli agenti del commissariato di Torpignattara hanno fatto sapere soltanto che i malviventi si sono dati alla fuga a bordo di un'Audi.


5 Cose più assurde scoperte in aeroporto!

A volte, delle cose davvero fuori di testa possono verificare nei posti più impensabili. Ad esempio, negli aeroporti! Il compito della sicurezza aeroportuale, dovrebbe essere quello di controllare ogni bagaglio che ritiene opportuno, e di solito, dovrebbe vietare il trasporto di oggetti pericolosi: come palle di cannone o serpenti velenosi. Se ti sembra assurdo, aspetta, perché cambierai idea dopo aver visto le 5 cose più assurde scoperte in aeroporto!
Teschio umano - Dai, sul serio… Posso capire chi acquista un piccolo souvenir come ricordo, ma comprare un teschio è semplicemente assurdo! Nel 2013, un uomo atterrato all’aeroporto di Lauderdale, Stati Uniti, viene beccato mentre trasportava dei vasi in terracotta. Niente di strano, se non fosse che i vasi contenevano teschi umani al loro interno. Anche se questo non rappresentava una minaccia per la sicurezza, vengono comunque confiscati e fatti analizzare. Chissà come è andata a finire…
Palla di cannone - Deve essere maledetto quest’aeroporto… Nel 2012, sempre a Lauderdale, un passeggero viene scoperto mentre portava con se una palla di cannone esplosiva. Queste palle di cannone possono esplodere anche a distanza di decenni dalla loro costruzione. Il passeggero l’aveva trovata casualmente durante un’immersione subacquea e decise di portarsela a casa. Immagina lo sgomento della sicurezza, quando capiscono che si trattava di una specie di bomba!! Roba da matti!
Un cadavere - Ok, questo è cosi surreale che potrebbe sembrare quasi una leggenda, ma una famiglia ha avuto davvero la bri
llante idea di portarsi un cadavere in aeroporto. La cosa più assurda? E’ che gli pagano un biglietto e lo mettono su una sedia a rotelle spacciandolo per un passeggero!! A quante pare, in questo modo i biglietti sono meno costosi… Immagina i volti degli agenti quando capiscono che quel passeggero era un cadavere!! Pazzesco!
Serpenti e veleno - Nell’aeroporto liberty international, a Newark, gli agenti di sicurezza scoprono dei barattoli di veleno e dei serpenti morti in un bagaglio. Il veleno viene prontamente sequestrato, ma i serpenti, non appartenendo a nessun esemplare protetto, vengono fatti trasportare normalmente. Quindi tranquillo, come souvenir da una vacanza puoi tranquillamente scegliere i serpenti… morti!

Un bambino - Qui siamo alla follia… Una famiglia in un aeroporto degli Emirati Arabi Uniti, ha cercato di imbarcare il loro figlio facendolo nascondere nel bagaglio a mano! Gli agenti di sicurezza, scoprono lo scioccante escamotage, quando scanerizzano la valigia ai raggi X. E no, ovviamente non è legale nascondere tuo figlio in una valigia e non provarci neppure, visto che può essere estremamente dannoso per la sua salute e, in alcuni casi, addirittura mortale!


Il proverbio: " Bisogna cogliere al volo le occasioni perché di rado concedono una replica !”...

Ferragosto 2019, ci sarà una svolta proprio per la "Festa Clou "della Stagione...

E' sempre più vicino il Ferragosto, diciamo subito che proprio in concomitanza con il 15 agosto ci sarà una svolta meteorologica rispetto a quello che stiamo vivendo in questi giorni a cavallo tra la prima e la seconda decade del mese: la svolta non riguarderà tanto il tempo, quanto invece i valori termici, attesi in crollo rispetto a quello del weekend del 10/11 agosto. Sull'Italia sarà protagonista il sole, tuttavia disturbato da qualche nube e anche da dei piovaschi. Il principale cambiamento sarà rappresentato dal passaggio del testimone tra due masse d'aria diverse. Si passerà infatti dal rovente anticiclone africano (dal deserto del Sahara) al più mite e clemente anticiclone delle Azzorre (dall'Oceano Atlantico). Ciò determinerà un deciso calo delle temperature, presumibilmente fino a 10°C, anche grazie ai venti di Maestrale. La giornata di giovedì 15 agosto inizierà col cielo sereno ovunque eccetto che sulla Calabria tirrenica, zone sarde interne, Liguria e Nord-Est dove ci saranno nubi. Altrove cielo sereno o velato. Tra il pomeriggio sera, locali temporali e piovaschi bagneranno il Trentino Alto Adige, Veneto e Calabria. Si tratterà di fenomeni deboli e molto localizzati. Insomma, sarà un Ferragosto tutto sommato tranquillo, ma con l'importante novità del calo termico. Da venerdì 16 e poi per tutto il fine settimana tornerà ad affacciarsi sul Bel Paese l'anticiclone garantendo tanto sole e caldo su buona parte dei settori Dando uno sguardo successivo, il proseguimento del mese di agosto vedrà ancora caldo al Sud mentre il Nord sarà raggiunto da aria più fresca ed instabile di origine atlantica. Saranno le prime timide prove tecniche della nuova stagione in arrivo, l'autunno, che da calendario meteorologico farà il suo ingresso il 1° settembre.

Il caldo torrido impatta sulla batteria degli iPhone

L’Europa sta vivendo un’eccezionale ondata di caldo. Lo sentiamo in Italia, dove tutto sommato siamo avvezzi a temperature che toccano o superano i 40 °C; ma lo sentono soprattutto nel Nord Europa, dove quei valori sono davvero rari. Perché Parigi o Londra, a luglio, possono essere calde; immaginarle a 42 °C però è davvero sorprendente. A rischio, con il caldo, non è solo la salute. O meglio, non è solo la nostra salute ma anche quella dei nostri dispositivi elettronici, in particolare quelli più utilizzati in mobilità. Lo smartphone, insomma. A segnalare i rischi è la stessa Apple, “mamma” del telefono più famoso al mondo, l’iPhone. La Casa di Cupertino ha pubblicamente avvisato gli utenti della possibilità che il caldo di questi giorni possa determinare la riduzione permanente della durata della batteria. Insomma, finisce il caldo ma la carica è compromessa irrimediabilmente. "Temperature basse o alte possono portare a cambiamenti nel comportamento del dispositivo" dice l’informazione di Apple. "Utilizzare un dispositivo iOS in condizioni di forte calura può ridurre permanentemente la vita della batteria". E quando Apple parla di forte calura si riferisce non solo a quella causata dal sole, ma anche al riscaldamento del telefono grazie a operazioni complesse o prolungate, che a loro volta surriscaldano i componenti interni. Altro dettaglio importante: la rete dati del cellulare scalda più della connessione WiFi. Ecco perché è importante assicurarsi che l’utilizzo intensivo del telefono avvenga in un luogo relativamente fresco. Inoltre, Apple ha rilevato alcuni comportamenti che importano un aumento delle temperature, invitando a evitarli. Certo, lasciare l'iPhone in macchina o esporlo alla luce diretta del sole per un lungo periodo di tempo sono situazioni che una minima dose di buon senso permette di evitare. Diverso è il caso del GPS, usato in macchina con una frequenza molto alta: qui è meglio che l’aria condizionata funzioni come si deve. Altrettanto importante è non privare d’aria il telefono, magari infilandolo in tasche troppo strette. Quando poi si sente che la scocca scotta come una bistecchiera, Apple è tassativa: smettete di usarlo.

Sentenza storica: i messaggi Whatsapp possono arrivare in Tribunale

Attenzione a ciò che si scrive o si legge su Whatsapp: una storica sentenza in Italia riporta sullo stesso piano le fonti cartacee e quelle digitali. In altre parole, tutti i messaggi scritti e vocali e le immagini che condividiamo ogni giorno con i nostri amici più cari potrebbero finire in Tribunale. Ovviamente ogni prova può ritorcersi contro la fonte del messaggio: noi stessi. Vediamo nello specifico cosa riguarda la sentenza storica su Whatsapp.
Sentenza storica Whatsapp - Hwupgrade mette in rilievo una storia tra un padre e una madre che ha condotto alla sentenza storica della Corte di Cassazione su Whatsapp. Si tratta della sentenza numero 19155/2019 del 17 luglio 2019. La lite scoppiata tra i genitori, infatti, riguardava il pagamento di una retta scolastica del figlio. Nella diatriba, però, sono entrati in gioco alcuni messaggi sulla piattaforma Whatsapp: la vera novità riguarda proprio questo nuovo tipo di fonte digitale. Il Tribunale non accetta più soltanto documenti probatori cartacei o email digitali. Da questo momento si possono presentare anche audio o immagini di Whatsapp. Non si tratta, però, di un provvedimento ufficiale.
Il parere degli esperti - Infatti, alcuni esperti e giuristi rivelano che questo caso in particolare non costituisca una giurisprudenza automatica. In altre parole, non ci sono sentenze che approvino definitivamente la possibilità di presentare materiali probatori derivanti da conversazioni avvenute su Whatsapp. E non hanno tutti i torti. Però, potrebbe avvicinarsi una rapida e opportuna modifica dei regolamenti che potrebbe cambiare il nostro modo di utilizzare Whatsapp. Lo scopriremo nelle prossime settimane.

Le persone scomparse in Italia sono quasi 60 mila

È un esercito di fantasmi. Persone uscite di casa la mattina e mai più ritornate la sera. Di cui si sono perse le tracce e non ritrovati nemmeno più i corpi. Sono gli scomparsi. Gente come il fisico Ettore Majorana, scomparso misteriosamente la sera del 25 marzo 1938, a 31 anni, e mai più riapparso. O come il professor Federico Caffè, economista, uscito dalla sua casa di via Cadlolo, un'elegante strada di Monte Mario, il 15 aprile 1987 senza farvi più ritorno.È un esercito forato da 59.044 persone, “tanti quanti gli abitanti di una città di medie proporzioni, tipo Savona o Matera”, dice in un'intervista all'edizione cartacea di Libero Quotidiano il prefetto Giuliana Perrotta, una lunga carriera al vertice del palazzo prefettizio delle province di Enna, Lecce e Cagliari e, dal 18 marzo, Commissario straordinario del governo per le persone scomparse. In una dicitura, Commissario ai misteri italiani.Tuttavia dal 1974 al 30 giugno 2019 le denunce di scomparsa nel nostro Paese sono state 236.656 e, tra queste, 90 mila circa hanno riguardato donne, di cui il 39;85% sono state ritrovate, ma di questi ritrovamenti l'1,3% era di corpi senza vita. In generale, rispetto alle 236.656 denunce, molte persone sono state ritrovate, però ci sono ancora da rintracciare 59.044 persone, di cui il 75% è rappresentato da minorenni, la stragrande maggioranza dei quali stranieri, pari al 67% della cifra delle persone da rintracciare. Un dato quest'ultimo, spiega il prefetto, legato, ovviamente, al fenomeno migratorio e si riferisce al periodo 2015-17 e all'allontanamento dai centri di accoglienza. “Spesso sono sedicenti minori perché privi di documenti”. E i minori italiani? Se è vero che la maggior parte degli allontanamenti si risolve in modo positivo con il ritorno a casa dei ragazzi, ricorda Giuliana Perrotta, “è anche vero che negli ultimi 5 anni abbiamo registrato dati che fanno riflettere: 350 casi in più dal 2014 al 2018”. Ci sono i minori affidati agli istituti che si occupano proprio di loro, che spesso scappano e “noi indaghiamo sulla cause dell'allontanamento perché c'è sempre una motivazione e nell'ultimo semestre “sono stati 419 gli allontanamenti volontari”. Poi ci sono le donne e le bambine (sono il 34% delle denunce) su 6.761 casi denunciati nell'ultimo semestre. E gli anziani, che sono il 6% e riguarda soprattutto over 65 “con problemi psicologici”. Si smette mai di cercare una persona scomparsa? “Mai” risponde il prefetto Perrotta.  “Adesso, poi, con le nuove tecniche che la scienza ha messo a disposizione, si cerca di risolvere anche i cosiddetti cold case. Bisogna poter riconoscere bimbi rapiti anni fa, oggi adulti”. Da ultimo un consiglio: denunciare subito la scomparsa di un parente, un amico, figlio o figlia. Entro le 24 ore. Non indugiare. “Prima partono le ricerche, meglio è”. È un esercito di fantasmi. Persone uscite di casa la mattina e mai più ritornate la sera. Di cui si sono perse le tracce e non ritrovati nemmeno più i corpi. Sono gli scomparsi. Gente come il fisico Ettore Majorana, scomparso misteriosamente la sera del 25 marzo 1938, a 31 anni, e mai più riapparso. O come il professor Federico  Caffè, economista, uscito dalla sua casa di via Cadlolo, un'elegante strada di Monte Mario, il 15 aprile 1987 senza farvi più ritorno. È un esercito formato da 59.044 persone, “tanti quanti gli abitanti di una città di medie proporzioni, tipo Savona o Matera”, dice in un'intervista all'edizione cartacea di Libero Quotidiano il prefetto Giuliana Perrotta, una lunga carriera al vertice del palazzo prefettizio delle province di Enna, Lecce e Cagliari e, dal 18 marzo, Commissario straordinario del governo per le persone scomparse. In una dicitura, Commissario ai misteri italiani. Tuttavia dal 1974 al 30 giugno 2019 le denunce di scomparsa nel nostro Paese sono state 236.656 e, tra queste, 90 mila circa hanno riguardato donne, di cui l'85% sono state ritrovate, ma di questi ritrovamenti l'1,3% era di corpi senza vita. In generale, rispetto alle 236.656 denunce, molte persone sono state ritrovate, però ci sono ancora da rintracciare 59.044 persone, di cui il 75% è rappresentato da minorenni, la stragrande maggioranza dei quali stranieri, pari al 67% della cifra delle persone da rintracciare. Un dato quest'ultimo, spiega il prefetto, legato, ovviamente, al fenomeno migratorio e si riferisce al periodo 2015-17 e all'allontanamento dai centri di accoglienza. “Spesso sono sedicenti minori perché privi di documenti”. E i minori italiani? Se è vero che la maggior parte degli allontanamenti si risolve in modo positivo con il ritorno a casa dei ragazzi, ricorda Giuliana Perrotta, “è anche vero che negli ultimi 5 anni abbiamo registrato dati che fanno riflettere: 350 casi in più dal 2014 al 2018”. Ci sono i minori affidati agli istituti che si occupano proprio di loro, che spesso scappano e “noi indaghiamo sulla cause dell'allontanamento perché c'è sempre una motivazione e nell'ultimo semestre “sono stati 419 gli allontanamenti volontari”. Poi ci sono le donne e le bambine (sono il 34% delle denunce) su 6.761 casi denunciati nell'ultimo semestre. E gli anziani, che sono il 6% e riguarda soprattutto over 65 “con problemi psicologici”. Si smette mai di cercare una persona scomparsa? “Mai” risponde il prefetto Perrotta. “Adesso, poi, con le nuove tecniche che la scienza ha messo a disposizione, si cerca di risolvere anche i cosiddetti cold case. Bisogna poter riconoscere bimbi rapiti anni fa, oggi adulti”. Da ultimo un consiglio: denunciare subito la scomparsa di un parente, un amico, figlio o figlia. Entro le 24 ore. Non indugiare. “Prima partono le ricerche, meglio è”.
 

Conti correnti: nuove regole dalla Banca d’Italia

La Banca d'Italia riscrive le norme del rapporto tra istituti e clienti: dal 1° gennaio 2020 più trasparenza e chiarezza 11 luglio 2019 - Con un provvedimento pubblicato recentemente in Gazzetta Ufficiale, la Banca d’Italia ha stabilito le nuove regole sulla trasparenza dei servizi bancari e la correttezza nelle relazioni con i clienti.Le modifiche entreranno in vigore dal 1° gennaio 2020 e prevedono maggiori informazioni e garanzie per i clienti delle banche che hanno rapporti di conti correnti. Le spese del conto dovranno essere scritte chiaramente: i costi dei vari servizi prestati dalla banche dovranno essere esposte in maniera chiara e dovrà essere facilmente comprensibile sia il dettaglio delle singole operazioni che il loro costo complessivo. Oltre all’estratto conto periodico e al documenti di sintesi, la banca dovrà inviare al correntista almeno una volta l’anno, anche il documento di riepilogo delle spese che dovrà indicare il tasso di interesse creditore e l’importo totale degli interessi maturati. Inoltre, se il correntista sconfina oltre i 300 euro (in assenza di fido) oppure supera di oltre il 5% l’importo dell’affidamento concesso e lo sconfinamento perdura per almeno un mese, la banca dovrà inviargli un’apposita comunicazione entro un mese e tre giorni.

Cibo contaminato dall’inchiostro delle confezioni, i rischi per la salute...

Le confezioni di cibo contengono inchiostro che può essere trasferito agli alimenti, contaminandoli e con rischi per la salute umana. Ecco cosa bisogna sapere. Un’indagine condotta dalla rivista Altroconsumo, insieme a tre associazioni di consumatori europee, ha scoperto che le tracce di inchiostro presenti sulle confezioni e gli imballaggi del cibo possono passare agli alimenti e contaminarli. Le analisi sono state effettuate su imballaggi di cartone destinati agli alimenti e su prodotti monouso come piatti e bicchieri di carta. Sono stati analizzati 76 prodotti in quattro Paesi europei, tra cui l’Italia, insieme a Danimarca, Norvegia e Spagna. Nell’esame dei prodotti sono state cercate due tipi di sostanze contenute negli inchiostri e che possono essere dannose per l’uomo: le ammine aromatiche primarie, che possono essere cancerogene e mutagene, e diversi tipi di fotoiniziatori, usati per dare brillantezza ai colori ma sospettati di essere cancerogeni o perturbatori del sistema endocrino. Si tratta di sostanze con le quali sarebbe da evitare il contatto. Mancando una normativa specifica che regola gli inchiostri nel cibo a livello europeo, i ricercatori hanno preso come parametri la legge svizzera sull’uso degli inchiostri per gli imballaggi alimentari e il parere dell’ente governativo tedesco di valutazione dei rischi alimentari (Bfr) riguardo al rischio di migrazione nel cibo delle ammine aromatiche primarie. Dai 76 campioni analizzati è risultato che 45 sono puliti, ovvero non trasmettono inchiostri e sostanze chimiche pericolose dalla confezione all’alimento. Altri, invece, hanno mostrato dei rischi. Di questi prodotti a rischio è risultato che 6 hanno rilasciato nel cibo fotoiniziatori in quantità eccessiva, sopra ai limiti fissati dalla legge svizzera, 4 campioni, di cui uno italiano, hanno rilasciato ammine aromatiche primarie in quantità superiore alla raccomandazione dell’ente tedesco sui rischi alimentari. Mentre 15 campioni hanno mostrato un alto contenuto di fotoiniziatori nell’imballaggio ma una migrazione bassa o nulla nel cibo. Infine, 9 campioni hanno mostrato quantità di ammine inferiori alla raccomandazione dell’ente tedesco. Il prodotto italiano con ammine aromatiche elevate sono gli stampi Tescoma per i muffin. In generale, comunque, sono molto più numerosi all’estero gli imballaggi e le confezioni che rischiano di trasmettere al cibo sostanze chimiche pericolose. Poi, i prodotti confezionati, rispetto a quelli monouso, presentano più problemi sia per le ammine aromatiche che per i fotoiniziatori. I risultati delle analisi di Altroconsumo e delle tre associazioni di consumatori europee sono stati inviati al Beuc (Bureau Européen des Unions de Consommateurs), l’organizzazione, con sede a Bruxelles, che rappresenta presso le istituzioni Ue 43 associazioni di consumatori europee da 32 Paesi. Le associazioni di consumatori chiedono con urgenza una normativa europea che regoli le confezioni di carta e cartone dei prodotti alimentari e l’uso degli inchiostri


Nel mercato italiano arriva la carne giapponese da 1000 euro al chilo

Taki Japan International è pronto a importare in Italia un lotto di carne giapponese da 1000 euro al chilo. A Roma, presso il ristorante giapponese Taki è possibile assaggiare la Hida-Wagyu. Si tratta di un lusso che in pochi possono permettersi: questo taglio di carne, infatti, è il più buone e sicuro al mondo. Ben presto, però, questo taglio arriverà nelle migliori macellerie della penisola grazie all’importazione di Taki Japan International.
Carne giapponese in Italia - La produzione di Hida-Wagyu avviene nelle fattorie di Hida, a nord della prefettura di Gifu. La zona, infatti, è interamente coperta di prati verdi incontaminati e alte montagne pittoresche. Fino a oggi il taglio è presente solo in un ristorante giapponese del quartiere Prati di Roma. Lì, la signora Yukari cucina la Hida-Wagyu quotidianamente. Tuttavia, il taglio di carne talmente pregiato potrebbe raggiungere ben presto gli altri ristoranti a 5 stelle dell’Italia. Questa carne risulta tenerissima proprio perché ricavata da bovini allevati in pascoli di montagna e con geni selezionati da un secolo. Le confezioni, tuttavia, saranno vendute solo con certificato di autenticità del Ministero dell’Agricoltura oltre a un altro attestato di Dna – Proof. Quest’ultimo dovrà riportate anche l’impronta in 3D dell’animale certificato.
L’allevamento di bovini - La carne giapponese deriva da una tecnica di allevamento unica nel suo genere. Infatti, fin dalla nascita gli animali vengono allevati allo stato brado con erba e fieno di riso. Solo in seguito si passa all’alimentazione con mangimi vegetali e autoctoni. L’azienda stessa spiega che “la percentuale e la distribuzione di grasso interno alle fibre forma una ragnatela, come un marmo. Maggiore è la presenza di grasso tra le fibre, più buona e salutare è la carne. Il grasso di questi manzi riduce il colesterolo”.

Ragazzo morso da una zecca da 6 anni vive con una rarissima malattia

È una storia drammatica quella di Joe Blackaby, 22enne gallese che da ben 6 anni convive con una rara malattia che gli ha letteralmente stravolto la vita. Blackaby, originario di Caldicot, ha infatti contratto la malattia di Lyme dopo essere stato morso da una zecca nell’estate del 2013. Da allora, ogni giorno deve affrontare innumerevoli sofferenze e l’unica soluzione sembra essere una cura specializzata negli Stati Uniti.
Il ragazzo morso da una zecca - Come raccontato dal ragazzo al giornale gallese Wales Online, l’inizio del suo calvario ebbe inizio 6 anni fa, dopo una nottata passata con degli amici al Reading Festival. Il mattino seguente Blackaby si risvegliò con un forte mal di testa, che inizialmente pensò fosse dovuto all’alcol bevuto la sera prima. Il dolore però non accennava a scomparire e il giovane decise così di svolgere alcuni esami medici, dai quali scoprì di aver contratto la malattia di Lyme. La malattia di Lyme è un’infezione batterica trasmessa dal morso delle zecche che colpisce gli organi interni, le articolazione ed il sistema nervoso. Il New York Times l’ha definita “la malattia infettiva che si diffonde più rapidamente nel mondo dopo l’AIDS.” Da allora la vita di Joe è drasticamente cambiata: “Mi sento come se mi fosse stata tolta la vita. È terribile vedere il mio corpo deteriorarsi così rapidamente e ci sono voluti ben tre anni per una diagnosi affidabile al 100 per cento. Purtroppo, ho contratto la malattia di Lyme, era quello che non avrei mai voluto sentirmi dire. Mi ha devastato il corpo e il metabolismo. Non riesco ad assimilare ciò che mangio e l’infezione batterica ha divorato la cartilagine delle mie ossa, che si spostano anche nella spina dorsale e mi causano dei dolori lancinanti ai muscoli. Al momento, l’unica cosa che posso fare è assistere passivamente al deterioramento progressivo del mio organismo.”
La raccolta fondi per le cure - L’unica possibilità che al momento ha Joe per curarsi è quella di sottoporsi ad un ciclo di antibiotici molto potenti che sfortunatamente non sono disponibili nel Regno Unito. Per questo motivo il giovane ha lanciato una raccolta fonti sul popolare sito internet GoFoundMe per poter pagarsi il trasferimento e le successive cure negli Stati Uniti. A tal proposito Joe ha raccontato: “Pensavo di raccogliere non più di 600 sterline in qualche mese, invece in due mesi abbiamo raggiunto quota 20mila sterline (oltre 22mila euro, ndr). Finalmente, dopo sei anni di inferno, posso guardare al futuro con ottimismo e fiducia. Sono molto positivo, so che posso andare negli Stati Uniti e fare ciò che posso per poter stare meglio e tornare ad avere una vita normale.”

Francia, ritrova sua gamba amputata in foto su pacchetti sigarette...

Roma - Un sessantenne di origina albanese, ma residente in Francia, è rimasto sconvolto quando ha visto l'immagine della sua gamba, persa nel 1997 in un assalto in Albania, stampata sui pacchetti di sigarette. Lo racconta oggi la BBC. "Fumare ostruisce le tue arterie", era scritto accanto all'immagine della gamba. L'uomo, che vive a Metz, si è rivolto agli avvocati i quali hanno contattato la Commissione europe per verificare come possa essere accaduto. La gamba presenta una serie di ustioni e ferite che la rendono facilmente riconoscibile. L'uomo ritiene che sia stata usata una fotografia scattata nell'ospedale albanese in cui fu visitato per verificare la possibilità che potesse installare una protesi. "E' abbastanza incredibile che una persona trovi se stesso, senza il suo accordo, su pacchetti di sigarette nell'Ue", ha commentato il suo legale Antoine Fittante. "Il mio cliente - ha aggiunto - si sente tradito, ferito nella sua dignità, vedendo la sua disabilità esposta su pacchetti di sigarette nei negozi: si dovrebbe ammettere che non è piacevole". Le immagini che vanno sui pacchetti di sigarette per avvertire dei rischi del fumo sono distribuite dalla Commissione europea.

Rottamazione ter entro 31 luglio: novità in vista

Importanti novità sono state diramate dall'Agenzia delle Entrate riguardo la rottamazione Ter, la cui scadenza è slittata al 31 luglio 2019 . Coloro che hanno già aderito alla Pace fiscale, la procedura agevolata per il pagamento delle cartelle esattoriali, con scadenza di presentazione delle domande entro il 30 aprile 2019, potranno scaricare on line dal sito dell'Agenzia la comunicazione inviata in risposta alle domande con l'elenco delle somme dovute e le relative modalità di pagamento. Il nuovo servizio è stato attivato dall'Agenzia delle Entrate, per permettere a coloro che non hanno ricevuto la comunicazione di rottamazione via posta, di poter scaricare bollettini e comunicazione, vista l'imminente scadenza della prima rata del 31 luglio.
Domanda di adesione Rottamazione Ter: nuova apertura - Una nuova domanda di adesione alla rottamazione Ter potrà essere presentata da coloro che non lo hanno fatto ad aprile, entro il 31 luglio prossimo. In questo caso, l'Agenzia delle Entrate provvederà ad inviare entro il 31 ottobre , ai contribuenti ritardatari, la comunicazione con l'elenco dei debiti e i bollettini per effettuare i pagamenti. La nuova apertura dell'invio delle domande prevede la scadenza della prima rata di pagamento il 30 novembre. Anche i contribuenti che aderiscono al secondo temine di presentazione potranno scaricare on line dall'Agenzia delle Entrate Riscossione la lettera di conferma di accoglimento o rigetto dell'istanza presentata. Per poter scaricare la copia della lettera non sono necessari PIN e Password, ma basterà allegare il proprio documento di riconoscimento e compilare la scheda "Richiesta di comunicazione" dal sito dell'Agenzia delle Entrate nella sezione " Rottamazione Ter ", "Comunicazione delle somme dovute".
Rottamazione Ter e Saldo e stralcio - L'Agenzia delle Entrate ha dato precedenza a "Saldo e stralcio", inviando una comunicazione ai contribuenti che avevano presentato sia la richiesta per la rottamazione Ter, sia per Saldo e stralcio , indicando le stesse cartelle. Tale comunicazione sarà inviata entro il 31 ottobre. L'Agenzia delle Entrate ha inviato una comunicazione per le somme dovute per la rottamazione Ter a coloro che avevano indicato cartelle diverse nelle due istanze.
ContiTu: il nuovo servizio dell'Agenzia delle Entrate - Il nuovo sistema pensato dall'Agenzia delle Entrate, chiamato ContiTu consente al contribuente, quando quest'ultimo si accorge di non riuscire a pagare l'intero importo oggetto della rottamazione, di poter scegliere solo alcuni importi da pagare entro la scadenza del 31 luglio . L'Agenzia delle Entrate, per le somme escluse, provvederà ad agire come la legge prevede con azioni di recupero crediti. L'Agenzia delle Entrate sul suo portale ha messo a disposizione di tali contribuenti un'apposita sezione, alla voce "ContiTu", attraverso la quale, dopo aver compilato la relativa scheda e indicato le cartelle che si intende pagare, il sistema rielaborerà un nuovo importo per ciascuna rata. Dopo aver effettuato questa procedura, l'Agenzia delle Entrate Riscossione invierà a mezzo mail i nuovi importi, unitamente ai bollettini RAV con le nuove scadenze.

Tar, via libera ai cani in spiaggia: i Comuni non possono vietarlo

Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio, con la sentenza numero 176 dell’11 marzo scorso, ha ritenuto illegittimo il divieto di ingresso ai cani in spiaggia. L’argomento era arrivato in aula a seguito di un ordinanza del comune di Latina che vietava agli amici a quattro zampe l’ingresso ai lidi nonostante guinzagli e museruole. Il divieto assoluto era esteso all’intera stagione balneare. Grazie a questa sentenza, però, i provvedimenti emessi saranno da ritenersi illegittimi. Ad annunciarlo, infatti, è Ilaria Innocenti della Lega antivivisezione.
La sentenza del Tar - “La scelta di vietare l’ingresso agli animali sulle spiagge destinate alla libera balneazione è irragionevole e illogica. Anche alla luce delle viste indicazioni regionali che attribuiscono ai Comuni il potere di individuare, in sede di predisposizione del Piano di utilizzo degli arenili, tratti di spiaggia da destinare all’accoglienza dei cani”. Questo è quanto emesso con la sentenza dello scorso marzo, grazie anche al contributo di Ilaria Innocenti. Il Tar ha anche ricordato che il divieto di accesso assoluto “incide anche sulla libertà dei proprietari dei cani” creando disuguaglianze nel caso di istituzione di apposite aree di accesso a pagamento. La magistratura Inoltre, la Magistratura ha precisato, riprendendo la sentenza del Tar della Calabria, che “l’amministrazione avrebbe dovuto valutare la possibilità di perseguire le finalità pubbliche del decoro, dell’igiene e della sicurezza mediante regole alternative al divieto assoluto di frequentazione delle spiagge. Ad esempio valutando se limitare l’accesso in determinati orari, o individuare aree adibite anche all’accesso degli animali, con l’individuazione delle aree viceversa interdette al loro accesso”

Attenzione: il colesterolo Hdl non protegge contro l'arteriosclerosi. Anzi...

Una proteina rilasciata dai polmoni, SP-B (proteina del surfattante polmonare B), indica la presenza di scompenso cardiaco, ne predice la prognosi e, soprattutto, è responsabile dell'aggravarsi della malattia. Lo abbiamo scoperto in uno studio pubblicato sull'ultimo numero dell'International Journal of Cardiology. I nostri risultati evidenziano che SP-B non è presente nel soggetto sano, si manifesta nei pazienti con scompenso cardiaco quando c'è un danno ai polmoni. In particolare , abbiamo riscontrato che maggiore è il valore di SP-B nel sangue, peggiore è la prognosi dello scompenso. Ma c'è di più: abbiamo anche scoperto che SP-B si lega in modo selettivo al colesterolo HDL, il cosiddetto “colesterolo buono”, e lo rende disfunzionale, trasformando le HDL da molecole protettive per l'organismo a molecole nocive. Le lipoproteine antiaterogene, cioè protettive, che costituiscono il colesterolo HDL, legandosi a SP-B per via della loro composizione affine, subiscono modificazioni a carico della loro struttura che ne riducono le proprietà antiossidanti, e dunque protettive. Trasformandosi diventano quindi molecole nocive (aterogene) e contribuiscono così alla progressione della patologia cardiaca. Questo studio ha contribuito a scardinare un dogma centrale dell'aterosclerosi, che vedeva nel colesterolo HDL un fattore protettivo, mettendo in evidenza come anch'esso può andare incontro a cambiamenti deleteri. La nostra ricerca rappresenta il tassello più recente di una lunga serie di pubblicazioni sulla proteina del surfattante polmonare di tipo B che portiamo avanti da anni e sanciscono l'importanza di questa molecola come marcatore di scompenso cardiaco e della sua prognosi. È un aspetto cruciale perché nella pratica clinica, ad oggi, non esistono ancora veri marcatori plasmatici dello scompenso e la diagnosi viene formulata con test funzionali, come il test da sforzo, che non sempre possono essere proposti a pazienti anziani e gravemente compromessi. Inoltre, essendo lo scompenso cardiaco una malattia multifattoriale, è difficoltoso trovare un elemento che la definisca e ci permetta di giungere a una diagnosi tempestiva ed efficace. Per tutte queste ragioni un test specifico che si possa eseguire sui campioni di sangue rappresenterebbe una svolta. Attualmente siamo già al lavoro per sviluppare una tecnologia moderna per la misurazione precisa della proteina del surfattante polmonare di tipo B nei pazienti con scompenso cardiaco allo scopo di sviluppare un dosaggio diagnostico. Negli anni infatti abbiamo studiato l'andamento del SP-B in diversi contesti, sia fisiologici – ad esempio nei sommozzatori o negli alpinisti in alta quota, situazioni in cui la scarsità di ossigeno simula le condizioni di scompenso cardiaco - sia in contesti patologici, per esempio nei portatori di bypass, nelle persone con aneurisma dell'aorta addominale o altre patologie cardiovascolari. Tutti studi che hanno avvalorato l'utilizzo del SP-B come marcatore per seguire l'evoluzione dello scompenso cardiaco e ottimizzare la terapia.
(Piergiuseppe Agostoni, professore ordinario di Cardiologia dell'Università degli Studi di Milano e coordinatore dell'area di Cardiologia Critica del Centro Cardiologico Monzino.
Cristina Banfi, responsabile dell'Unità di ricerca di Proteomica Cardiovascolare del Centro Cardiologico Monzino.)

 


I cani abbandonati sono destinati ad una morte atroce di fame. di sete e vittime di incidenti stradali !

ABBANDONARE UN CANE E' UN GESTO DI INCIVILTA' !

E' UN REATO !!

(Art. 727 codice penale)

AGOSTO

Agosto è l’8° mese dell’anno nel Calendario Gregoriano e abbraccia il periodo più caldo dell’anno, con il termometro che fa segnare le temperature più alte. Ciò lo rende tradizionalmente il periodo ideale per andare in vacanza. In natura segna la fase di raccolta in particolare del grano, come suggerisce il fatto che gli antichi romani avevano consacrato il mese a Cerere, dea delle messi e della vegetazione. Nei 31 giorni che lo compongono sono compresi i cosiddetti ”giorni della canicola” (dal 24 luglio al 26 agosto) durante i quali il caldo e l’afa raggiungono i livelli più alti. “Canicola” viene dal latino canicula, “piccolo cane”, nome dato alla stella più luminosa (Sirio) della costellazione del Cane Maggiore, che in questo periodo sorge prima del Sole. I Cattolici celebrano l’Assunzione di Maria al Cielo il 15 del mese, noto come giorno di Ferragosto e ispirata a un’antica festività romana.

 Per studiosi e appassionati di fenomeni celesti, è imperdibile la celebre notte di San Lorenzo, o “delle stelle cadenti”.  In quella data - convenzionalmente il 10 agosto ma che spesso slitta ai giorni successivi - si verifica il suggestivo fenomeno degli sciami meteorici: una pioggia di meteore che entrando a grande velocità nell’atmosfera terrestre si disintegrano in tanti piccoli corpi luminosi.

Se esprimi un desiderio è perchè vedi cadere una stella;
se vedi cadere una stella è perchè stai guardando il cielo ...
e se guardi il cielo è perchè credi ancora in qualcosa ...

 

 Il giorno 22  il Sole esce dal segno del  Leone  per entrare in quello della Vergine


LA LUNA DI AGOSTO

1/8/2019

Luna  nuova

7/8/2019

Primo quarto

15/8/2019

Luna piena

23/8/2019

Ultimo quarto


5 Vacanze in camper: luoghi per viaggiare on the road

Un modo diverso di vivere il viaggio, guidando, lasciandosi ispirare dal paesaggio, fermandosi dove si vuole per assaporare l'avventura e la libertà. Ci sono molti modi di spostarsi durante una vacanza anche a seconda della meta che si sceglie. Se qualcuno preferisce l'aereo e l'auto, ci sono poi gli amanti della barca a vela, quelli che sperimentano le houseboat, chi adora i cammini, chi il cicloturismo ed infine chi trascorre le vacanze in camper. Ogni mezzo ed ogni itinerario ha il suo fascino e nella vita bisognerebbe provare tutte le esperienze. Ma per chi sta pensando ad un itinerario da percorrere a bordo di una casa a quattro ruote, in famiglia o con gli amici, quali sono le mete più adatte?

Eccone 5 che abbiamo scelto per voi! Il Lago di Garda Quando si pensa ad una vacanza in camper è necessario informarsi bene se la zona che si vuole visitare è attrezzata per accogliere il mezzo, se ci sono camping e se le strade sono comode da percorrere.

Il lago di Garda è da sempre una meta molto amata dai camperisti di tutta Europa che qui possono godersi strade panoramiche e ottimi servizi. Dalla Penisola di Sirmione amata da Catullo, alla meravigliosa Gardone Riviera dove si trova la famosa casa di D'Annunzio, a piccoli borghi come Limone o Gargnano, il lago è anche circondato da montagne bellissime del Trentino ideali se si vogliono fare camminate e un po' di sport.


Il Parco del Gran Paradiso - Chi ama gli spazi aperti, la natura e la montagna non può non visitare il primo parco nazionale italiano, il Gran Paradiso Valdostano. Un viaggio adatto agli amanti del camper che vogliono scoprire i confini transalpini dalla Valsavarenache alla Val Di Cogne alla scoperta di piccoli borghi come Introd dall'atmosfera medievale e Degioz con le sue case rustiche intorno al campanile. Non solo, una volta parcheggiato il vostro mezzo, potrete dedicarvi a camminate e passeggiate per scoprire un habitat unico popolato da stambecchi, camosci, caprioli, marmotte e volpi. Dalle spiagge livornesi alla costa degli Etruschi

Un'altra meta adatta a chi decide di fare le vacanze in camper è la Toscana e precisamente il tratto che va da Livorno fino alla Costa degli Etruschi. Qui potrete fermarvi per tuffi e relax prima nel Golfo di Baratti, una lunga spiaggia orlata di pini marittimi, poi nel Parco della Serpia fino a spingervi sulle spiagge caraibiche tra Rosignano e Vada. Ma non solo mare perché basta spingersi un pò nell'entroterra per scoprire borghi come Suvereto e Montescudaio che vi lasceranno esterrefatti.

Da Narni alla Cascata delle Marmore -  Pochi pensano all'Umbria come meta di vacanze ed invece questa regione nel centro Italia riserva molte sorprese. Non solo vanta un patrimonio storico, artistico e religioso piuttosto ricco, ma può contare anche su una natura meravigliosa. A bordo di un camper potrete avventurarvi nell'affascinante Valnerina che va da Narni a Vallo Nera scoprire la città, gustare l'ottima cucina umbra e rilassarvi nel bellissimo parco della Cascata delle Marmore da raggiungere a piedi con una piacevole passeggiata.

Basilicata coast to Coast - Avete presente il famoso film di qualche anno fa Basilicata Coast to Coast? Perché non ripercorrere alcune strade di questa meravigliosa regione durante le vostre vacanze in camper? Partendo da Venosa potrete raggiungere i bei borghi di Castelmezzano e Pietrapertosa sulle Dolomiti Lucane, raggiungere la sorprendente Matera, visitare il Parco della Murgia, e scendere fino al mare di Policoro e di Marina di Ginosa. Una vera vacanza on the road!

 



SALUTE & BENESSERE

... Arriva l'estate e puntualmente,si scatena la corsa alla tintarella...


AMICI A 4 ZAMPE...

... I cani vengono quando li chiami. I gatti si annotano la chiamata... poi ti fanno sapere...

 


CASE E SERVIZI

 

 


AGRITURISMI  E  B&B

 

 


... LA DOLCE VOGLIA ...

 

 


MANGIAR BENE

 

 


SERVIZI DI PUBBLICA

 UTILITA'

 


I SEGNI DELLO ZODIACO

LEONE

Dal 23 luglio al 23 agosto

Dal carattere aperto e generoso il Leone può essere espansivo e sicuro di sé ma questa sicurezza non sempre corrisponde alla sua realtà interiore ...

... ALL'INTERNO TUTTE  LE NOTIZIE E LE CURIOSITA' SU QUESTO SEGNO ...

 


VIAGGI E TURISMO

 

... Leggete e scoprite quali sono i posti da andare a vedere prima che scompaiano per sempre ... ( all'interno di questa rubrica ) ...

Dalla grande barriera corallina in Belize fino ai nostri ghiacciai alpini, da città splendide come Venezia e Amsterdam fino al Mar Morto: abbiamo selezionato per voi 15 luoghi spettacolari del pianeta...

 


ORTO E GIARDINI

 


" L'aldilà ... "

Esiste la vita oltre la morte?

... questa rubrica è ...