Alla scoperta del Monferrato

Tra  Langhe  e  Roero

Il Vercellese e la Valsesia

Esperti Educazione Alimentare

www.naturhouse.it

nhchivasso@libero.it

 
 

BROZOLO

BRUSASCO

CASALBORGONE

CASTAGNETO

CAVAGNOLO

 CHIVASSO

LAURIANO

MONTEU DA PO

S. SEBASTIANO  PO

VERRUA  SAVOIA

CRESCENTINO




Gabiano

Mombello Monferrato


Moncestino


Ha guidato senza patente per 58 anni: anziano fermato e multato a Misano Adriatico, Rimini...


La storia incredibile di un 76enne riminese raccontata dal Resto del Carlino. 58 anni alla guida, ma non aveva mai dato l'esame per la patente. Poi è incappato in un controllo della Polizia Municipale con il sistema "targa system" ed è stato multato: ora dovrà pagare ben cinquemila euro. Protagonista della vicenda un 76enne di Misano Adriatico, nel riminese. A fermarlo, dopo oltre mezzo secolo passato indenne al volante, sono stati i vigili che hanno contestato all'uomo la mancata copertura assicurativa del veicolo, una vecchia Fiat Panda, emersa grazie al “targa system”, poi posta sotto sequestro. Il 76enne avrebbe dovuto dare l'esame di guida nel 1958. E invece, come spiega lui stesso al Resto del Carlino, "non l'ho mai dato. Sembra strano ma è così. Il motivo non so dirlo nemmeno io". Nel corso degli anni non sono mai stato fermato per un controllo. L'altro giorno era la prima volta che mi chiedevano di vedere la patente

Capodanno 2017: perché la notte di San Silvestro sarà più lunga...
Sarà una notte più lunga quella di Capodanno 2017. Alle 23:59:59, infatti, gli orologi di tutto il mondo faranno infatti un tic in più prima di entrare nell’anno nuovo. Il ritardo è dovuto al "secondo intercalare", un trucco per sincronizzare gli orologi con la rotazione del pianeta. In Italia, assicura l’Istituto Nazionale di Ricerca in Metrologia (Inrim), non ci saranno ritardi per il brindisi: per il fuso orario l’aggiunta del secondo avverrà all’una del primo gennaio. Il tempo impiegato dalla Terra per fare una rotazione completa non è esattamente di 24 ore, ossia 86.400 secondi, e può non essere sempre regolare (a causa delle maree o di interazioni gravitazionali) e generalmente è di una frazione di secondo in più. Uno scarto praticamente impercettibile ma che si somma giorno dopo giorno fino ad arrivare ad essere di un secondo in meno di due anni. “Oggi il tempo – spiega Patrizia Tavella, responsabile del Laboratorio di Tempo dell’Inrim – si misura per mezzo degli orologi atomici custoditi negli istituti metrologici nazionali di tutto il mondo”. L’ora degli orologi atomici, tuttavia, non equivale a quella basata sulla rotazione della Terra e “per mantenere in accordo la scala di tempo basata sulla rotazione terrestre con quella degli orologi atomici – ha proseguito – si aggiunge o si sottrae un secondo intero alla durata di un determinato giorno”. Il risultato finale è quello che viene chiamato Tempo Universale Coordinato (Utc), il fuso orario di Londra e usato quotidianamente da tutti i dispositivi elettronici. A decidere se e quando introdurre nuovi secondi è l’International Earth Rotation and Reference Systems Service (Iers) di Parigi: la misura fu usata per la prima volta il 30 giugno 1972. La nuova aggiunta è stata fissata per la mezzanotte del primo gennaio del fuso orario Utc, ma in Italia sarà quindi un’ora dopo. In Italia dopo le 00:59:59 non scatterà quindi l’ora esatta 01:00:00 ma saranno le 00:59:60.


Multe, record di incassi per il paesino marchigiano Serravalle di Chienti: in un anno un milione di euro


Nelle casse del Comune di Serravalle di Chienti, nel maceratese, in un anno sono entrati 925.448 euro. Secondo un'indagine di Openpolis, è proprio il paesino delle Marche - poco più di mille abitanti - a detenere il record di incassi pro capite dalle multe emesse dalla polizia locale. E questo grazie a un autovelox in località Gelagna Bassa, sull’ex statale 7. Gli introiti dell'autovelox di Serravalle di Chienti, però, sono destinati a cessare. Le auto, infatti, una volta uscite dalla superstrada non sono più obbligate a passare per Gelagna Bassa e grazie all'inaugurazione della Foligno-Civitanova evitano le multe. Facendo un confronto con le principali grandi città italiane si nota subito come l'incasso ottenuto con le multe del Comune marchigiano sia davvero ingente (831,49 euro per ciascun abitante). A Milano la media pro capite è di 101,92 euro, a Firenze 90,98 euro, mentre a Torino è di 58,07 euro. Di poco inferiore il valore registrato nel Comune di Roma, 57,61 euro, seguito da Bologna, 56,46 euro e Palermo, poco più di trentuno euro.


Vendesi castello del 1200: fantasmi gli unici inquilini da sfrattare...


„Il castello di Montebello, attualmente di proprietà dei conti Guidi di Bagno, è stato messo sul mercato. Ma la rocca non è "libera": i saloni del castello sono "abitati" da alcuni fantasmi, primo fra tutti quello di Azzurrina. Vendesi castello del 1200: fantasmi gli unici inquilini da sfrattare MONTEBELLO - Una struttura da oltre 2mila metri quadrati che, dalla cima di Montebello, domina tutta la Valmarecchia. Una dimora storica, le cui prime notizie risalgono al 1186 quando il castello venne venduto da Ugolinuccio di Maltalone a Giovanni Malatesta, che ha attraversato gli eventi della Romagna. Questo e tanto altro è il castello di Montebello, attualmente di proprietà dei conti Guidi di Bagno, che è stato messo sul mercato. Un vero e proprio affare da alcune decine di milioni di euro, anche se la trattativa è riservata, per chi volesse acquistare una dimora gentilizia e fare invidia ai propri conoscenti. Certo, come in ogni compravendita immobiliare, ci sono alcuni problemi dato che la rocca non è "libera". Secondo tante leggende, infatti, i saloni del castello sono "abitati" da alcuni fantasmi, primo fra tutti quello di Azzurrina, che difficilmente potranno esse sfrattati dal nuovo proprietario dal momento che vi risiedono da oltre 7 secoli.


Tasse, che incubo: recapitata cartella della Tari a un bimbo di 8 anni...


I
l piccolo si è beccato una "cartella pazza" da 338 euro della Tari, la tassa sui rifiuti. Il Comune di Città della Pieve: "Omonimia ed errore del sistema" Tasse, che incubo: recapitata cartella della Tari a un bimbo di 8 anni. PERUGIA - In un mondo fatto "di tasse" accade anche questo: un bambino di 8 anni di Città della Pieve si è visto recapitare una “cartella pazza” da 338 euro della Tari, la tassa sui rifiuti. Ciliegina sulla torta: il documento inviato dall’ufficio tributi riporta esattamente i dati anagrafici del bambino.
LA CRONACA DI PERUGIA TODAY - Il Comune, per giustificare l’accaduto, parla di un "probabile caso di omonimia", che "non si è mai verificato prima". E ancora: "Alla prima segnalazione è stato immediatamente risposto che non si sarebbe dovuto tener conto della cartella pazza e che gli uffici avrebbero immediatamente provveduto alla verifica con il gestore del programma informatico dell'anomalia che ha prodotto l'emissione della bolletta".
LA NOTA DEL COMUNE - "Abbiamo quindi appreso – prosegue il Comune - che il bambino di 8 anni erroneamente indicato come intestatario presenta tre casi di omonimia e che l'errore del sistema è probabilmente attribuibile a questo fatto, evidentemente il programma ha pescato un codice fiscale errato riferito ad omonimo. Con la cittadina ci siamo giustamente scusati già in quell'occasione e ribadiamo - conclude il Comune - che la cartella è già stata annullata contestualmente alla segnalazione"..


 

Il proverbio: " Il piacere delle piccole cattiverie ci risparmia più di una cattiva azione...!"

26 Giugno/1 Luglio, Caronte in crisi, ecco il Ciclone "CIRCE"...


Dal 26 Giugno al 1° Luglio, l'anticiclone africano Caronte verrà indebolito dalle correnti atlantiche che si faranno via via più minacciose al Nord.  Caronte rimarrà ben saldo al Sud.
26-28 Giugno - Tempo che diventa spesso instabile sull'arco alpino, localmente quello prealpino, il Piemonte e parte della Pianura Padana con temporali sparsi, localmente forti. Sole e caldo intenso al Centro-Sud.
29 -30 Giugno - Il ciclone "Circe" fa il suo ingresso sull'Italia. Temporali molto forti raggiungono tutto il Nord,  e il Centro. Locali grandinate e trombe d'aria. Sole al Sud.  1° Luglio - Pressione in aumento, locali temporali sui rilievi e zone orientali. Temperature in graduale diminuzione al Nord, in forte aumento al Centro-Sud tra il 27 e il 29 Giugno con punte di 37/40° anche a Roma e Firenze
.

Amazon porta il camerino a casa: abiti si provano poi si pagano


New York - Nuova iniziativa da parte di Amazon. Il colosso dell'e-commerce fondato da Jeff Bezos ha deciso di permettere ai suoi clienti di provare i vestiti prima di acquistarli. Il tutto a casa, gratuitamente. Il nuovo servizio, che ha messo a tappeto i titoli di retailer specializzato in abbigliamento, sarà fruibile da chi è iscritto ad Amazon Prime. L'azienda ha iniziato a testare questo nuovo servizio - che si chiama Wardrobe (guardaroba) - promettendo di portare "il camerino a casa tua". Gli utenti iscritti a Prime avranno la possibilità di scegliere tra una serie di prodotti di diversi marchi, tra cui Levi's, Adidas, Calvin Klein e Hugo Boss. Più di un milione di articoli di diversi brand sono a disposizione.La nuova mossa di Bezos, che venerdì scorso ha annunciato l'acquistato della catena americana di supermercati Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari, non farà felici gli esercenti tradizionali, le cui vendite in Usa sono in calo proprio per via di giganti come Amazon e di catene come Zara e H&M. Secondo gli analisti il colosso di e-commerce con sede a Seattle quest'anno è destinato a superare le vendite della famosa catena di centri commerciali Macy's e a diventare il più grande rivenditore di abbigliamento negli Stati Uniti. Gap perde il 3,8%, Abercrombie & Fitch cede il 3,6%, American Eagle Outfitters lascia sul terreno quasi il 4%.

Telefonate in Europa,  stop al roaming. Guida alle nuove regole


Finalmente basta bollette gonfiate al ritorno da un week end a Parigi. Dal 15 giugno chi viaggia in uno dei Paesi Ue, inclusi Norvegia, Liechtenstein e Islanda, userà lo smartphone esattamente come se fosse in Italia. Una tappa fondamentale per la realizzazione del “mercato unico digitale”, che è una delle priorità della Commissione europea. Il roaming è abolito solo nell’Unione europea. Nulla cambia, quindi, se si va in Svizzera, nel Principato di Monaco o ad Andorra. In questi casi si continuerà a pagare per il roaming sia voce che dati. Gli abbonati europei sono circa 754 milioni e beneficiare della fine del roaming saranno circa i due terzi, con un risparmio complessivo per gli utenti di un miliardo di euro. Il risultato è frutto di un processo iniziato dieci anni fa che già negli anni scorsi aveva portato a una riduzione dei costi del roaming. Le norme “roam like at home” riguardano chi viaggia occasionalmente al di fuori del Paese in cui vive o lavora, oppure studia, all’estero. Per poter usufruire delle tariffe nazionali anche quando si è nell’Ue “occorre trascorrere più tempo o utilizzare più spesso il telefono cellulare nel proprio Paese che all’estero”. Questo è quello che l’Unione europea definisce un “uso corretto dei servizi di roaming”. Diversamente, se una sim venisse usata all’estero in modo permanente, allora l’operatore ha la facoltà di applicare tariffe aggiuntive di roaming pure sempre con dei massimali. Gli operatori possono intervenire anche in caso di abuso dimostrato, come l’acquisto di sim in Paesi in cui le tariffe sono inferiori per usarle in quelli più cari. Il vicepresidente della Commissione con delega all’Agenda digitale, Andrus Ansip, ha spiegato che “esperti della Commissione, regolatori nazionali e associazioni di consumatori stanno controllando attentamente gli sviluppi del mercato in tutto i Paesi” e che nessuna società in Europa “ha motivo di usare la fine del roaming con scusa per aumentare i prezzi”.

Allerta caldo: decalogo Senior Italia per tutela salute anziani


R
oma - Ecco il decalogo di Senior Italia FederAnziani per far fronte all'emergenza caldo: 1) Non uscire nelle ore più calde della giornata, ovvero dalle 12 alle 17. 2) Bere almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno, in modo da reintegrare le perdite quotidiane di sali minerali. Evitare bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate e troppo fredde. Non eccedere con caffè o tè. 3) Consumare pasti leggeri. Preferire pasta, frutta, verdura, gelati alla frutta. Evitare cibi grassi e piccanti. 4) Arieggiare l'ambiente dove si vive, anche con l'uso di un ventilatore, evitando di esporsi alla ventilazione diretta. 5) Tenere il capo riparato dal sole. 6) Indossare abiti leggeri, non aderenti, di colore chiaro e tessuti naturali perché le fibre sintetiche ostacolano il passaggio dell'aria. 7) Non esporsi al sole in modo prolungato. Se, in seguito a un'eccessiva esposizione, dovesse insorgere mal di testa, fare impacchi con acqua fresca per abbassare la temperatura corporea. 8) Non restate all'interno di automobili parcheggiate al sole. 9) Non interrompere le terapie mediche, né sostituire i farmaci che si assumono abitualmente, di propria iniziativa. Consultare sempre il medico per ogni eventuale modifica delle cure che si stanno seguendo. 10) Se è possibile, è consigliabile andare in vacanza in località collinari o termali. A conclusione del decalogo, Senior Italia FederAnziani vuole ricordare anche l'undicesima, fondamentale, esortazione rivolta ai familiari, amici, figli, nipoti e vicini di casa dei nostri insostituibili 'nonni': "Non lasciateli soli!".

Tumori: cellule malate rilasciano messaggi per evitare cure


Roma - Le cellule tumorali del cancro del colon retto rilasciano delle vescicole, chiamate esosomi, che, come messaggi in bottiglia, influenzano le cellule circostanti anche sane, facendole ammalare a loro volta. Un meccanismo che, in pratica, aiuta il tumore a crescere e a reagire alle terapie somministrate. È quanto individuato in una ricerca i cui risultati sono pubblicati su "The American Journal of Pathology", rivista ufficiale della American Society for Investigative Pathology e condotta dai ricercatori dell'Istituto di Patologia Generale della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Prima autrice dello studio, sostenuto in parte dall'Associazione per la Ricerca sul cancro (AIRC), è Donatella Lucchetti, borsista AIRC che lavora a Roma nell'Istituto di Patologia Generale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore sotto la supervisione dei Alessandro Sgambato, Ordinario di Patologia Generale e di Ruggero De Maria, Direttore dell'Istituto di Patologia Generale. Il lavoro è stato svolto in collaborazione con l'Istituto di Fisica della stessa Università diretto da Marco De Spirito. La ricerca ha valutato l'effetto della "somministrazione" degli esosomi emessi da cellule di cancro del colon retto su cellule recipienti normali e tumorali

Equitalia: dal 1° luglio prelievo coatto dal conto corrente


Equitalia non è morta, ha solo cambiato pelle, o per meglio dire, nome visto che dal 1 luglio si chiamerà Agenzia delle Entrate-Riscossione.
I nuovi poteri - Oltre ad avere più poteri rispetto a come era prima. Uno di questi sarà la possibilità di accedere direttamente al conto corrente bancario o postale, direttamente, senza chiedere l'autorizzazione del giudice come era necessario per Equitalia. Questo grazie alla possibilità di avere i dati dell'Anagrafe Tributaria e dell'Inps e avere perciò una visione più ampia e informazioni più dettagliate sulla posizione del contribuente. Quest'ultimo, dopo i vari avvisi di pagamento e solleciti, ha a disposizione 60 giorni per chiedere la regolarizzazione della sua posizione anche tramite rateizzazione del debito. In mancanza di ciò scatterà, da parte della nuova agenzia delle entrate, il blocco del conto corrente, blocco che la stessa società di riscossione precisa, è da considerarsi come soluzione ultima ed estrema. Sempre i vertici dell'ex Equitalia sottolineano come la possibilità di pignorare senza l'autorizzazione del giudice sia una realtà effettiva già dal 2005, ciò che cambia è la mole di informazioni più dettagliata che le autorità di riscossione avranno in mano.
Cosa può fare il contribuente? - Da parte sua il contribuente che si vede fermato il conto corrente, dovrà presentare domanda di rateizzazione entro 60 giorni dalla notifica del blocco e solo dopo l'accettazione della richiesta da parte delle autorità e la constatazione del pagamento della prima rata di quanto pattuito, potrà tornare ad accedere ai vari servizi bancari o postali. C'è da chiedersi: se lo Stato è così solerte nel chiedere i soldi che, giustamente, gli sono dovuti, come si comporta quando, come spesso accade, è lui il primo ad essere in debito con aziende e privati?

Fisco, lettere a 147mila contribuenti su anomalie studi settore


Roma - Continua l'operazione compliance dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco mette a disposizione di oltre 147mila contribuenti le informazioni relative alle anomalie riscontrate nel triennio 2013-2015, sulla base dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore. Il provvedimento di oggi - informa l'Agenzia delle Entrate - definisce le tipologie di comunicazioni di anomalia, disponibili nel "Cassetto fiscale" dei contribuenti interessati, che consentono di mettersi in regola spontaneamente. Le comunicazioni di anomalia sono pubblicate nel "Cassetto fiscale" dei contribuenti interessati: chi è già abilitato ai servizi telematici potrà visualizzare un avviso personalizzato e riceverà un messaggio via sms o email. Inoltre, nel caso il contribuente abbia effettuato la specifica opzione in Unico 2016, la comunicazione sarà inviata tramite canale Entratel all'intermediario; diversamente, riceverà una Pec informativa relativa alla presenza di una comunicazione di anomalia nei dati degli studi di settore nel proprio Cassetto fiscale. In questo modo i cittadini avranno la possibilità di verificare le eventuali anomalie riscontrate dall'Agenzia e decidere se correggerle o giustificarle. In caso di chiarimenti, i contribuenti o gli intermediari possono utilizzare l'apposito software gratuito "Comunicazioni anomalie 2017", disponibile nella sezione "Studi di settore" del sito internet delle Entrate. Il provvedimento definisce 70 diverse tipologie di casi per l'anno 2017. In particolare, 58 sono legati esclusivamente all'attività di impresa, 6 esclusivamente ad attività professionali e 6 ad entrambe le tipologie di reddito. Rispetto alla campagna informativa dello scorso anno, sono state individuate ulteriori 8 tipologie di anomalia che riguardano nella maggior parte dei casi ulteriori ipotesi di soggetti esercenti attività di impresa o professionale con incongruenza tra studio di settore presentato e gli elementi specifici dell'attività indicati nel quadro D del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore.

Attenzione alla nuova truffa su WhatsApp


WhatsApp è l’app di messaggistica più usata al mondo, ma si conferma ancora una volta la più pericolosa. Per quel che riguarda le truffe online. L’ultima truffa che gira sugli smartphone coinvolge – suo malgrado – la catena di supermercati francese Carrefour. Sta arrivando a molti utenti, infatti, un allettante voucher da 250 euro da spendere nella catena di supermercati. Ovviamente, però, si tratta di una truffa. Cliccando sul link del messaggio truffa che viene inviato direttamente da un nostro contatto, generando così la classica “catena” tra contatti, si rischia di finire dritti nella trappola in grado di attivare costosi abbonamenti a pagamento sugli smartphone delle povere vittime. A intervenire è stata direttamente la Carrefour Italia con una nota ufficiale inviata ai propri clienti: “Carrefour Italia mette in guardia tutti i propri clienti sulla presunta truffa che in questi giorni sta girando online. Questa volta anche nella messaggistica istantanea come WhatsApp viene pubblicizzata la falsa emissione di un voucher sconto Carrefour tramite l’immissione di dati personali”. Anche la Polizia di Stato, sul proprio account Facebook “Una vita da social” ha messo in guardia dalla truffa con l’hashtag #OCCHIOALLATRUFFA e un post d’avviso. “Sono molti i cittadini che in questi giorni hanno ricevuto su WhatsApp un coupon a marchio ‘Carrefour’ del valore di 100 euro.Trattasi di truffa.Un vostro contatto condivide con voi un questionario da compilare per ottenere il buono spesa del ‘Carrefour’: per lui si tratta di un semplice ‘copia e incolla’, ma può portarvi a credere che anch’egli abbia partecipato con successo all’operazione.In fondo, si trova un link esterno che porta direttamente alla pagina web dove è ospitato il questionario. Tramite quest’ultimo sarà in grado di immagazzinare tutte le vostre informazioni personali (nome, indirizzo, numero di telefono, e-mail).E’ bene evitare di cliccare su link esterni, perché oltre ad esser truffe potrebbero nascondere anche virus” ha scritto la Polizia.

Partite Iva, cosa cambia con i nuovi indicatori di affidabilità (Isa)


Prendono il posto degli studi di settore e si chiamano indici di affidabilità fiscale (Isa). La commissione Bilancio della Camera ha approvato ieri l’emendamento di maggioranza con cui viene riscritta la proposta di legge presentata ad aprile. L’affidabilità sarà valutata dal Fisco con un punteggio da 1 a 10: più alto sarà il voto del singolo contribuente, più ampio sarà il perimetro premiale riconosciuto. L’idea è quella di semplificare il rapporto con il Fisco. I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale previsti dall’emendamento alla manovrina saranno elaborati in base a dati e informazioni relative a più periodi d’imposta. Misureranno su una scala da 1 a 10 il grado di affidabilità fiscale del contribuente anche in modo da consentirgli di accedere ai vantaggi rappresentati da rimborsi o compensazioni più semplici e in meno tempo. La prima applicazione è prevista con le dichiarazioni del 2018, quindi con riferimento al 2017. L’Agenzia delle Entrate dovrà individuare le attività a cui applicare i nuovi indicatori entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto sulla manovrina. Le esclusioni. Saranno previste delle specifiche esclusioni: gli indici non si applicheranno per i periodi di imposta nei quali le imprese o i professionisti hanno iniziato, cessato l’attività o non si trovano in condizioni di normale svolgimento della stessa. Il Mef potrà prendere ulteriori ipotesi di esclusione dall’applicabilità degli indici per determinate categorie di contribuenti. Quali vantaggi spettano ai più virtuosi? In base al grado di “fedeltà fiscale” saranno garantiti ai contribuenti più virtuosi una serie di vantaggi. Dalla mancata applicazione del regime delle società non operative all’esclusione del redditometro. Ma non solo, è previsto anche l’esonero dal visto di conformità per la compensazione dei crediti Iva fino a 50mila euro e per i crediti da imposte dirette e Irap fino a 20mila euro. Nessun visto di conformità anche in caso di rimborsi Iva fino a 50mila euro.

Il mare è un farmaco che cura almeno 16 malattie: lo dice la scienza


Una vacanza al mare può rappresentare una vera e propria cura per molte malattie Gettate tutti i medicinali e partite per una vacanza al mare. Grazie alla salsedine, allo iodio, all’aria salsoiodica, il mare può rappresentare una vera e propria cura per molte malattie. A trarre beneficio da un soggiorno in riva al mare, oltre agli effetti psicologici, sono almeno 16 malattie, dalle allergie respiratorie alle anemie, dall’artrosi alla depressione, ma anche distorsioni, fratture, ipotiroidismo, malattie ginecologiche, reumatiche, psoriasi e rachitismo. Ecco alcuni dei principali benefici apportati dal mare:
Migliora il respiro: l’aria vicina alla costa contiene una quantità più elevata di sali minerali. Cloruro di sodio e di magnesio, iodio, calcio, potassio, bromo e silicio provengono dalle onde che si rompono sulla riva e dagli spruzzi di acqua marina sollevati dal vento. I primi a beneficiarne sono i polmoni: la respirazione migliora sensibilmente fin dai primi giorni. Una sorta di aerosol marino.
Combatte la ritenzione idrica: nell’acqua marina c’è una notevole concentrazione di sali minerali e ciò, per osmosi, favorisce l’eliminazione, attraverso la pelle, dei liquidi accumulati nei tessuti. Combatte i chili di troppo: il sale stimola le terminazioni nervose dell’epidermide e, come conseguenza, accelera il metabolismo così il corpo brucia più velocemente i grassi.
Rinforza il sistema circolatorio: per merito della pressione che l’acqua esercita mentre si è immersi, della temperatura e del moto ondoso, che pratica un massaggio su tutto il corpo, la circolazione viene riattivata naturalmente.
Migliora il tono muscolare: il nuoto rilassa i muscoli, scioglie le contratture e regala mobilità alle articolazioni bloccate da artrite e artrosi.
Aiuta i reni: l’acqua del mare aiuta intestino e reni, depurando così tutto l’organismo.


GIUGNO

Giugno, denominato anche Mese del Sole o Mese della Libertà, è il 6º mese dell'anno secondo il calendario gregoriano, ed è il primo mese dell'estate nell'emisfero boreale e il primo dell'inverno nell'emisfero australe; conta 30 giorni e si colloca nella prima metà di un anno civile. Il nome deriva dalla dea Giunone, moglie di Giove. La denominazione Mese del Sole deriva dal fatto che in corrispondenza del 21º giorno del mese, ovvero nel solstizio d'estate, l'asse terrestre presenta un'inclinazione tale da garantire la massima durata di luce nell'arco di un giorno. In contrasto con il solstizio d'estate, il solstizio d'inverno che cade il 22 dicembre, rappresenta il giorno dell'anno solare più corto, in quanto l'asse terrestre raggiunge un valore di declinazione negativa, rappresentando quindi l'inizio della stagione invernale nell'emisfero boreale. La traduzione inglese del nome, June, viene usata come nome proprio femminile.

Il giorno 21 il Sole esce dal segno dei Gemelli per entrare  in quello del Cancro

   2 Giugno  - Festa della Repubblica

...Giorno 21   solstizio d'estate ...

LA LUNA DI GIUGNO 

 

1/6/2017

Primo quarto

9/6/2017

Luna piena

17/6/2017

Ultimo quarto

24/6/2017

Luna nuova


Isole Lofoten: il paradiso incontaminato della Norvegia


I paradisi terrestri non si trovano necessariamente al sud, in luoghi caldi e assolati. Le Isole Lofoten, a nord della Norvegia e del Circolo Polare Artico, sono forse l'esempio migliore di Eden nordico. Nelle sette isole principali che compongono l'arcipelago norvegese vivono circa 24 mila persone e, grazie alla Corrente del Golfo, il clima è più mite di quanto si creda... Simone Pazzano, giornalista e travel blogger, ci porta alla scoperta delle Isol
e Lofoten, e ha scelto per noi 5 avventure da vivere a nord del Circolo Polare Artico!Un viaggio nelle Isole Lofoten è una scoperta continua. Il mare di un blu intenso, le montagne che precipitano a picco nell’acqua, i villaggi dei pescatori e gli stormi di uccelli marini danno vita a un’atmosfera indimenticabile. Ma la natura delle Lofoten non va solo ammirata: il bello è interagire, andando alla scoperta di emozionanti angoli selvaggi e incontaminati, oppure unendosi ai locali per praticare l’attività più diffusa: la pesca. Anche in estate, quando le isole sono generalmente affollate di turisti, è possibile regalarsi rilassanti momenti di quiete e silenzio con vista su scorci mozzafiato.
Dormire nei rorbuer, le antiche case dei pescatori - Pensando alle Lofoten, non si immagina solamente la natura incantevole di queste isole nordiche. La mente corre infatti spontaneamente anche a un'immagine che ormai è diventata un'icona: le caratteristiche casette colorate di rosso perfettamente incastonate nel paesaggio. Si chiamano rorbuer e sono le antiche case-palafitte dei pescatori, che oggi sono state adattate in comodi alloggi adatti a ospitare i viaggiatori di tutto il mondo. Alloggiare in uno di questi villaggi è un’esperienza da fare, per calarsi meglio in questo piccolo mondo nordico. Si prova l’emozione di rilassarsi e dormire a due passi da un mare incantato e incantevole, e al mattino si aprono gli occhi grazie al suono della sveglia più naturale che sia: il verso dei gabbiani!Alcuni rorbuer, anche se hanno mantenuto intatta la loro atmosfera caratteristica, sono stati profondamente ammodernati e arricchiti di ogni comfort. Altri, invece, sono rimasti più fedeli alla tradizione: in entrambi i casi, questi alloggi sono una soluzione molto ricercata dai viaggiatori che partono all'esplorazione delle Isole Lofoten. Ecco perché è bene organizzarsi e prenotare con anticipo, soprattutto se si viaggia in estate. A Svolvaer – la città principale dell’arcipelago – si trovano i rorbuer più moderni, dotati di tutte le comodità, mentre nel piccolo villaggio di Rost si può alloggiare in rorbuer più antichi e isolati Partecipare a una battuta di pesca Il pesce, soprattutt
o il merluzzo, è nel DNA delle Isole Lofoten. Basta osservare le interminabili file di stoccafissi appesi sui tralicci, in attesa di essere esportati in tutto il mondo, per togliersi ogni dubbio. Partecipare a una battuta di pesca, qui nel nord della Norvegia, è un'esperienza emozionante e divertente che vale la pena di vivere. Appena saliti a bordo del peschereccio si viene assaliti da un venticello gelido e dal forte profumo del mare. Qui le belle giornate sono davvero belle, la limpidezza e l'azzurro del cielo lasciano sempre senza parole. Così come è ammirevole l’orgoglio con cui i norvegesi guidano i viaggiatori alla scoperta di una parte fondamentale della loro società. La battuta di pesca non è infatti una semplice escursione, ma una vera avventura che termina nel migliore dei modi: con un bottino ricco. Il mare delle Lofoten è molto generoso, difficilmente si rientra “sconfitti”! Rivivere la storia e la cultura locale al Museo Vichingo
Un viaggio nel viaggio. Il Museo Vichingo Lofotr, nel piccolo villaggio di Borg, vi immergerà nella storia di questa affascinante civiltà nordica e vi catapulterà indietro di mille anni. Al suo interno è possibile visitare la grande casa vichinga, ritrovata proprio qui a Borg e ricostruita fedelmente, e immaginare come doveva essere la vita mille anni fa in queste terre. L'allestimento interno, i percorsi interattivi, i filmati, gli oggetti della quotidianità e gli arredi aiutano a calarsi facilmente in quell'epoca così lontana. Non preoccupatevi: il museo è dotato di audioguide in diverse lingue che perme
ttono di capire perfettamente quello che si sta osservando. L'esperienza offre il meglio di sé durante la bella stagione; nei mesi estivi, infatti, la visita è arricchita da diverse attività all’aria aperta che coinvolgono grandi e piccini: tour su una nave vichinga, attività con arco e frecce e lancio dell’ascia! Fare trekking, rafting, immersioni e... surf! Non c’è stagione che tenga, alle Lofoten si può fare sport tutto l'anno: grazie alla natura meravigliosa e variegata, tutti troveranno un’avventura magica da vivere. Anche se non siete degli sportivi, fare trekking o noleggiare una bici vi verrà spontaneo in questi luoghi: sentirete il richiamo e l’impulso di partire per escursioni lungo sentieri battuti in passato dai vichinghi. Le pareti granitiche delle Lofoten sono perfette per fare climbing, ma al richiamo del mare è indubbiamente molto difficile resistere: parte del tesoro naturalistico delle Lofoten sta, infatti, proprio nelle loro acque, che si prestano ad affascinanti immersioni. Chi ama cavalcare sarà conquistato dal volto selvaggio di queste isole norvegesi: le escursioni guidate in sella a cavalli islandesi conducono alla scoperta di meravigliose spiagge bianche e di antichi sentieri vichinghi. Infine, forse non tutti lo sanno, ma qui si trova la scuola di surf più a nord del mondo. Cosa c'è di più magico del surfare le imponenti onde dell’artico?
Ammirare il sole di mezzanotte - Le Lofoten sono talmente magiche da riuscire a regalare anche giornate interminabili. Durante i mesi estivi, infatti, sopra il Circolo Polare Artico il sole non tramonta mai. Il famoso fenomeno del "sole di mezzanotte" lascia sempre senza parole, e offre spettacoli naturali mozzafiato, perché i paesaggi si colorano di luci e sfumature inusuali, da immortalare con scatti fotografici memorabili. L'altro vantaggio, molto pratico, è che queste
giornate infinite offrono più tempo da sfruttare e da vivere approfittando delle numerose attrazioni e delle attività appositamente proposte ai turisti. Gli amanti della vacanza active, per esempio, possono sfruttare queste ore di luce per partecipare a escursioni in canoa, in kayak o per le suggestive gite sulle slitte guidati dai cani. Ma è possibile anche fare delle escursioni guidate in barca, oppure partecipare a safari fotografici in cerca dell’aquila reale o a tour di birdwatching o whalewatching: avvistare un capodoglio mentre si prepara a effettuare un lungo tuffo nel profondo blu è una emozione che non ha prezzo. Gli instancabili possono dedicare la notte – addirittura – a giocare a golf! I più romantici preferiranno sicuramente piantare una tenda e godersi minuto per minuto lo spettacolo indimenticabile delle Isole Lofoten.


 

SALUTE & BENESSERE

...all'interno di questa rubrica  ...le 14 abitudini più dannose per il cuore ...


AMICI A 4 ZAMPE...

... la musica e i gatti sono un ottimo rifugio dalle miserie della vita ... !

 


CASE E SERVIZI

 

 


AGRITURISMI  E  B&B

 

 


MANGIAR BENE

 

 


SERVIZI DI PUBBLICA

 UTILITA'

 


 

I SEGNI DELLO ZODIACO

GEMELLI

Dal 21 maggio al 21 giugno.

 Segno di aria, mobile, governato dal pianeta Mercurio

 E' un sognatore e un idealista e quando i suoi ideali o sogni vengono infranti ne rimane ferito... è sovente dominato da facili entusiasmi...

... ALL'INTERNO TUTTE LE  NOTIZIE E LE CURIOSITA' SU QUESTO SEGNO...

 


 

VIAGGI E TURISMO

 

... SPAGNA MARE SPIAGGE CATALOGNA ANDALUSIA BALEARI ... ( all'interno di questa rubrica ) ...

 

vacanza-immagine-animata-0058

Spagna, il mare più bello d'Europa Da nord e sud sono migliaia i chilometri di costa insigniti dalle tantissime Bandiere Blu:  tutte le spiagge più belle...

 


 

ORTO E GIARDINI

 

 

" L'aldilà ... "

Esiste la vita oltre la morte?

... questa rubrica è ...

 


 

itinerandoper.it  -  P.IVA 1009351001