Alla scoperta del Monferrato

Tra  Langhe  e  Roero

Il Vercellese e la Valsesia

PRODOTTI:  MULTIFUNZIONE - STAMPANTI - GESTIONE  DOCUMENTALE - CLIENT/LAPTOP/SERVER - SICUREZZA  INFORMATICA - ARREDO  UFFICIO - SISTEMI  DI  COMUNICAZIONE  INTERATTIVA
 
VIA G. DELEDDA 2/2A - ASTI - TEL. 0141/477627 - FAX. 0141/477005 ...

info@raviolafranco.it  www.raviolafranco.it

 

 

 

SERVIZI: VENDITA - NOLEGGIO - CONTRATTI DI ASSISTENZA TECNICA ALL INCLUSIVE - ASSISTENZA  TECNICA ON SITE - FORNITURA  MATERIALI  DI  CONSUMO
 
VIA G.DELEDDA 2/2A - ASTI - TEL. 0141/477627 - FAX. 0141/477005 ...

info@raviolafranco.it  www.raviolafranco.it

... LA PROVINCIA DI TORINO...

BROZOLO

BRUSASCO

CASALBORGONE

CASTAGNETO

CAVAGNOLO

 CHIVASSO

LAURIANO

MONTEU DA PO

S. SEBASTIANO  PO

TORRAZZA  

VERRUA  SAVOIA


... LA PROVINCIA DI VERCELLI...

CIGLIANO

CRESCENTINO

LIVORNO  FERRARIS

SALUGGIA

TRINO VERCELLESE





Gabiano

Mombello Monferrato


Moncestino



Ci sono notizie che nessuno sa o che non si è mai chiesto, e che abbiamo deciso di riunire per formare una lista che vi trasformerà in un’enciclopedia vivente. Quante ore passa un umano fermo al semaforo? Quante cose meravigliose si possono fare con un foglio di carta? I biscotti possono raggiungere la luna? Sono solo alcune delle domande a cui abbiamo risposto. Tutti fatti reali, da utilizzare ogni qualvolta vi trovate senza nulla da dire (vedrete che dibattiti importanti scatenerete) o avrete voglia di impressionare gli amici. La guida definitiva alle curiosità del nostro strano mondo.

 I croissant sono originariamente austriaci e non francesi.

 In un mazzo di carte, il re di cuori è l’unico senza baffi - In media le persone spendono in totale due settimane di vita aspettando il semaforo verde.

Prima della gomma si usava il pane per cancellare i segni della matita.

 A proposito di matite: contengono abbastanza grafite per tracciare una linea di 55 chilometri.

Il cioccolato al latte era inizialmente venduto come medicinale

 Non si può piegare un foglio A4 a metà più di sette volte.

Impilando tutti i biscotti Oreo prodotti nel mondo, si raggiungerebbe la luna e si tornerebbe indietro circa cinque volte.

I trailer dei film erano inizialmente riprodotti dopo il film, da qui il nome (che in inglese significa anche “seguire”).

 Servono 27 mila alberi per tenere il passo della richiesta mondiale di carta igienica

Tutte le batterie del mondo potrebbero essere sufficienti ad alimentare il bisogno mondiale di energia per soli dieci minuti

Il primo prodotto al mondo ad avere il codice a barre è stato un pacchetto di gomme da masticare Wrigley.ì

 Ogni giorno vengono prodotti più di 400 milioni di M&MS.

 Il nome intero di Barbie è Barbara Millicent Roberts. -

Aggiungere sale all’ananas lo rende più dolce.

 La compagnia giapponese YKK produce più del 90% delle cerniere mondiali


Costerebbe di più riempire il serbatoio di un jet A 747 che comprare il jet stesso: contiene fino a 238.480 litri di benzina.

 Riciclare una lattina di alluminio consente un risparmio d’energia equivalente al guardare la tv per tre ore.

Il miele è l’unico alimento che non va mai a male, ma su 20mila specie di api soltanto quattro producono miele.

I Lego prodotti nel 2012 potrebbero girare intorno al mondo diciotto volte.

L’acqua tonica brilla nel buio.

La bandiera degli Stati Uniti fu disegnata da uno studente di 17 anni, Robert G. Heft, come parte di un progetto scolastico. Il voto assegnatoli fu B-

L’accendino fu inventato prima dei fiammiferi.

La pillola anticoncezionale ha effetto anche sugli scimpanzé.

 Il 99% dell’oro presente sulla terra si trova nel suo centro e non è estraibile. Se potessimo appropriarcene, saremmo probabilmente in grado di ricoprire il pianeta con uno strato d’oro di quasi mezzo metro.

La prima webcam aveva il compito di controllare il livello di una caffettiera all’Università di Cambridge.

Le arachidi sono legumi e non frutta secca.

 Il velcro è ispirato alle piante che restano attaccate ai vestiti, come quelle di montagna. Un esempio è il cardo alpino..


Il proverbio: " Le persone che piangono di felicita' sono quelle che nell'infelicita' hanno dovuto a lungo sorridere!”...

Primo weekend di Agosto con la canicola! Poi tra Sabato 1 e Domenica 2  qualche temporale

L'estate ha davvero iniziato a fare sul serio con la prima vera ondata di calore. E nei prossimi giorni questo trend rovente proseguirà. Anche il primo weekend di agosto sarà caratterizzato dalla canicola, ma attenzione perché tra sabato 1 e domenica 2 qualcosa potrebbe già cambiare con qualche temporale, anticipando quello che poi accadrà nel corso della prossima settimana. Partiamo dalla giornata di sabato 1 agosto quando il bollente anticiclone africano continuerà a surriscaldare in maniera pesante tutta l'Italia. Si tratterà molto probabilmente della giornata più calda di questa fase africana, con le temperature che potranno raggiungere facilmente picchi di 40°C, Inizialmente non ci aspettiamo grandi novità neppure per la giornata di domenica 2, caratterizzata ancora da tanto sole su tutto il territorio nazionale, con temperature ancora caldissime. Tuttavia, col passare delle ore un fronte temporalesco alimentato da un vortice ciclonico in discesa dal Nord Europa si avvicinerà all'Italia provocando i primi fenomeni temporaleschi, specie sull'arco alpino centro-occidentale: attenzione perché, visti i forti contrasti termici, non è esclusa la formazione di imponenti celle temporalesche con il serio rischio di grandinate. Entro la serata qualche temporale potrà sconfinare fin verso le pianuredel Nord. E non è finita qui in quanto il vortice depressionario riuscirà a sfondare sul nostro Paese con l'inizio della prossima settimana portando rovesci temporaleschi molto violenti con il pericolo di grandinate e forti colpi di vento.

L'estate va in blocco! Già prima di Ferragosto ecco cosa accadrà...

Questa strana estate sta regalando numerosi colpi di scena passando da un estremo all'altro con il nostro Paese proprio nel mezzo del campo di battaglia tra roventi ondate di caldo e break temporaleschi, talvolta anche molto intensi. Dopo l'attuale fiammata africana, è plausibile quindi un nuovo blocco della stagione già prima di Ferragosto? In conclusione della nostra analisi cercheremo di dare una risposta a questa domanda. Nei prossimi giorni farà veramente caldo a causa dell'arrivo dall'Africa di un promontorio anticiclonico che pomperà aria sempre più bollente dall'entroterra algerino e tunisino verso l’Italia. Nell'attraversare il Mar Mediterraneo queste correnti calde si arricchiranno anche di ingenti quantità di umidità che andrà a sedimentarsi nei bassi strati dell'atmosfera creando i presupposti per la formazione di una vera e propria polveriera, pronta ad esplodere. In gergo meteorologico questo parametro viene definito "CAPE" e rappresenta l'energia potenziale in gioco per lo sviluppo delle celle temporalesche più intense, in altre parole è l'indice di potenzialità di forti temporali. Quale sarà la miccia che potrebbe innescare i temporali? - Dando uno sguardo alle ultime proiezioni disponibili, sembra che tra il 3 e il 5 agosto un vortice ciclonicoin discesa dal Nord Europa possa ferire l'anticiclone, dando il via ad una breve, ma incisiva, fase di maltempo sull'Italia. Attenzione perché a causa dei forti contrasti che potrebbero venirsi a creare, caldo umido da una parte e aria fresca ed instabile in quota dall'altra, non escludiamo la possibilità di fenomeni violenti, accompagnati da intense raffiche di vento, grandinate e nubifragi. Al momento, è difficile dettagliare, vista la distanza temporali, tuttavia con questo tipo di perturbazioni le regioni maggiormente a rischio sarebbero prima quelle settentrionali, ma successivamente, anche quelle del Centro. Per avere un quadro più preciso e capire dove colpiranno i fenomeni occorrerà aspettare ancora qualche giorno. Detto questo potrebbero non mancare i colpi di scena, con il rischio purtroppo anche di eventi estremi come quelli già verificatisi in questa prima parte d'estate. E poi? Ci sarà davvero un blocco della stagione in vista di Ferragosto? La risposta al momento è NO. Al termine di questa passata temporalesca l'alta pressione dovrebbe infatti riuscire abbastanza tranquillamente a riprendersi i suoi spazi, garantendo di nuovo una discreta stabilità atmosferica buona parte del Paese. Magari, questo sì l'anticiclone potrebbe risultare meno invasivo di quello che sta attualmente ingabbiando l'Italia. Ma avremo modo di riparlarne.

CORONAVIRUS: seconda ondata di contagi già entro la fine di agosto . Ecco Perché secondo il prof. Crisanti

L'attenzione di questi giorni è rivolta, oltre che all'aumento dei casi di coronavirus su gran parte dell'Italia (tra alti e bassi), anche a quello che potrebbe accadere nei prossimi mesi e in particolar modo a quell'ipotetica seconda ondata di contagi che, secondo alcuni medici potrebbe arrivare prima del previsto. A tornare su questo tema è stato nelle ultime ore il prof. Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all’Università di Padova, che ha gestito le prime fasi dell’emergenza sanitaria in Veneto, il quale ha dichiarato che qualcosa non gli torna. Secondo Crisanti, guardando ai numeri dei Paesi limitrofi "viene da pensare che avremo problemi con il Covid-19 non a ottobre/novembre, come si era ipotizzato, ma già alla fine di agosto. In Italia abbiamo molti casi in meno degli altri Paesi europei, quindi c’è il dubbio che non stiamo effettuando i tamponi alle persone giuste". Secondo il medico la strategia dei tamponi è da sempre l’unica strada vincente contro il virus. E ha aggiunto "Non voglio per forza essere pessimista” continua. “Magari siamo i più bravi, i più efficaci nell’isolare i focolai. Comunque sia, sarebbe utile conoscere le ragioni della differenza dei nostri dati con quelli degli altri Paesi". Secondo la sua opinione, una strategia efficace sarebbe ora quella di aumentare i controlli su chi arriva. In generale, comunque, a fare la differenza sarà se si deciderà o meno di intraprendere un’azione di tracciamento più efficace attraverso i tamponi molecolari. "Costerà molti soldi, ma ricordiamoci sempre quanto ci è costato il lockdown", ha concluso Crisanti. A questo punto, dunque, sarebbe meglio investire in tamponi piuttosto che in bonus?

Covid, "Russia approverà vaccino tra due settimane"

E' un momento Sputnik", sostiene Kirill Dmitriev, a capo del fondo sovrano russo che finanzia le ricerche per il vaccino, riferendosi al lancio del primo satellite al mondo nel 1957 da parte dell'allora Unione Sovietica. "Gli americani rimasero sorpresi quando sentirono i bip dello Sputnik. E' lo stesso col vaccino. La Russia ci arriverà per prima". La Russia, sottolinea la Cnn, non ha però diffuso alcun dato scientifico sui test effettuati per il vaccino ed è impossibile al momento verificare in maniera indipendente la sicurezza o l'efficacia del farmaco.
 

Proroga stato emergenza: cosa cambia per scuola, lavoro e trasporti

Martedì 28 luglio il Senato ha dato il via libera alla proroga dello stato di emergenza per il coronavirus fino al 15 ottobre 2020. Secondo il premier Giuseppe Conte, “il virus circola ancora” ed è “imprevedibile”, dunque il governo ha ritenuto necessario estendere la validità delle misure adottate per far fronte al pericolo sanitario. Dura la reazione delle opposizioni, in particolare di Matteo Salvini che ha telefonato al presidente Sergio Mattarella: "Sono sconcertato".
Scroll back up to restore default view. - Ma, polemiche a parte, cosa cambierà per gli italiani? Quali saranno gli effetti dell’ennesima proroga sulla quotidianità dei cittadini? Sottolineando che lo stato di emergenza non significa lockdown, proviamo a ipotizzare come tale decisione impatterà su lavoro, scuola, trasporti e altri settori da qui a metà ottobre.
Smart working - Per i dipendenti pubblici e privati si può ricorrere allo smart working fino al termine dello stato di emergenza. Quando invece si tornerà alla situazione ordinaria, anche i criteri per il lavoro a distanza dovranno essere rivisti. Va detto che la durata dello stato di emergenza di rilievo nazionale non può superare i 12 mesi, ed è prorogabile per non più di ulteriori 12 mesi (articolo 24 comma 3 del Codice della protezione civile).
Scuola - Tutte le gare per reperire il materiale necessario a far ripartire la scuola, ma anche a rifornire di dispositivi di protezione gli uffici pubblici e a distribuirli a prezzi calmierati per i cittadini ora, possono essere svolte seguendo un iter più snello. In particolare lo stato di emergenza consente al commissario Domenico Arcuri di acquistare banchi, test sierologici, mascherine, guanti e tutto quel che viene ritenuto necessario per fronteggiare i rischi di nuovi contagi, senza dove applicare il codice degli appalti e quindi accorciando procedure e inevitabilmente i tempi. Si tratta comunque di gare pubbliche, ma alcuni passaggi vengono eliminati proprio per garantire la celerità.Dubbi permangono, invece, sulle modalità di effettuazione dei concorsi che potrebbero svolgersi anche telematicamente (sono previste a fine settembre). Come sottolineato dal ministro della Pa, Fabiana Dadone, si va verso la completa abolizione del cartaceo con l’adozione di supporti informatici per lo svolgimento delle prove.
La movida e i giovani - Il monitoraggio settimanale effettuato dal ministero della Salute sulla base dei dati forniti dalle Regioni sarà aggiornato per tutta la durata dello stato di emergenza, dunque per altri tre mesi. Si tratta di un quadro di situazione che tiene conto di 21 indicatori e calcola l’indice di trasmissione del coronavirus (il famoso Rt) sulla base del numero dei nuovi contagi, dei guariti, dei deceduti ma anche e soprattutto analizzando la tenuta delle strutture sanitarie e in modo particolare i posti liberi nei reparti Covid e quelli delle terapie intensive. Il monitoraggio consente anche di gestire i focolai e di modulare le aperture e le chiusure di alcune aree del Paese. E serve a prendere misure particolari in quelle zone, prime fra tutte quelle della movida, dove è più alto il rischio che si possa avere un aumento dei casi positivi. Voli e altri mezzi di trasporto L’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza a metà luglio prevede il blocco dei voli aerei, dei treni e di tutti gli altri mezzi di trasporto per il collegamento da e per la Serbia, il Montenegro e il Kosovo, i tre Paesi aggiunti alla lista di quelli a rischio per la pandemia da Covid-19, che già comprendeva 13 nazioni. Attualmente lo stop riguarda dunque 16 paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Serbia, Montenegro e Kosovo. L’ordinanza ha imposto invece l’obbligo di quarantena per chi proviene da Romania e Bulgaria. Si tratta di provvedimenti che possono essere presi proprio sulla base dello stato di emergenza. La lista, dunque, potrebbe allungarsi nei prossimi mesi.
Fiere e altri eventi - La proroga consente di rinnovare l’ultimo provvedimento firmato il 14 luglio scorso che ha esteso tutte le misure in vigore e ha rinviato di altre due settimane la riapertura delle discoteche al chiuso e il via libera alle sagre, alle fiere e agli eventi pubblici. Il nuovo Dpcm dovrà essere firmato il 31 luglio. Le Regioni potranno continuare a firmare ordinanze, ma è comunque previsto che consegnino prima le linee guida al governo, che funge da “regista”
Questione migranti - La gara per reperire una nave da 1000 posti dove sistemare gli stranieri che devono effettuare la quarantena può essere svolta con criteri di urgenza in modo da poterla avere a disposizione nel più breve tempo possibile. Anche tutte le altre scelte collegate alla gestione dei migranti, soprattutto per l’emergenza sanitaria, possono essere fatte seguendo iter più rapidi e snelli.

Contanti, nuovo limite pagamento: cosa c'è da sapere

Meno cash in circolazione, nessun limite specifico ai prelievi e ai versamenti del denaro contante in banca. Ma 'nero' di fatto ancora libero per i mini acquisti, anche sfruttando il trucco dei pagamenti frazionati: le nuove soglie saranno facilmente aggirate col risultato che il gettito fiscale non subirà vantaggi particolari, ma i consumi potrebbero subire una stretta anche per motivi di tipo psicologico. Ecco il vademecum di Unimpresa in vista dell’entrata in vigore, da mercoledì 1 luglio, del nuovo tetto per i pagamenti con le banconote che cala da 3.000 a 2.000 euro che poi scenderà ancora a 1.000 euro da gennaio 2022. “È il momento peggiore per introdurre tetti al contante: con la peggiore crisi degli ultimi decenni da affrontare, tutte gli sforzi vanno indirizzati per favorire e stimolare la spesa e non per fiaccare gli acquisti delle famiglie” commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara. Secondo quanto spiegato dal Centro studi di Unimpresa, dal giorno 1 luglio 2020, cala da 3.000 a 2.000 euro il limite per eseguire pagamenti con denaro contante. Per l’esattezza le soglie sono rispettivamente 2.999,99 euro e 1.999,99 euro. Da gennaio 2022 si scenderà ulteriormente a 1.000 euro (999,99 euro). Per i pagamenti di importo maggiore diventa obbligatorio l’utilizzo di bonifici, strumenti digitali e denaro di plastica (carte di credito e bancomat). Il concetto di fondo è la tracciabilità. Le sanzioni partono da 3.000 euro e arrivano fino a 50.000 euro per una singola operazione, secondo la gravità dell’infrazione. La stretta al contante ha un duplice obiettivo: contrastare l’evasione fiscale e combattere il riciclaggio del denaro sporco. Non esistono limiti specifici per quanto riguarda la movimentazione di denaro in banca, sia per quanto riguarda i prelievi sia per quanto riguarda i versamenti. Ciò perché il versamento o il prelievo non configura un cosiddetto trasferimento tra soggetti diversi. Tuttavia, i conti correnti sono soggetti a controlli da parte dell’agenzia delle Entrate - che ha accesso a tutti i dati bancari per accertamenti di natura tributaria, ricorda Unimpresa. Stesso discorso per le verifiche da parte dell’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia, per quanto riguarda le norme sull’antiriciclaggio. In questo caso, peraltro, l’operatore bancario può segnalare operazioni sospette in relazione a movimentazioni consistenti di contanti. Dallo scorso anno è in atto il nuovo meccanismo di controllo dell’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia: sotto la lente dell’Uif finisce chi movimenta contanti, tra prelievi e versamenti, oltre 10.000 euro in un mese anche con più operazioni di importo minore, ma comunque superiore a 1.000 euro.

Credito d'imposta per pagamenti elettronici, le novità

Con il limite dei contanti dal primo luglio viene introdotto anche il credito d'imposta per i pagamenti elettronici con lo scopo di rafforzare i pagamenti digitali come forma di lotta all'evasione fiscale, il tutto attraverso bonus sui pagamenti elettronici. "L'incentivo su detti pagamenti digitali è un credito d'imposta, riconosciuto agli esercenti attività di impresa, arte o professioni che abbiano pero avuto ricavi o compensi nell'anno precedente fino a 400mila euro" spiega, parlando con l'Adnkronos, la commercialista Rossella Moroni. "Il valore del bonus è pari al 30% delle commissioni sulle operazioni con carte (di credito, debito o prepagate) o altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili, nei confronti di consumatori finali (persone fisiche che agiscono per scopi estranei all'attività eventualmente svolta)". "Per comprendere meglio: un commerciante che nel 2019 ha fatturato 298.000 euro potrà godere di un credito d'imposta pari al 30% delle commissioni addebitate dagli intermediari su tutte le transazioni elettroniche effettuate a partire dal prossimo primo luglio. Un professionista che nel 2019 ha fatturato 400.001 euro non può utilizzare l'agevolazione nel 2020, ma potrà eventualmente applicarla l'anno prossimo se il fatturato di quest'anno dovesse scendere sotto i 400mila euro". "Tutte le istruzioni operative sono contenute nel provvedimento dell'Agenzia delle Entrate dello scorso 29 aprile e in quello della Banca d'Italia del 21 aprile". Il credito d'imposta in sintesi, spiega, "può essere usato esclusivamente in compensazione, tramite modello F24, dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa". "Va riportato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta di maturazione del credito e in quelle degli anni seguenti, fino a quando se ne conclude l'utilizzo". "Non concorre, inoltre, alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, e del valore della produzione ai fini Irap. Non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 (deducibilità degli interessi passivi) e 109, comma 5 (deducibilità dei componenti negativi), del Tuir, il testo unico imposte sui redditi ed è riconosciuto nel rispetto dei limiti fissati dalle norme europee in materia di aiuti de minimis, ossia massimale di 200mila euro nell'arco di tre esercizi finanziari, con limite più basso per i produttori agricoli (15mila euro) e per chi opera nel settore della pesca e dell’acquacoltura (30mila euro)" conclude.
 

Guarito dal coronavirus, ma il conto è di oltre 1 milione...

Un conto da oltre 1 milione di dollari. Tanto è 'costata' la guarigione dal coronavirus per un cittadino di Seattle. La vicenda di Michael Flor, 70 anni, è raccontata dal Seattle Times. L’uomo è stato ricoverato per 62 giorni, si è trovato in condizioni disperate e ha detto anche addio a moglie e figli con un’ultima telefonata. Poi, la sorprendente guarigione. Ora Flor è in convalescenza nella sua casa di West Seattle, dove ha ricevuto il conto per la permanenza nello Swedish Medical Center in Issaquah: 1.122.501,04 dollari. Ogni centesimo documentato in un ‘libro’ di 181 pagine. Spiccano i 9.736 dollari spesi per ogni giorno in terapia intensiva, i 408.912 dollari per garantire l’isolamento della stanza, gli 82.215 dollari necessari per garantire la respirazione assistita per 29 giorni. "Mi sento in colpa per essere sopravvissuto", le parole di Flor. Il 70enne ha un’assicurazione privata, che si farà carico di una quota rilevante dei costi. Il paziente, che non aveva altre patologie oltre al Covid-19, potrebbe anche evitare qualsiasi esborso."“Mi chiedo 'perché proprio io'?", dice riferendosi alla guarigione miracolosa. "Me lo merito? E vedere i costi incredibili di tutto questo non fa altro che aumentare il mio senso di colpa".

Valigetta con lingotti in treno: le autorità svizzere cercano il proprietario

La Svizzera è in cerca del proprietario di una valigetta con all’interno oltre tre chili d’oro che nell’ottobre 2019 è stata lasciata su un treno: il contenuto vale 170 mila euro ma nessuno si è mai presentato dalle autorità a reclamarne la perdita. L’oggetto è stato abbandonato su un convoglio tra San Gallo e Lucerna ma ancora nessuno si è presentato a recuperarlo. Dato che però il proprietario ha cinque anni per presentare la richiesta alla procura di Lucerna, quest’ultima ha emesso una dichiarazione ufficiale per rintracciare il proprietario dopo che gli sforzi compiuti per identificarlo non hanno avuto successo. All’interno della valigetta ci sono oltre tre chili di lingotti d’oro che hanno un valore complessivo altissimo. Ora che le autorità hanno fatto l’annuncio potrebbero potenzialmente arrivare migliaia di reclami che ne rivendicano il possesso. Come riporta la BBC che ha rilanciato la notizia, non è chiaro come le autorità verificheranno le affermazioni di chiunque dovesse presentarsi. Come precisato da media elvetici, nell’avviso del Canton Lucerna non compare il peso esatto dei lingotti ma soltanto il loro valore. É stato però possibile dedurlo tenendo conto che nell’ottobre 2019 l’oro era quotato a 48 franchi per un chilo, cosa che farebbe pensare ad un peso di circa 3,8 chilogrammi. Il prezzo è nel frattempo salito a 53 franchi e dunque il contenuto della valigetta dovrebbe raggiungere 3,4 chilogrammi.


AGOSTO

Agosto è l’8° mese dell’anno nel Calendario Gregoriano e abbraccia il periodo più caldo dell’anno, con il termometro che fa segnare le temperature più alte. Ciò lo rende tradizionalmente il periodo ideale per andare in vacanza. Nei 31 giorni che lo compongono sono compresi i cosiddetti ”giorni della canicola” (dal 24 luglio al 26 agosto) durante i quali il caldo e l’afa raggiungono i livelli più alti. “Canicola” viene dal latino canicula, “piccolo cane”, nome dato alla stella più luminosa (Sirio) della costellazione del Cane Maggiore, che in questo periodo sorge prima del Sole.I Cattolici celebrano l’Assunzione di Maria al Cielo il 15 del mese, noto come giorno di Ferragosto e ispirata a un’antica festività romana. Per studiosi e appassionati di fenomeni celesti, è imperdibile la celebre notte di San Lorenzo, o “delle stelle cadenti”. In quella data - convenzionalmente il 10 agosto ma che spesso slitta ai giorni successivi - si verifica il suggestivo fenomeno degli sciami meteorici: una pioggia di meteore che entrando a grande velocità nell’atmosfera terrestre si disintegrano in tanti piccoli corpi luminosi.

... il giorno 23 il Sole lascia il segno del Leone per entrare in quello della  Vergine ...

 


LA LUNA DI AGOSTO 

25/8/2020

Primo quarto

3/8/2020

Luna piena

11/8/2020

Ultimo quarto

19/8/2020

Luna  nuova


 Viaggio nel territorio lacustre della Basilicata

La Riserva Naturale del Lago di San Giuliano è uno dei luoghi più belli da visitare, durante una vacanza nel territorio di Matera.


Riserva Naturale del Lago di San Giuliano - La Basilicata è una regione ricca di splendide zone in cui la natura incontaminata domina il paesaggio. A soli sei chilometri dalla bellissima città di Matera si trova una meravigliosa oasi. Si tratta di un territorio lacustre, situato a pochi chilometri dalla località di Miglionico. La Riserva Naturale di San Giuliano è la più ampia dell’intero territorio regionale. Il Lago di San Giuliano è un limpido bacino d’acqua, la cui origine artificiale non toglie nulla all’incontaminata bellezza della zona della riserva. Si tratta di uno scenario paesaggistico molto suggestivo, che dona relax e tranquillità a chi lo visita. Il territorio della Diga di San Giuliano riveste una particolare importanza per gli enti ambientali che operano in Basilicata. La riserva gode infatti di una protezione speciale, che include il divieto assoluto di caccia. Naturalmente è invece possibile praticare birdwatching e fare splendide escursioni in mezzo alla natura. Caratteristiche della Riserva Naturale


La splendida oasi di San Giuliano ricopre una zona molto estesa. Si tratta di un territorio che occupa più di 25 mila ettari di terreno. La Riserva è anche un’importante Oasi Naturalistica del WWF, che protegge le specie animali che popolano la riserva. Il territorio di San Giuliano è costituito da immense aree in cui cresce una florida vegetazione. All’interno del contesto della riserva è possibile trovare anche caratteristiche masserie, messe a nuovo per accogliere i visitatori che esplorano il bellissimo territorio immerso nella natura. Sono inoltre presenti agriturismi a gestione familiare, in cui è possibile gustare le specialità della tradizione gastronomica della regione. Le caratteristiche di queste strutture si sposano perfettamente con la necessità di tutelare e valorizzare il territorio. Si tratta infatti di luoghi in cui la natura gode di una cura attenta da parte dei proprietari delle attività locali Cosa fare presso il Lago.


Nella zona della Riserva il paesaggio lacustre appare decisamente incantevole. Si tratta di un’area perfetta per svolgere attività all’aria aperta. Sono presenti interessanti sentieri su cui fare trekking e giri in mountain bike. L’escursionismo è una delle attività più praticate all’interno di questo splendido territorio. Un’altra pratica che si svolge abitualmente all’interno della riserva è il birdwatching, grazie alla presenza di numerose specie aviarie da ammirare durante piacevoli passeggiate. Sono infatti presenti moltissimi esemplari di rapaci, che popolano la riserva scegliendola come loro habitat.
.



... FASE 3 ...

Ora che è consentito muoversi tra le Regioni, venite nei nostri Comuni ad assaporare le nostre specialità.

Ristoranti - Pizzerie - Bar - Alberghi Vi attendono per festeggiare insieme !!!

Clicca qui


 

SALUTE & BENESSERE

Tracheite virale, batterica e allergica: differenza, sintomi e rimedi


 

AGRITURISMI  E  B&B

 

 


 

MANGIAR BENE

 

 


 

SERVIZI DI PUBBLICA

 UTILITA'

 


 

I SEGNI DELLO ZODIACO

LEONE

 23 luglio al 23 agosto

 

Dal carattere aperto e generoso il Leone può essere espansivo e sicuro di sé ma questa sicurezza non sempre corrisponde alla sua realtà interiore e può essere più ostentata che vissuta...

... ALL'INTERNO TUTTE  LE NOTIZIE E LE CURIOSITA' SU QUESTO SEGNO ...

 


 

VIAGGI E TURISMO

 

... Leggete e scoprite quali sono i posti da andare a vedere prima che scompaiano per sempre ... ( all'interno di questa rubrica ) ...

Dalla grande barriera corallina in Belize fino ai nostri ghiacciai alpini, da città splendide come Venezia e Amsterdam fino al Mar Morto: abbiamo selezionato per voi 15 luoghi spettacolari del pianeta...

 


 

ORTO E GIARDINI

 


 

AMICI A 4 ZAMPE

... I cani vengono quando li chiami. I gatti si annotano la chiamata... poi ti fanno sapere...

 


 

" L'aldilà ... "

Esiste la vita oltre la morte?

... questa rubrica è ...