SERRALUNGA  DI  CREA

 

 

... Come arrivare a  Serralunga di Crea  ...uscite dai caselli autostradali si segue la statale n. 457  ... da Alessandria:  la strada provinciale 31 ...

 

 

Situato tra le colline del basso Monferrato, il comune di Serralunga di Crea fa parte del parco naturale regionale del Sacro Monte di Crea, patrimonio dell'UNESCO. Vi invitiamo a scoprire le bellezze naturalistiche, culturali e gastronomiche del luogo

 


FESTA PATRONALE S.SEBASTIANO 20 GENNAIO...

Manifestazioni e Turismo

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

09,00 alle 11,00 - Iscrizioni a Serralunga di Crea, ritiro gadget road book e colazione

Tesserati FMI  € 20,00 - Non tesserati FMI  € 22,00

PRIMA SOSTA:  all'Antico Mulino Riseria S. Giovanni Fontaneto Po aperitivo

Primo controllo timbro, visita guidata

SECONDA SOSTA: Abbazia di S.Fede Cavagnolo, primo piatto caldo e visita all'Abbazia

TERZA SOSTA: Ristorante S.Candido,secondo controlo timbro e secondo piatto caldo

dalle 14,30 alle 16,30: consegna dolce con prova di abilità (Facoltativa) a Serralunga di Crea

Frazione Madonnina piazza nuova

N.B. : tutti i mezzi devono essere a norma con il codice della strada; percorso tra le Colline

del Monferrato patrimonio dell'UNESCO di circa 110 km.

Buon Turismo a tutti  !!!

 


Dal 1861 si fregia per regio decreto del nome di Serralunga di Crea. Le due torri presenti nello stemma del Comune si rifanno al vecchio castello sito un tempo sul brich omonimo (Brich Castelvelli), ora cumulo di cocci e pietre.

Nelle vicinanze sorge il Brich d'la Furca, dove veniva impiccato chi oltrepassava il confine senza permesso e dove è ancora visibile un' antica pietra che segnava il confine con il comune di Mombello.

Fanno parte le frazioni di :  Forneglio, Castellazzo, Madonnina, Serra, Gavanni, San Iorio

 
 

Cosa vedere a  Serralunga...

Il Sacro Monte di Crea è situato su una delle alture più elevate del Monferrato, in posizione panoramica. È composto da ventitrè cappelle e cinque romitori

Il Santuario

Di origine romanica, venne retto dai Canonici di Vezzolano sino al 1468, quindi dai Lateranensi fino al 1798, dai Serviti sino al 1801, dal 1820 sino al 1992 dai Minori Francescani. Attualmente, è condotto direttamente dalla Curia di Casale, proprietaria del Sacro Monte. La Chiesa, dedicata a Maria Assunta, venne ampliata nel 1483 dal Marchese di Monferrato Guglielmo Paleologo, nel 1608 – 1612 dai Lateranensi.La facciata subì rimaneggiamenti nel 1735, fra il 1890 e il 1913 e nel 1953. Il mosaico è anch’esso del 1953 (Dalle Ceste). L’interno, a tre nava-te, conserva importanti opere: la Madonna con Bambino e Santi, tavola autografa di Macrino d’Alba (1503); il ciclo di affreschi con le Storie di Santa Margherita d’Antiochia del XV sec. Attruibuito a Francesco, fratello del più noto Martino Spanzotti; l’effige della Vergine, statua lignea del XIII sec.; la vasta raccolta di ex voto; la Via Crucis e gli amboni di Luigi Bagna.

La Cappella è visitabile solo per gruppi organizzati (di almeno 10 persone) su prenotazione. Per informazioni rivolgersi agli Uffici della Riserva Speciale del Sacro Monte di Crea Tel. 0141.927120 Web www.parcocrea.com


Mura: percorrendo la strada che conduce alla piazzetta centrale sono evidenti le tracce delle antiche mura. All'ingresso un portale e una torretta ove sorgeva il corpo di guardia del paese (ora biblioteca "Cesare Pavese"), accompagnano il visitatore fino alla piazza centrale dove sorge la chiesa dedicata a San Sebastiano. E' interessante osservare lo sviluppo del paese che si snoda lungo il crinale della collina dando idea di quanto fosse importante il comune come punto strategico, permettendo il controllo sulla valle sottostante.
Chiesa parrocchiale di San Sebastiano: di disegno neoclassico, iniziata nel 1744 sulle basi di una precedente costruzione, su progetto di un frate del convento di Crea, fu consacrata nel 1753. All'interno della chiesa si presenta un disegno grandioso ed una bella serie di opere: le decorazioni del coro, la pala sul fondo dell'abside rappresentante il Martirio di San Sebastiano e nella cappella della Madonna del Rosario con decorazioni monocromatiche che vengono annoverate tra le prime opere del Guala.

Madonnina - La frazione sorge al di sotto della collina su cui si erige il capoluogo. L'abitato si forma lungo la strada che univa Moncalvo ai comuni della Valcerrina. Mantiene ancora oggi la struttura originale con lo sviluppo delle case lungo la via principale. Di particolare interesse la chiesa della Madonna della Neve alla periferia del paese in direzione Castagnone, in parte demolita all'inizio degli anni '60, mantiene ancora la struttura settecentesca e al suo interno è conservata la statua della Madonna della Neve in terracotta risalente ai primi anni del Settecento. Di fronte alla chiesetta si erige l'antico mulino del paese. Nella frazione sono sorte le prime fabbriche, tra cui una cava di gesso, un cementificio e una distilleria. Ai primi del Novecento, nella frazione si teneva un'importante fiera visitata da molte persone residenti nel circondario. Nella frazione sorgeva anche la stazione ferroviaria della linea Asti-Casale-Mortara già in funzione a fine Ottocento.

 Di un certo interesse sono anche la parrocchiale di San Sebastiano, realizzata originariamente in forme gotiche e completata successivamente in diversi stili, e il monumento al Medico Condotto, progettato da Luigi Visconti alla fine degli anni Settanta.

La Cappella dell'Incoronazione di Maria, detta Il Paradiso, sorge sulle fondazioni di un'antica torre. L'edificio è a pianta circolare, sormontato da una cupola, con un loggiato e volte a crociera sorrette da pilastri in laterizio e colonnine binate che collegano il porticato alle due imponenti scalinate esterne. All'interno è rappresentata una scena estremamente ricca e movimentata: sono oltre trecento le figure di angeli, apostoli, patriarchi, sacerdoti, profeti e santi in adorazione e preghiera, articolati in tre cerchi sovrapposti intorno al gruppo centrale con l'incoronazione della Vergine assunta in cielo. Le sculture sono attribuite a Giovanni e Nicola Wespin e i dipinti a Giorgio Alberini.

 


 


...  ARTIGIANI  E  COMMERCIANTI  DI SERRALUNGA   E  DINTORNI ...

 

Pasticceria fresca - secca - dolce - salata

Torte per cerimonie - Confezioni natalizie

Su prenotazione

Fraz. Madonnina 62 - Cell. 346/0329356

info@pasticceriaceruti,com

www.pasticceriaceruti.com

 

Macellazione in proprio e conto terzi

Forniture per Ristoranti - Macellerie

Pro Loco e Comunità

 

Zona Industriale - Loc. S. Iorio 4

Cell.333/2272175

 

agrimonferrato@libero,it

RICCI  CAPRICCI

Acconciature  uomo - donna

di Trevisan  Simonetta

 

Strada  Madonnina 1/C

Cell.335/6468605

 

 

sttrevisan6920@gmail.com

Via  Roma  77/C

Tel. 0142/940475 - Cell. 327/5559080

info@infernot-crea.it

www.infernot-crea.it

 

Via Distilleria

Tel.0142/940149 - Fax. 0142/940600

info@salumificiomiglietta.191.it

salumificiomiglietta.it

Piazza Santuario 7

Tel.0142/940108

info@ristorantedicrea.it

www.ristorantedicrea.it

Salumi e Prosciutti produzione propria

Agnolotti di carne

Fraz.Castagnone di Pontestura  n°30/A

Tel. 0142 466295 - Cell. 340/1426502

Aperto Domenica mattina

pala91@live.com

 

Via Madonnina 1

Fraz. Castagnone di Pontestura

Tel. 366/3431377

 

davide.cavarzan@gmail.com