MONCALVO 

 

 

 

... Come arrivare a  Moncalvo ...uscite dai caselli autostradali si segue la statale n. 457 “di Moncalvo” ... da Alessandria:  la strada provinciale 31 ...

 

 


...  SANTO PATRONO  13 GIUGNO   SANT'ANTONIO DI PADOVA ...


Fiere e feste

Concerti di musica classica e organistica Mercatino dell'antiquariato (prima domenica di ogni mese)

Rassegna teatrale di prosa (novembre-marzo)

Festa patronale di San Antonino (terza domenica di maggio)

Sagra delle cucine monferrine (terza domenica di giugno)

Blu Notti Blues - Blues Festival gemellato con il Montreux Jazz Festival Sezione OFF in piazza Carlo Alberto (luglio)

Festa Medievale  - (ottobre)    Fiera del tartufo (ultime due domeniche di ottobre)

 Rassegna di teatro in dialetto (ottobre-novembre)

 Fiera del bue grasso sagra del bollito  (secondo giovedì non festivo di dicembre)

Proprio qui si tiene la Fiera dedicata, fiore all’occhiello della zootecnia e della cucina piemontese, giunta alla sua 379° edizione.

Nei quattro giorni di festa si alterneranno maestosi capi di bovini, bancarelle, visite culturali e momenti di intrattenimento teatrale e musicale, oltre alla degustazione delle prelibate carni e prodotti eno-gastronomici moncalvesi. Sarà anche l’occasione per visitare la “Fattoria didattica” e le stalle e cantine aperte, con visite guidate e degustazioni. Il pranzo della “Sagra del bollito del bue grasso” sarà curato dalla Pro Loco, con la distribuzione continua del sontuoso bollito misto, ma altrettanto i ristoranti locali metteranno a disposizione alcuni menu composti da eccezionali piatti ad hoc.

 

La Fiera del Tartufo di Moncalvo è un appuntamento importante...


Una realtà con radici salde, che con una crescita costante, anno dopo anno, ha cercato di affermarsi per diventare non una manifestazione fine a se stessa, ma per porgere in qualche modo l’immagine invitante di una località dove è bello ritornare, anche in altre occasioni, durante tutto anno. Per questo, la Fiera svolge un suo ruolo turistico-culturale portando con sé una serie di manifestazioni che sono corollario alle giornate di tartufo, mirate proprio alla valorizzazione del nostro territorio, ricco di tradizioni, di cultura e di storia. Moncalvo ha alle sue spalle una “storia profumata al tartufo” lunga almeno 500 anni! La Fiera dunque come veicolo di promozione del patrimonio enogastronomico e delle tradizioni del nostro territorio nel mondo.
Monferrato: la storia e le tradizioni, un passato ricco di mistero e di magia. Terra fiorita di castelli, custodi discreti di un vissuto più coinvolgente di qualsiasi favola. E la natura di una bellezza sconvolgente! L’autunno in questo angolo di paradiso è come la ricca tavolozza di un estroso pittore. Accostamenti e sfumature impensate. Deve essere per una storia di incantesimo sottile che molti artisti negli ultimi anni, dopo un passaggio casuale, qui sono tornati, mettendo radici nuove e scoprendo sensazioni fortissime, complice un’atmosfera di antiche emozioni.
La Fiera del Tartufo di Moncalvo, espressione di una tradizione lontana e tipica del nostro territorio, evidenzia il risvolto culturale di manifestazione promuovendo la creatività di validissimi artisti contemporanei, seguendo nel tempo un criterio di alternanza di stili. Il volto autunnale della collina e il suo incanto. I colori della natura magistralmente assemblati da una reggia misteriosa. I filari di vigne dai ceppi neri e contorti che si snodano armoniosi. I giochi di luce e ombre tra le foglie rosse, un po’ accartocciate e i grappoli turgidi. L’odore del mosto e della terra. E la magia del tartufo che cresce nel silenzio ovattato per regalare sensazioni dimenticate. Così, in ottobre, si può raccontare Moncalvo, con i suoi campanili, la sua storia e… la sua Fiera del Tartufo. La continuità di una tradizione secolare e sempre attuale.


UNA CITTA' DALLA LUNGA STORIA  ...

Di origine romana, Moncalvo fu nel corso dei secoli di proprietà della Chiesa di Asti, della famiglia Graffagni, del Marchese del Monferrato, che ne fece la propria capitale, per poi passare al Marchese di Saluzzo (1306) e quindi nuovamente ai Paleologi di Monferrato (1309).

Subì varie occupazioni straniere e divenne da ultimo dominio dei Gonzaga di Mantova, i quali lo cedettero in feudo a diversi signori (nel 1604 a Galeazzo di Canossa, nel 1619 a Rolando Natta, nel 1671 a Filiberto Marchese di Ceva); nel 1691 subì il saccheggio da parte delle truppe imperiali comandate da Eugenio di Savoia. Passò infine definitivamente alla Casa Savoia nel 1704. Con Sue Patenti del 9 agosto 1774 Vittorio Amedeo III la dichiarò Città, riconfermando il titolo già attribuitole dal Duca di Mantova Ferdinando Carlo Gonzaga il 23 marzo 1705.Nelle suggestive colline del Monferrato Astigiano, dove il fascino delle case medievali e delle chiese barocche si fonde con un territorio ricco di storia e tradizione, il "Bue Grasso” trova casa ormai da secoli in quel di Moncalvo. 

Chiesa parrocchiale di San Francesco (abside XIII secolo, facciata 1932) - Chiesa di Sant'Antonio (XVII secolo)
Chiesa della Madonna delle Grazie (metà XVIII secolo) - Chiesa di San Marco
Chiesa di San Giovanni -
Chiesa di San Pietro in vincoli detta "La pieve"(romanica); sulla parete esterna lapide romana del III secolo in calco, l'originale presso la Biblioteca Civica)
Chiesa della frazione Santa Maria, Santa Maria delle Peschiere (1624) -
Oratorio di San Rocco (XVII secolo)
Chiesa della frazione Castellino, Santa Caterina d'Alessandria - Chiesa della frazione Patro, Santa Croce


Nel maggio del 2015 è stato inaugurato il Museo civico, la cui collezione prevede opere d'arte, in maggior parte dipinti, lasciate al Comune dal diplomatico e collezionista moncalvese Franco Montanari, morto nel 1973[.

 

 

Possiede le frazioni di Castellino-San Vincenzo, Patro, Santa Maria, Gessi e Stazione. Lo stemma è: troncato di argento e di rosso (colori del Monferrato). Scudo timbrato della corona a dodici perle (sette visibili), contornato dalla bordura con la scritta Montiscalvi Civitatis, accostato a due rami di palma decussati.


Cosa vedere a Moncalvo...


Prodotti enogastronomici ....  Tipicità ed eccellenze del territorio

 


Vini classici del Monferrato astigiano e casalese:

Barbera d’Asti DOCG, Barbera del Monferrato DOC, Grignolino DOC, Freisa DOC, Malvasia,
Chardonnay DOC
Tartufo Bianco di Moncalvo
Bollito Misto alla Piemontese (sette tagli di carne, sette ammennicoli, sette salse)
Agnolotti alla Monferrina
Finanziera: ricco intingolo composto di frattaglie di pollo e di vitello con funghi e capperi

Fritto Misto: piatto unico composto di cervella, animelle, fegato, polmone, frittura dolce

 Bunet (tipico budino con cacao e amaretti di Mombaruzzo, cotto a bagno maria).

 


 

 

 


 

Barberis Francesco e Stefano snc

Agenti Procuratori

Piazza Carlo Alberto 6

MONCALVO  (At)

Tel. 0141/917136 - 0141/917430


moncalvo@agenzie.realemutua.it

Clicca  la mail per richiedere informazioni o fissare un appuntamento


   

CI SONO VALORI CHE DURANO

NEL TEMPO COME L'AMORE

PER I TUOI CARI

 

 

...  ARTIGIANI  E  COMMERCIANTI  DI MONCALVO  E DINTORNI ...

 

mastro salumiere e panettiere

LUCIANO BERZANO

DAL 1957

ODORI E SAPORI DEL MONFERRATO

 

Moncalvo - Stazione

Tel. 0141/8917350

 

  lberzano@alice.it

 

MACELLERIA

Alemano  Edoardo

RAZZA FASSONE

Specialità femmina e castrato Piemontese

Carni bianche - Suine e Insaccati

Ravioli di nostra produzione

 Formaggi e prodotti tipici

Via XX  Settembre 40

Tel. 0141/917155

andrea.lemano@hotmail.it

 

 

Via  XX°  Settembre  27

 

Tel.327/4516766

 

dolce.tappa@gmail.com

 

TABACHETTI

SALUMIFICIO

TABACHETTI PASQUALE  srl

 

Via Giorgio Piacenza 7

Tel.0141/917408 - Fax.0141/921080

 

tabachetti@tabachetti.it

www.tabachetti.it

 

Impresa Edile idraulica-impiantistica


SALVATORE  STABILE


Corso Regina Margherita, 12

Cell. 338/8299271 Tell. 0141/917346
 

salvatorestabile@hotmail.it


www.impresaedilestabile.com