"VIAGGI & TURISMO"

OCCASIONI  DI VIAGGIO  -  VACANZE E WEEK END


 

 

Spagna ...mare  spiagge Catalogna Andalusia Baleari


Spagna, il mare più bello d'Europa  Da nord e sud sono migliaia i chilometri di costa insigniti dalle tantissime Bandiere Blu: ecco tutte le spiagge più belle... La Spagna vince ancora: è di nuovo suo, infatti, il primato per il mare più bello d'Europa. A seguire c'è la Turchia, che scala la classifica e passa dal terzo al secondo posto, scavalcando la Grecia. Spagna (578), Turchia (436), Grecia (395), Francia (379), Portogallo (299) con l'Italia sesta che supera il record del passando da 269 a 283. è la classifica 2015 delle Bandiere Blu delle spiagge che vengono assegnate ogni anno in 48 paesi, così definita dalla giuria internazionale della Fondazione per l'educazione ambientale (Fee).


PERCHE' ANDARCI  - Se scegliete il nord vi aspetteranno grandi paesaggi e scogliere spettacolari. A partire dalla Galizia, la regione spagnola con più bandiere blu (142), dove potrete scoprire mete ricche di fascino come Sanxenxo o ambienti come quello del Parco Nazionale delle Isole Atlantiche, dove si trova la spiaggia di Rodas. Belle anche le Asturie, con località come Llanes, e i Paesi Baschi con destinazioni indimenticabili come Getxo. Se preferite il Mediterraneo provate la Catalogna, con la spiaggia della stessa città di Barcellona o quella di L'Ametlla de Mar (Tarragona). O ancora la Comunità Valenciana, con posti come Cullera (Valencia) e Orihuela (Alicante).


DA NON PERDERE  - In Andalusia, nel sud della Spagna, ci sono grandi distese di sabbia che ospitano tramonti indimenticabili. Tra le spiagge premiate, quelle di Roquetas (Almería), Marbella (Malaga) o Rota (Cadice). Imperdibili le isole: le Baleari sono caratterizzate da insenature di grande bellezza e acque turchesi, mentre nelle Canarie spiccano località come San Bartolomé de Tirajana e Maspalomas con dune impressionanti.


PERCHE' NON ANDARCI  - Quasi 8000 chilometri di costa per i vostri bagni di sole, per tuffarvi nelle acque cristalline, per osservare i panorami e per divertirvi con tantissime attività sportive ed escursionistiche. La Spagna è una terra bellissima, certo, ma basta non pensare che l'Italia sia da meno. E un po' di sano campanilismo, almeno un minimo, non ci farebbe mica male.


COSA NON COMPRARE Nelle località di mare non sono tanti i souvenir che spiccano, ma se avete intenzione di fare una vacanza solo relax e sole, anche una borsa con le varie e colorate scritte "Spain" è un'idea simpatica. Basta riporla nell'armadio una volta tornati in Italia.


COSA NON COMPRARE  - Dai ventagli alle calamite a forma di paella, dalle ballerine di flamenco versione mignon ai tori e gechi in stile Gaudì: da comprare qui c'è tanto. Ma provate a raggiungere il Mercado Central di Valencia per avere una più ampia opportunità di scelta: lungo i suoi corridoi ci sono quasi mille punti vendita.


Isole italiane a portata di viaggio: ecco le più belle


Isole che passione! Se volete trasformare la vostra vacanza in un momento unico e irripetibile fuggite su un'isola, mare cristallino, piccole baie incontaminate, paesaggi mozzafiato e solo mare intorno. Tutto a portata di una passeggiata a piedi o in bicicletta. Ecco quali sono i paradisi isolani invidiati e riconosciuti in tutto il mondo di cui il nostro Paese può vantarsi da sempre.


Lo scettro di isola più apprezzata di Italia va a Capri, che rientra anche nella top ten delle migliori isole europee. I suoi splendidi faraglioni e le sue grotte hanno affascinato i visitatori nei secoli sin dai tempi degli antichi greci che si installarono sull'isola. Sali su una piccola barca a remi e visita la Grotta Azzurra, una cava in cui splende una spettacolare acqua blu.

Prendi un bel cono gelato mentre passeggi sui porti di Marina Piccola o Marina Grande, antico porto di pesca romano…
In Sicilia l'Isola di Vulcano (che fa parte delle Eolie) svetta in mezzo al mare proprio con il suo vulcano.

Secondo gli antichi greci, il dio Efesto utilizzava l'Isola come una sorta di bottega del fabbro personale.

Salendo al cratere si possono fare salutari bagni di fango sulfurei del Laghetto di Fanghi e in kayak si può esplorare l'isola godendo delle bellezza delle grotte e delle coste.
E che dire di Salina? Le sue spiagge rocciose di origine vulcanica le conferiscono un fascino tutto particolare. Ulivi, cespugli di capperi, rigogliosi alberi carichi di fichie agrumi arricchiscono l'interno, insieme ai due vulcani dormienti da 13.000 anni.

Sempre in Sicilia Favignana, con la sua forma di farfalla, è una destinazione fantastica per gli amanti delle spiagge e gli appassionati di immersioni.

 Egadilandia, un trenino turistico che gira intorno alle tante strade e vie costiere dell'isola, è un ottimo modo per esplorarla in completo relax.

Con una passeggiata fino alla cima della collina si possono visitare le rovine del Castello di Santa Caterina e scendendo, la suggestiva Grotta degli innamorati.


Anche Ustica, sempre in Sicilia, ha una storia vulcanica e offre eccezionali immersioni. Da non perdere lo Scoglio del Medico e la Grotta dei Gamberi, ma anche la Grotta Azzurra, la Grotta Verde e la Grotta delle Barche.

E a terra non si possono non visitare le rovine preistoriche di un enorme villaggio che risale all'età del bronzo. Le abitazioni nella piazza principale sono dipinte con murales colorati, il che conferisce al villaggio un tocco puramente artistico.


La Maddalena, in Sardegna è nota per le sue splendide spiagge e il suo parco naturale. Affittando una barca si potranno esplorare le isole circostanti disabitate o rilassarsi semplicemente sulla sabbia dorata della spiaggia di Spalmatore.

 


Le 16 bellissime Città Europee


Città da vedere nel 2016? Quali capitali e città visitare nel 2016? Viaggiare non stanca mai e vorremmo essere sempre
in viaggio per scoprire città meravigliose, paesi dalla storia incredibile e culture diversissime dalla nostra, seppure non troppo lontane da casa. Ci sono città in Europa dal fascino unico, che magari restano un po’ nell’ombra, o che dovremmo inserire più spesso nei nostri desideri di viaggio. Dalle località più calde della Spagna, ai paesini incantevoli dell’Est Europa, fino alle capitali che hanno fatto da culla alla storia del Mondo. Se avete seguito i nostri consigli, e visitato almeno una di queste bellissime città nel 2015, beh: rifate i bagagli! Abbiamo selezionato le 16 città europee da vedere nel 2016 ed è già ora di ripartire.
Ecco la lista delle  Mercati gitani pieni di vita, musei unici al mondo, quartieri hipster (o Yuccie), parchi in cui perdersi per ore, architettura d’avanguardia e siti archeologici, street art e caffè alla moda: date un’occhiata alle 16 Città da vedere nel 2016 e regalatevi un viaggio bellissimo, che possa restarvi nel cuore. Ve lo auguriamo.


TORINO - Iniziamo dalla nostra bella Italia, dove troviamo una città che negli ultimi anni ha vissuto una vera e propria trasformazione - e non accenna a smettere di migliorare! Stiamo parlando di Torino, elegante capoluogo piemontese sempre più famoso non solo per le sue piazze luminose e i suoi palazzi reali, ma anche per una atmosfera giovane e culturale molto viva, tanti locali, gallerie d’arte, concerti ed eventi che ormai sono la quotidianità per abitanti e visitatori. Il mese più “caldo” è sicuramente novembre, quando la città si trasforma in una vetrina internazionale per l’arte contemporanea e la musica elettronica: manifestazioni come Artissima e The Others attirano collezionisti e amanti dell’arte, mentre il Club To Club si è affermato a pieno titolo tra i festival più importanti d’Europa, grazie ai suoi protagonisti che ogni anno per un weekend fanno ballare migliaia di persone. Non fatevela scappare!


BRESLAVIA -  è una splendida città situata nel sud ovest della Polonia, famosa per la sua vitalità culturale e la grande quantità di attrazioni che offre ai visitatori. Non ci stupisce quindi che sia stata dichiarata Capitale Europea della Cultura per il 2016, quindi questo è l’anno giusto per visitarla, visto che eventi di ogni tipo riempiranno le sue strade da gennaio a dicembre: molti concerti (tra cui spiccano i nomi di Morricone e David Gilmour),festival di musica, teatro, cinema e letteratura, grandi mostre d’arte internazionale e performance imperdibili. Tutto incorniciato da chiese, ponti e palazzi storici che vantano una grande varietà architettonica, e che fanno da contro canto all’atmosfera giovane e moderna di questa perla polacca.


 

HELSINKI - Ci spingiamo ancora più a nord per scoprire l’affascinante capitale della Finlandia, dove il 2016 si preannuncia un anno piuttosto… caldo! Gli abitanti di Helsinki infatti combattono le temperature poco amichevoli organizzando una grande quantità di eventi per tutti i gusti, quindi in qualunque mese deciderete di visitarla di sicuro non rimarrete delusi. Oltre alle manifestazioni dedicate al cibo come il Restaurant Day e lo StrEAT, segnaliamo anche Lux Helsinki, 5 giorni in cui installazioni artistiche luminose riempiono il centro della città e la colorano di riflessi suggestivi, il Flow Festival ad agosto per gli amanti della musica più hot del momento, e la Helsinki Design Week a settembre, dove troverete tantissimi espositori e grandi idee dai migliori design di tutto il mondo. Non c’è che dire, da queste parti non ci si annoia mai!


GOTEBORG - Restiamo in Scandinavia ma voliamo in Svezia, dove il posto d’onore nel 2016 lo avrà la bella Goteborg, vero cuore pulsante dell’animo creativo e visionario del paese. Questo porto cosmopolita infatti attrae da anni artisti e giovani di tutto il mondo, che trovano tra le sue strade tranquille in bilico tra neoclassico e architettura sperimentale il luogo ideale per dare sfogo alla fantasia. Nel 2016 non perdetevi il Gothenburg Green World, una grande esposizione internazionale di fiori, piante e tutto ciò che di green si può trovare in città. Gli amanti del cinema saranno felici di scoprire il Göteborg International Film Festival, tra gennaio e febbraio, ma qualunque sia la vostra passione (dalla musica allo yoga, dal food alla scienza) qui c’è un evento che fa per voi. Iniziate a segnarli in calendario!


LONDRA - Ogni anno è buono per visitare la caotica ma sempre affascinante capitale inglese, che con le sue luci e la sua atmosfera da metropoli fa innamorare i viaggiatori di ogni età. Anche nel 2016 Londra è in prima linea in quanto a cose da fare e vedere: si comincia subito con la London Art Fair, in programma a gennaio, dove potrete ammirare centinaia di opere d’arte contemporanea provenienti dalle migliori gallerie del mondo; si prosegue poi con il Fashion Weekend di febbraio, tra passerelle e abiti da grido, il rinomato Chelsea Flower Show a maggio per festeggiare la primavera e infine tanti concerti e festival musicali che da giugno in poi riempiono i parchi di Londra e trasformano la città in un party continuo. Tenetevi pronti, in questa città le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

 


SAN SEBASTIAN - Approdiamo in terre più calde, precisamente nella splendida regione dei Paesi Baschi, dove incontriamo la seconda Capitale Europea della Cultura per il 2016: eccoci a San Sebastian (Donostia in basco), deliziosa cittadina distesa sulle rive della costa nordica spagnola, in cima alle classifiche mondiali per la sua offerta eno-gastronomica e amata da tantissimi giovani per la super movida notturna, il surf, le feste e l’atmosfera rilassata da vacanza perenne. Con una fama del genere, le celebrazioni in programma il prossimo anno promettono grandi cose. Dalla spettacolare manifestazione inaugurale ai numerosi spazi permanenti organizzati per l’occasione, dove avranno luogo conferenze ed eventi che mirano all’incontro tra arte, musica, ambiente, danza e tanti altri linguaggi. L’ideale per trascorrere una giornata all’insegna di stimoli e internazionalità, per poi concludere in bellezza con cenetta e cocktail in riva al mare.


LIPSIA - Nel cuore della grande Germania, a circa un’ora di macchina da Berlino, Lipsia si sta affermando sempre di più come l’alternativa più moderna e vivibile alla famosa capitale tedesca. Sarà per la sua illustre storia, legata a nomi come Bach e Wagner; o forse per i suoi grandi spazi ancora non conquistati dalla speculazione edilizia; o ancora per la sua anima pacifica, dedicata all’arte, alla musica e alla gioia di vivere. Insomma, qualunque siano i motivi che rendono Lipsia un luogo meraviglioso non solo da visitare, ma anche da vivere magari per qualche mese o chissà, anche più a lungo, una cosa è certa: il 2016 è l’anno giusto per scoprirla e godersi il suo entusiasmo ancora intatto, le iniziative che nascono spontanee e il fascino sommesso di una città che vi arriverà dritta al cuore.


EDIMBURGO - Benvenuti nella magica Edimburgo, un piccolo mondo catapultato da queste parti direttamente dall’universo delle fiabe. Il suo centro storico è fatto di stradine acciottolate che si arrampicano su e giù per le colline su cui sorge la città, un susseguirsi di edifici medievali perfettamente conservati, chiese gotiche dall’aria misteriosa che aspettano solo di essere esplorate e naturalmente l’imponente castello, che dall’alto della sua posizione sembra proteggere tutto e tutti. Ma attenzione, Edimburgo non è solo storia e musei. Il suo animo contemporaneo è più vivo che mai, e saprà conquistarvi a suon diristoranti, negozi originalissimi e tanti eventi imperdibili. Oltre al famoso Fringe Festival, che per quasi un mese ad agosto trasforma la città in una enorme festa di arte e musica, ricordiamo anche l’International Science Festival di maggio e il Film Festival a giugno: tutte occasioni uniche per visitare una delle città più belle d’Europa!


MANTOVA - Nella lista di città da vedere assolutamente quest'anno c’è anche la bellissima Mantova, che è stata nominata Capitale Italiana della Cultura per il 2016. L’elegante città Lombarda vi accoglierà con i suoi palazzi rinascimentali e i quartieri di tendenza, pieni di vita e centri d'arte. Anche qui, gli eventi e le occasioni per divertirsi non mancano di certo, dal Festiva letteratura alle iniziative messe in campo nel 2016 per valorizzare questa città in grande spolvero, con Sabbioneta già tra i Patrimoni UNESCO. Vi consigliamo di girarla in bici e di visitare i siti più prestigiosi, dal Castello di San Giorgio al Palazzo Ducale, dal meraviglioso Duomo, al Palazzo Te, con le bellissime sale affrescate da Giulio Romano. Un'altra perla d'Italia da riscoprire e di cui innamorarsi perdutamente.


LIONE - L’etichetta di città up-and-coming calza a pennello anche alla bella Lione, terza città della Francia e vero centro dinamico del paese. Più vivibile e rilassata della capitale, Lione accoglie tra i suoi arrondissement musei affascinanti, ristoranti di ogni tipo,boutique e negozietti alquanto originali, una vibrante università e un altissimo numero dibar e locali che rendono la sua vita notturna davvero movimentata. Il tutto circondato da splendidi palazzi affacciati sul Rodano, grandi parchi e un’atmosfera sempre sospesa tra la tipica eleganza francese e la voglia di sperimentare, di guardare al futuro - come dimostra il festival di musica elettronica Les Nuits Sonores, in programma a maggio, che in pochi anni si è conquistato un posto d’onore nel panorama europeo. Guardate questo video e poi… correte a fare le valigie!


L’AIA - Non fatevi ingannare dalla fama di L’Aia come città di uffici, contrapposta alle spensierate vicine Amsterdam o Delft. Certo, qui abita la famiglia reale e ci sono le ambasciate; ma c’è anche un centro storico molto animato, enormi parchi da attraversare in bicicletta, bellissime case, caffè hipster che servono bevande e cibo homemade, e tanta arte - non perdetevi il famoso dipinto La ragazza con l’orecchino di perla, custodito nel delizioso museo Mauritshuis. Infine, la ciliegina è il quartiere marino di Scheveningen, dove lungo chilometri di spiaggia bianca si susseguono locali da surfisti, feste, concerti, mercatini e tanto altro. Ad agosto 2016 (durante le Olimpiadi di Rio) questa stupenda spiaggia si trasformerà nella Olympic Experience Den Haag, con oltre 4000 posti per seguire le gare ma soprattutto la possibilità di praticare gli sport più svariati accompagnati da grandi atleti ed ex olimpionici. Divertimento assicurato!

 


ATENE - Antico e moderno si incontrano e convivono in modo fantastico nella culla della nostra civiltà, una città unica al mondo per i tesori che custodisce ma anche per l’atmosfera allegra che ha saputo costruire nonostante il peso della storia e i recenti problemi economici. In questo museo a cielo aperto si alternano monumenti millenari e ristoranti alla moda, testimonianze del passato e terrazze di caffè e locali frequentati dalle generazioni più giovani. Il quartiere di Gazi, in particolare, è un ottimo punto di partenza per scoprire il volto più creativo e vivace di Atene, con la sua identità post-industriale, i laboratori di artisti e artigiani e un fitto calendario di concerti ed esposizioni. Fate rifornimento di pita giros, tzatziki e birra fresca, e lanciatevi alla scoperta della città regina del Mediterraneo.


SAN PIETROBURGO - Voliamo in Russia, dove vi attende una città che è un vero tripudio di bellezza e maestosità. L’antica capitale imperiale fu costruita apposta per mostrare al mondo la potenza del regno di Pietro il Grande, e questo intento venne mantenuto anche nei decenni successivi. Famosi architetti europei furono convocati per costruire palazzi, piazze e cattedrali, e il frutto del loro lavoro è godibile ancora oggi per le strade di San Pietroburgo, un tesoro di arte e cultura inestimabile. Perdetevi tra le sale dell’Hermitage o esplorate le gallerie d’arte contemporanea, regalatevi una serata all’opera o approfittate dell’estate per godervi grandi festival di musica contemporanea e lunghe passeggiate sui canali durante le famose White Nights, quando la luce sembra non finire mai e la festa continua fino all’alba. La magia di San Pietroburgo vi conquisterà ad ogni angolo: lasciatevi incantare!


NAPOLI - Torniamo nella nostra amata penisola, questa volta per ri-scoprire una città che ha tanto da offrire - sotto diversi punti di vista. Prima di tutto, Napoli ci rende orgogliosi per il suo stupendo centro storico, Patrimonio UNESCO e cuore di un piccolo mondo fatto di chiese e palazzi barocchi, grandiose piazze e stretti vicoli suggestivi, dove tra graffiti e statuine sui davanzali emerge l’atmosfera allegra e mediterranea dei rumori e profumi che escono dalle finestre delle case. Ecco, i profumi. Di sicuro il secondo motivo per amare Napoli è la sua cucina: una festa di sapori, dal salato al dolce, che accontenterà chiunque. Gli amanti dello street food e del cibo verace si godranno pizze superlative, naturalmente, ma anche i tipici panini napoletani seguiti magari da un bel babà al rum o da una fetta di pastiera. Se invece siete tipi da ristoranti, a voi la scelta: pesce fresco a volontà, caffè da oscar e splendide location, per
una vacanza all’insegna della spensieratezza cullati dalle onde del mare nostrum.


GENT - La cittadina di Gent, nella parte fiamminga del Belgio, è una meta da non perdere se volete vivere in prima persona la crescente trasformazione di questa cittadina medievale in vibrante centro culturale, dove i turisti ancora scarseggiano e gli abitanti sono perdutamente innamorati del proprio lifestyle. I canali le donano un’aria tipicamente nordica, i caffè arredati con tavoloni di legno e luce soffusa, inondati dai profumi dei dolci fatti in casa, e le strade tranquille la rendono accogliente e poco pretenziosa. Infine, alcuni tra i più bei musei del Belgio si trovano proprio qui, e sempre qui si tengono innumerevoli spettacoli e festival legati alle arti, in particolare al teatro e al circo contemporaneo. Vi diamo un consiglio: affrettatevi a visitare la dolce Gand prima che tutta Europa la scopra, e godetevi in anteprima il suo fascino segreto.


IBIZA - L’ultima destinazione che vi suggeriamo per i vostri viaggi del 2016 è la favolosa Ibiza, l’isola famosa in tutto il mondo per le sue notti brave, le spiagge da sogno e i panorami mozzafiato. La sua capitale Eivissa (in lingua catalana) è una deliziosa cittadina che si erge su un’altura a poca distanza dal mare, circondata da antiche mura che racchiudono un centro storico Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, dove si susseguono ristoranti molto chic, negozi di artigianato e stilosi alberghetti dove potrete trascorrere un soggiorno indimenticabile. Se siete amanti del clubbing optate per i mesi estivi, quando i migliori DJ del mondo si danno appuntamento qui per animare serate che sembrano non finire mai; se invece preferite la tranquillità, e siete decisi a scoprire il lato più autentico e avventuroso dell’isola, prenotate un volo per la primavera o l’autunno e preparatevi a immergervi nel paradiso mediterraneo per eccellenza.

 


15 Posti da vedere prima che scompaiano per sempre!

Se è vero, come è vero, che “chi ha tempo non aspetti tempo”, bisogna partire prima possibile alla volta di alcune fantastiche destinazioni che rischiano di scomparire per sempre, o di cambiare volto definitivamente. Dalla grande barriera corallina in Belize fino ai nostri ghiacciai alpini, da città splendide come Venezia e Amsterdam fino al Mar Morto: abbiamo selezionato per voi 15 luoghi spettacolari del pianeta che, tra una manciata di decenni, potrebbero non esistere più o essere irrimediabilmente diversi da come sono ora, a causa di tanti fattori diversi, come l’urbanizzazione eccessiva, il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici o, anche, la sempre maggiore instabilità politica. Continuate a leggere e scoprite quali sono i posti da andare a vedere prima possibile, per viverli al massimo e assaporarne le atmosfere: tenete d’occhio i voli, scegliete il vostro hotel e, cartina alla mano e reflex al collo, chiudete la valigia; vi assicuriamo che il viaggio vale ognuna di queste mete incredibili.

Non vi resta che partire!

Maldive - Repubblica delle Maldive - Ve lo sareste mai aspettato che una delle località più frequentate dai turisti di ogni parte del mondo potrebbe letteralmente scomparire in un futuro non troppo lontano? Tra le conseguenze del riscaldamento globale, lo ricordiamo dai libri di scuola, troviamo lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello del mare: gli studiosi affermano che le acque dell’Oceano Indiano si sono innalzate di diversi cm e l’arcipelago delle Maldive, che conta più di mille isolette bellissime e atolli spettacolari a solo un metro o due di altezza sul livello del mare, rischia di venire progressivamente mangiucchiato dalle acque. Un destino che sembra essere segnato. Bisogna far presto, a quanto pare nemmeno il paradiso è per sempre.

Petra, Giordania - È considerata una delle Sette Meraviglie del Mondo Moderno, è Patrimonio Unesco ed è un complesso archeologico scavato nella roccia di una bellezza indicibile con le parole: Petra è una meta davvero imprescindibile. Ma andateci prima possibile, perché il sito corre il rischio di sgretolarsi, rovinarsi e cambiare aspetto per sempre: tombe e templi scavati nella pietra arenaria, con un turismo di massa non sempre rispettoso come dovrebbe e con l’erosione costante, che è al contempo motivo di preoccupazione e di fascino, hanno subito negli ultimi anni un notevole deterioramento. Lo diceva anche Lorenzo il Magnifico che “di doman non v’è certezza”: meglio affrettarsi!

Taj Mahal, India - Dalla Giordania facciamo un salto in India, ad Angra. Il maestoso mausoleo di Taj Mahal, anch’esso Patrimonio dell’Umanità e anch’esso, come Petra, tra le Sette Meraviglie del Mondo Moderno, rischia di non essere più visitabile per i prossimi anni: il provvedimento di chiusura al pubblico è per ora un’ipotesi ma è altamente probabile che diventi realtà in tempi brevi, poiché l’eccessiva urbanizzazione della zona e il turismo intensivo, che inizialmente si sono rivelati una risorsa, oggi sono diventati un problema procurando un inquinamento eccessivo che sta rendendo sempre più opache le bianche facciate del mausoleo. Gambe in spalla, dunque: si parte!

Venezia, Italia - Il Bel Paese non è immune da tutto ciò: Venezia, col fascino dei suoi canali, le isolette lagunari labirintiche e pittoresche, le sue chiese millenarie e le sue bellissime architetture, combatte da sempre con l’acqua alta ma ora il pericolo è che venga completamente sommersa. Esiste un piano di interventi e sarà costruita una diga, proprio per arginare le acque della laguna: bisogna fare davvero di tutto affinché sopravviva questo luogo unico al mondo, simbolo mondiale di bellezza e romanticismo. Intanto, se non ci siete ancora stati, correte ad ammirare Venezia: i vostri occhi si riempiranno di meraviglie e non vorrete andar più via. Garantito!

Barriera corallina del Belize - Seconda solo alla grande barriera corallina australiana, la Belize Barrier Reef, nel Mar dei Caraibi, è Patrimonio dell’Umanità Unesco e presenta un ecosistema ricchissimo e vario, pieno di specie rare e in estinzione, come i grassi e simpatici lamantini. Purtroppo però le attività umane, come la continua invasione di navi da crociera, insieme al riscaldamento delle acque oceaniche e all’inquinamento, hanno già compromesso una parte di barriera. Pinne e occhiali a portata di mano: pronti al tuffo!

Madagascar - Gli stessi fattori minacciano costantemente un altro posto incantato, che vi farà sognare ad occhi aperti. Tra le isole più grandi e più belle del mondo, lambito dalle acque dell’Oceano Indiano, il Madagascar stupisce i turisti per la varietà della sua natura selvaggia, per la bellezza delle sue spiagge e la ricchezza delle foreste pluviali tropicali, nonché degli animali bizzarri e unici che le abitano. Scegliete il Madagascar per un contatto unico con la natura, per una popolazione accogliente e sorridente e per stupirvi, continuamente, in ogni angolo di questa terra che vi resterà nel cuore.

Miami, USA - Rischia di essere parzialmente sommersa dalle acque dell’Oceano Atlantico, entro la fine del secolo, insieme a molte altre città dell’east coast americana, anche Miami. Fate i bagagli appena possibile, dunque, e andate a vedere la città simbolo della Florida, brulicante di vita, di bellezze, di luci e di colori: qui avrete davvero mille cose da fare, il tempo scorrerà più veloce che mai e non vi resterà nemmeno un minuto per annoiarvi. Che aspettate?

Galapagos, Ecuador - Le tredici isole vulcaniche che compongono l’arcipelago delle Galapagos, nel Pacifico, hanno ispirato la teoria dell’evoluzione di Darwin grazie alle moltissime specie animali che lo popolano: la sua posizione isolata e il suo essere collocato proprio sulla linea equatoriale ha permesso lo sviluppo di migliaia di specie endemiche, che potrete ammirare solo qui. Purtroppo ancora per poco, perché questo microcosmo vario e bellissimo è oggi in serio pericolo: l’inquinamento terrestre e marino, l’aumento della temperatura dell’acqua e la pesca illegale e sempre più selvaggia stanno alterando gli equilibri che lo regolano. Noi ci andiamo subito: ci raggiungete?

Los Angeles e San Francisco, USA - Restiamo negli Stati Uniti e spostiamoci in California, perché a rischiare grosso sono due città di importanza mondiale, come Los Angeles e San Francisco. Ci troviamo, infatti, proprio lungo la famigerata Faglia di Sant’Andrea: gli scienziati parlano ormai da tempo di un terremoto devastante che potrebbe verificarsi entro una trentina di anni, con una probabilità che pare sia davvero elevatissima e con una potenza davvero distruttiva, tanto che gli americani parlano di "Big One", quello grosso. C’è da sbrigarsi davvero, questa è una meta imperdibile.

Mar Morto, Israele-Giordania-Cisgiordania - Il Mar Morto, situato nella depressione più profonda della terra e caratterizzato da una salinità di 10 volte superiore a quella marina, negli ultimi anni si è ridotto di un terzo e si è abbassato di più di venti metri. In questo caso è l’abbassamento del livello delle acque che potrebbe determinare la sua fine: l’evaporazione fortissima dovuta alle alte temperature non è compensata dall’acqua che il fiume Giordano immette nel mare, spesso utilizzata anche per scopi agricoli e industriali. Gli esperti ritengono che potrebbe scomparire entro i prossimi 50 anni: segnate subito questa meta in agenda!

Timbuktu, Mali - La desertificazione, invece, pare seppellirà la magnifica Timbuktu, nel Mali. Il deserto del Sahara è infatti destinato ad avanzare a ritmi sempre più veloci e molte città che si trovano lungo questo cammino corrono il rischio di essere letteralmente ingoiate dalla sabbia. Presto, allora: andate ad esplorare un luogo veramente magico, che in passato è stato un glorioso centro culturale e religioso, e godetevi atmosfere che sono davvero uniche al mondo. Chi si ferma è perduto!

The Wadden sea, Danimarca-Germania-Paesi Bassi - Questo è un posto veramente speciale, che si trova tra Danimarca, Germania e Paesi Bassi e che è Patrimonio dell'Unesco, per la sua bellezza e la sua unicità: stiamo parlando del Mare dei Wadden, noto per i bassifondi fangosi e per i paesaggi mozzafiato, da set cinematografico. Se il livello del mare continuerà a crescere, come ci si aspetta, questo patrimonio sarà risucchiato dalle acque. E quindi se volete godere di atmosfere surreali, camminando sul fango circondati dalle acque e avvolti da nebbie fitte, dovete fare la valigia in men che non si dica. Poi non dite che non vi avevamo avvisati!

Civita di Bagnoregio, Italia - Chiamata anche “la città che muore”, Civita di Bagnoregio è un gioiello nel cuore del Lazio, nel Viterbese. Sorge su un piccolo colle di tufo, in posizione coreografica e isolata, ed è raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale. La progressiva erosione del promontorio e della vallata circostante, che ha dato vita ai tipici calanchi della zona, rischia di far scomparire il borgo, che fa parte del circuito dei più belli d’Italia. Qui, tra le casette in pietra e i fiori alle finestre, il tempo sembra essersi fermato e sarebbe davvero un peccato se non voi non riusciste a vederlo.

Amsterdam, Paesi Bassi - E ancora il mare. Basta che il livello delle acque si innalzi di un paio di metri e potremmo dover dire addio per sempre anche agli splendidi canali di Amsterdam, alle sue biciclette e ai suoi angoli più pittoreschi e suggestivi. Bisogna assolutamente salire sul primo volo e andare a godersi le meraviglie del Museo Van Gogh, le atmosfere frizzanti di Piazza Dam, gli artisti, i locali, i caffè, il Vondelpark e il coloratissimo e profumatissimo Mercato dei fiori. Noi andiamo, voi venite?

Alpi, Italia - E per finire rientriamo in Italia: che ci crediate o no, avete tempo solo 80 anni ancora per una vacanza sulle Alpi, visto che entro il 2100 scomparirà più della metà dei ghiacciai e il paesaggio alpino, spettacolare e bellissimo così come lo conosciamo noi oggi, muterà completamente, radicalmente e irrimediabilmente. Non potete perdervi per niente al mondo la maestosità di queste vette innevate che si  stagliano sull’azzurro del cielo. Sapete cosa scegliere per il vostro prossimo viaggio!

 


Le 10 meraviglie Naturali d’ITALIA ...

Parchi incontaminati, canyon profondi e laghi incantati: 10 posti magici in cui la potenza della natura diventa spettacolo!

L'Italia intera è un immenso paradiso naturale, uno scrigno pieno di tesori più o meno conosciuti. Ce lo ha ricordato, ultimamente, Matteo Garrone, che porta sul grande schermo, con il suo Tale of Tales, diversi posti da favola sparsi lungo lo stivale. Senza spingerci troppo lontano, dunque, abbiamo fatto un giro tra parchi incontaminati, coste rocciose scolpite dal vento e laghi incantati che raccontano storie lontane, e abbiamo selezionato per voi 10 luoghi in cui la potenza della natura diventa spettacolo e si mostra in tutto il suo splendore e in tutta la sua varietà: grotte, saline, orridi, fumarole e canyon pazzeschi vi conquisteranno e vi faranno venire voglia di partire immediatamente, alla scoperta di un’Italia ancora poco esplorata, che vi riserverà magnifiche sorprese. Potrete arrivare nelle diverse località con uno dei voli economici per l’Italia o scegliere di noleggiare un’auto e girarle in un più avventuroso roadtrip: qualunque sarà la vostra scelta, queste bellissime destinazioni non deluderanno le vostre aspettative! Seguiteci!

Grotte di Bossea, Piemonte - Soffitti intagliati dalla mano della Natura, pareti ripide e rocciose, stalattiti e stalagmiti enormi: è una scenografia d’eccezione quella che ammirerete nelle Grotte di Bossea, nel cuneese. Un insieme di grotte carsiche in cui i laghi sotterranei, la miriade di caverne di ogni dimensione, le diverse concrezioni calcaree e i torrenti veloci, contribuiscono a creare una bellezza rara e maestosa che vi saprà conquistare. Vestitevi in modo adeguato, affidatevi alla vostra guida speleologica e preparatevi ad affrontare il percorso: ci ringrazierete del consiglio.

Cascata di Isola del Liri, Lazio - Ad Isola del Liri, in provincia di Frosinone, c’è una cascata meravigliosa proprio al centro della città e tutto il centro cittadino si sviluppa su un isolotto formato dalla biforcazione del fiume Liri, che crea due cascate, entrambe spettacolari. La Cascata Grande, in particolare, pittoresca e impetuosa, dipinge paesaggi mozzafiato e del tutto inaspettati in un centro storico. Unite natura e cultura andando a visitare anche il Castello Boncompagni Viscogliosi e, a pochi km dalla città, l’Abbazia Cistercense di Casamari. Buon viaggio!

Scala dei Turchi, Sicilia - È una falesia di marna bianchissima la famosa Scala dei Turchi, in Sicilia, lungo la costa agrigentina, che digrada dolcemente nel mare cristallino. Sarà l’insolito contrasto cromatico; sarà la bellezza della scogliera, dalla forma ondulata e particolare; sarà anche il fascino del nome, che la lega ad antiche leggende e a un passato lontano: tutto in questo posto è uno spettacolo e se non ci siete mai stati dovete assolutamente rimediare.

Salina di Cervia, Emilia Romagna - Inestimabile il valore storico, commerciale, naturalistico e paesaggistico della Salina di Cervia, in Emilia Romagna, che lega al sale il suo stesso nome: si racconta che Cervia derivi da acervus, cumulo, da intendersi come mucchio di sale. L’origine della salina è etrusca, ma la produzione di sale continuò anche durante l’epoca romana, fino ad oggi. Probabilmente non ve lo sareste mai aspettato, ma questo è un posto davvero bellissimo, un ambiente unico per di più popolato da specie animali rare e protette come fenicotteri, avocette e cavalieri d’Italia, che potrete esplorare attraverso escursioni guidate a piedi, in bici o in barca elettrica. Andate a vedere: scoprirete un mondo!

Necropoli Pantalica, Sicilia - Una necropoli come enorme testimonianza di storia e come spettacolo naturale incredibile: siamo in Sicilia e questo è un posto che non vi lascerà indifferenti, non a caso è stato inserito nell’UNESCO World Heritage List. Sentieri scoscesi, grotte e caverne sono la cornice naturale di oltre 5.000 tombe scavate nella roccia e di reperti di epoca bizantina. Questa necropoli rupestre, non lontano da Siracusa, nasce all’interno della Riserva naturale orientata Pantalica, Valle dell'Anapo e Torrente Cava Grande, un luogo paradisiaco che unisce alla perfezione natura e archeologia, per uno spettacolo che vi lascerà senza fiato.

Gole di Celano, Abruzzo - Gambe in spalla, il nostro percorso prosegue nell’Abruzzo interno. Ci prepariamo ad una bellissima escursione nelle Gole di Celano-Aielli, uno dei canyon più spettacolari dell’Appennino Centrale e dell’Italia intera, situato all’interno del Parco Naturale Regionale Sirente Velino. La vegetazione fitta e rigogliosa, i resti di un antico convento, le numerose sorgenti d’acqua, tra cui la bellissima Fonte degli Innamorati, e le pareti verticali altissime e ripide, che verso il fondo delle Gole si avvicinano incredibilmente, nel tratto più suggestivo dell’intero percorso, vi regaleranno emozioni indescrivibili a parole e vi faranno sentire piccoli piccoli di fronte alla magnificenza della natura.

Fumarole Sasso Pisano, Toscana - In Italia non ci facciamo mancare davvero niente e in provincia di Pisa, a Sasso Pisano, la natura offre uno spettacolo inconsueto, collegato a fenomeni di geotermia: andiamo a vedere le fumarole, emissioni quasi surreali di vapore che sale dalle fratture delle rocce. Percorrete uno dei due sentieri attrezzati e meravigliatevi di fronte a un paesaggio che cambia continuamente, passeggiando tra piccoli geyser su un suolo spesso bollente e attraversando rumori, a volte un po’ inquietanti, di bollori che sembrano provenire dal centro della terra. Pozze gorgoglianti, odore di zolfo, colonne di fumo, sorgenti di acque termali e rocce brulle dai colori stranissimi: il posto è di quelli quasi irreali, ma è davvero imperdibile! Consigliatissimo!

Rocce Rosse di Arbatax, Sardegna - In provincia dell'Ogliastra, ad Arbatax, a pochi km di distanza da Cala Moresca e Capo Bellavista, esiste un posto speciale: una spiaggia con un mare smeraldino e maestose rocce di granito rosso, svettanti contro l'azzurro intenso del cielo. Se ci andrete al tramonto, poi, non potrete non innamorarvi: le rocce, con la luce del sole che scende, assumono una colorazione ancor più particolare, quasi bagnata d'oro. Sarete voi e la Natura, Signora indiscussa. D'estate, inoltre, qui si tiene un blues festival tra i più seguiti e animati: non potete perderlo.

Balze del Valdarno, Toscana - Sabbie, argille e ghiaie stratificate formano le spettacolari formazioni naturali note con il nome di Balze, visibili nella zona del Valdarno, da Arezzo a Firenze. Guglie rocciose e pinnacoli appuntiti si sono formati dai sedimenti depositati da un lago, milioni di anni fa: a scolpire il paesaggio è stata la Natura stessa, attraverso l’acqua, il sole e il vento, che hanno modellato le balze fino alla forma attuale. Talmente belle nelle loro forme originali e nei loro colori brillanti, che vanno dal grigio quasi azzurro al giallo ambra, le balze hanno saputo affascinare addirittura Leonardo da Vinci. Guardate il dipinto della Gioconda e capirete perché.

Lago di Carezza, Trentino Alto Adige - Spalancate gli occhi di fronte al bellissimo lago di Carezza, un lago alpino a pochi km da Bolzano: i colori vividi delle sue acque, un fitto bosco di abeti a far da sfondo e la maestosa parete rocciosa del Latemar a dominare il paesaggio, tipicamente dolomitico, rendono questo posto tanto bello da sembrare quasi disegnato. D’inverno la superficie del lago si ghiaccia solidamente e il paesaggio cambia volto, restando naturalmente bellissimo. Il lago, incastonato come una perla in mezzo alla natura più incontaminata, è circondato da un alone di magia e mille sono le leggende che si raccontano: pare le sue acque siano state abitate da ninfe e sirene. Se siete curiosi, come i veri viaggiatori, non vi resta che andare a scoprire questo posto meraviglioso, sospeso tra realtà e fantasia.

 

 


Le 10 isole più belle del mondo...

Quante volte si sogna di abitare su un'isola? Certo, naufragarvi non è proprio l'ideale, ma andarci in vacanza è un'ambizione facile da realizzare. TripAdvisor ha annunciato i vincitori dei premi Travelers’ ChoiceTM Islands 2015. Ecco le 10 destinazioni in cui, almeno per una settimana, potrete riposare in paradisi circondati dall'acqua.

Providenciales, Turks e Caicos Islands - Ecco la regina delle isole da sogno! Fare immersioni e snorkeling a Providenciales è tanto bello quanto comodo grazie ai chilometri di barriera corallina facilmente accessibili dalla spiaggia. I lussuosi resort e le spiagge incantevoli di Grace Bay la rendono una destinazione molto in voga per le vacanze al mare.

 Fernando de Noronha, Brasile - L'arcipelago Fernando de Noronha è Patrimonio Mondiale dell'UNESCO e ospita un delicato ecosistema. L'area è protetta, ma i pochi fortunati che la possono visitare vengono premiati con spiagge impareggiabili e acque calde e rilassanti popolate da delfini e tartarughe marine.

 Bora Bora, Polinesia Francese - Su quest'isola potrete vivere un'avventura romantica, nuotare assieme ai pesci tropicali nella riserva naturale di Coral Gardens o a Tupitipiti Point, oppure rilassarvi girando per conto vostro e ammirando le meravigliose viste dell'Otemanu, un monte di origine vulcanica.

 Mauritius, Africa - Si tratta di un paradiso tropicale in cui potersi godere milioni di attività. Port Louis, la moderna capitale di quest'isola larga 62 chilometri e lunga 47, è un porto vivace con un litorale dinamico e un mercato attivo. Ma la maggior parte dei visitatori gravitano intorno alle aree turistiche come Mont Choisy.

Bali, Indonesia - Bali, l'isola Travellers' Choice settima al mondo, è una cartolina vivente, un paradiso indonesiano in un'atmosfera quasi da favola.

Madeira, Portogallo - Oltre ai paesaggi mozzafiato, sull'isola potrete rilassarvi, gustando un bicchiere di Madeira, lo storico vino liquoroso dal sapore muschiato e leggermente dolce.

Koh Tao, Provincia di Surat Thani - Adagiata nel Golfo di Thailandia all'ombra di rigogliosi palmeti, l'isola di Koh Tao trae il suo nome dalle numerose tartarughe che ne popolano le spiagge. Le spiagge di sabbia bianca protette da ripide colline, alcune raggiungibili solo in fuoristrada, e 300 giorni di sole l'anno sono un richiamo irresistibile.

Santorini, Grecia - Anche se non avete mai visitato quest'isola delle Cicladi nel Mar Egeo, la riconoscereste comunque immediatamente: case color pastello scolpite nelle scogliere, acque color zaffiro, edifici bianchi splendenti dai tetti a cupola del colore di un cielo tempestoso. Pace e bellezza vi sommergeranno.

Roatan, Bay Islands - Il modo migliore per concludere una giornata trascorsa tra avventure adrenaliniche e immersioni nella barriera corallina di Roatan è gustare un cocktail sulla spiaggia al calar del sole. Questa è la meta ideale per gli appassionati di ecoturismo e pesca.

Maui, Hawaii - L'isola hawaiana di Maui è una destinazione per i veri amanti della natura. Esplorate l'eterea foresta di bambù e le vorticose cascate nel Parco Nazionale di Haleakala. Rilassatevi sulla sabbia calda dorata o goditi un'indimenticabile uscita in windsurf o di snorkeling.


7 luoghi di vacanza da non perdere ...

 Il National Geographic Traveler ci fornisce una lista di suggerimenti di viaggio, sette destinazioni da sogno che nel 2015 dovremmo trovare occasione di visitare. SI va dalle più poetici luoghi dell'india alle montagne svizzere, perché l'importante, innanzitutto, è mettersi in viaggio...

Corsica, Francia - Conoscete l'isola natale di Napoleone? A 200 anni esatti dalla caduta finale dell'Imperatore di Francia la Corsica mantiene intatto il suo fascino. Anche se questa isola del Mediterraneo ha profondi legami storico-geografici con l'Italia, è francese dal 1769. Ma i suoi 300mila abitanti mantengono inalterati un orgoglio tutto isolano.

Koyasan, Giappone - Che siate in cerca dell'illuminazione o solo di un po' di relax Koyasan, il tempio austero del buddismo giapponese, è il posto giusto per un viaggio. È un complesso monastico che si trova a 2 ore di treno a sud di Osaka, e compirà il suo 1200esimo anniversario nel 2015.

Sark, Channel Island - Utimo baluardo di un mondo ormai perduto, Sark è un'isola nella Manica in cui, fino al 2007, era ancora attivo un ordinamento feudale. Nel 2002 aveva una popolazione pari a 610 abitanti, e sull'isola non possono accedere automobili. Circolano sono carri trainati a cavallo, biciclette, trattori, veicoli elettrici o biciclette

Hyderabad, India - Un diamante è per sempre. Hyderabad è una regione nel sud-est dell'India, in passato sede di uno degli uomini più ricchi del mondo, Mir Osman Ali Khan, e ricca di bellezze architettoniche. Oggi è un importante centro nel mercato dell'information technology mondiale, e vive in un costante viavai di giovani ingegneri.

Tunisi, Tunisia - Ammirare il tramonto nella baia di Tunisi è un'esperienza che non ha prezzo. Il punto di vista ideale sullo splendore tunisino potrebbe essere il Light Bar di Villa Didon, un hotel superlusso, ma il panorama si può ammirare anche dalle antiche strade fenice che attraversano questa città sedimentata nei millenni.

Zermatt, Svizzera - Vette di perfezione, queste svizzere, di un borgo agricolo tanto bello da attirare 1,5 milioni di visitatori ogni anno. Zermatt è l'unico villaggio sul versante svizzero del Cervino, e attira turisti da quando l'avventuriero britannico Edward Whymper, nel 1865, non è riuscito nella prima scalata della mitica vetta a oltre 4mila metri.

Isole Faroe - Le Isole Faroe sono notoriamente una splendida destinazione, in qualsiasi periodo dell'anno. Ma il 21 marzo del 2015, si potrà ammirare da questa terra un'eclissi solare totale visibile dalle Isole Faroe. Si tratta di un'esperienza magnifica che può avvenire una sola volta nella vita.

 


 9 famose "rocce in equilibrio"...

L’erosione e gli altri processi geologici creano dei risultati a volte incredibili, con rocce che sembrano sfidare la gravità. Nel mondo sono le “rocce in equilibrio”, in cui grosse formazioni rocciose sono collegate al corpo principale da un piccolo collegamento, sempre meta di turisti : in effetti, lasciano a bocca aperta. la “Roccia Dorata” in Burma è uno dei luoghi più sacri della zona. Secondo la leggenda, la roccia è tenuta su da un capello di Budda. Sulla roccia è stato costruito un tempietto, e la roccia stessa è stata ricoperta in oro dai fedeli. Il Kjeragbolten è un enorme masso (di circa cinque metri cubi) incastrato in un crepaccio sul monte Kjerag, e sospeso a 984 metri di altezza.


I “Devils Marbles” sono tra le formazioni rocciose più famose d’Australia: nell’area (che si trova nel Territorio del Nord) sono diversi i massi arrotondati sparsi per la zona, con dimensioni dai 50 centimetri agli oltre sei metri di diametro, e molti sembrano in equilibrio precario. Le formazioni di rocce in equilibrio sono molto diffuse in tutto lo Zimbabwe: questa, chiamata Chiremba Balancing Rock, ha avuto notorietà particolare perché era rappresentata su una banconota, quella da 50 trilioni di dollari dello Zimbabwe. La “Mushroom Rock” (roccia fungo) è caratteristica della regione di Smoky Hills del Kansas, dove questo tipo di formazioni sono diffuse, tanto che è stato creato un parco naturale chiamato “Mushroom Rock State Park”.


La “Idol Rock” a Brimham Moor è una delle rocce che appare in equilibrio più precario tra tutte le rocce in equilibrio. Tra l’altro, tutto il parco è noto per le curiose formazioni rocciose, dalla forma insolita: ci si vedono elefanti, orsi, ippopotami, e anche funghi.

Anche l’equilibrio della Balancing Rock a St. Mary’s Bay (Nuova Scozia) sembra decisamente instabile: la roccia (alta nove metri) è appena appoggiata alla base sottostante e neppure in modo troppo aderente: in diversi punti si riesce infatti a vedere attraverso la base
La roccia in equilibrio al Garden of The Gods, a Colorado Springs, è una meta turistica molto gettonata anche perché facile da raggiungere: è infatti sul ciglio di una strada.

 La “Balanced Rock” per antonomasia per gli americani è quella dell’Arches National Park, nello Utah. L’altezza della formazione è di quasi 40 metri. Fino a pochi anni fa, era presente una formazione simile, ma più piccola, che però è crollata nel 1975.


I migliori tramonti...

Ecco dove i romantici e gli innamorati possono andare per ammirare i dieci tramonti più belli al mondo...

Quando il sole incendia il cielo per gli ultimi istanti prima di affondare nel mare o sparire dietro a una montagna. Condizioni meteorologiche permettendo, cioè di cielo assolutamente sgombro di nuvole (ma attenzione perché alcuni tramonti con i raggi del sole che perforano le nuvole sono assolutamente meravigliosi) è forse il momento più bello della giornata. Secondo gli esperti di viaggi, esisterebbero almeno dieci luoghi sulla Terra dove si possono ammirare i tramonti più belli.

AUSTRALIA Si tratta di Kalbarri, nell'Australia occidentale. Tutta la costa occidentale australiana è splendidamente esposta nella direzione giusta, e visto le particolari condizioni atmosferiche del continente, qui i tramonti sono quasi tutti splendidi. Un lunghissimo belvedere, che ha nella località di Kalbarri il suo punto migliore. Qui infatti il fiume Murchison sfocia nella baia di Gantheaume creando giochi di luce al tramonto davvero unici.

ITALIA – siamo italiani, al secondo posto vogliamo mettere una località italiana. In realtà il Belpaese viene chiamato così non a caso, ma per questa volta ci limitiamo a segnalare le Cinque Terre, in Liguria. In particolare un punto scelto a piacimento lungo la bellissima Via dell'Amore che collega due di queste cinque terre, e cioè Riomaggiore con Manarola. Direttamente a picco sul mare aperto, offre un panorama mozzafiato.


GRECIA - Rimaniamo nel Mediterraneo ma spostiamoci verso est. Andiamo in una delle tante isolette greche, esattamente a Santorìni. E' una delle perle delle Cicladi, e le deliziose piccole case bianche a picco sul mare rendono l'esperienza di un tramonto indimenticabile.

BRASILE E URUGUAY – E adesso tutti in Sudamerica, per visitare due posti straordinari. Sebbene la costa del Brasile e dell'Uruguay siano rivolte a oriente (perfette per delle indimenticabili albe) è possibile godere comunque di tramonti magnifici grazie alla bellezza di Ipanema, in Brasile, e di Punta dell'Este in Uruguay. Spiagge incredibili, atmosfera rilassata, vita notturna che vi accoglierà dopo il tramonto del sole. A Punta dell'Este il sole gira intorno alla punta del promontorio che dà il nome alla località. Da vedere.

 



 

Caño Cristales, un tuffo nell’arcobaleno

In un certo periodo dell’anno un normale fiume colombiano si trasforma in un caleidoscopio di colori e diventa il più bello del mondo.

In quel lasso di tempo che divide la stagione delle piogge da quella secca, in Colombia si compie la magia e il fiume più bello del mondo riprende vita. Per cento chilometri le alghe che ricoprono le rocce del fiume abbandonano le solite sfumature scure e si colorano di verde, rosa, blu, rosso e nero, dipingendo le acque del Caño Cristales con colori sgargianti. La magia si compie solo in questo periodo, quando il livello dell’acqua permette alle alghe e al muschio di essere ‘scaldate dal sole’ senza seccarle.  

Il corso d’acqua, soprannominato ‘il fiume dell’arcobaleno’, si trova nella riserva naturale  Sierra de la Macarena, punto di incontro dell’ecosistema andino e amazonico.

Bello e pericoloso. A circa due ore di cammino dalla città di La Macarena, la zona del fiume era considerata fino a poco tempo fa ‘pericolosa’ per la presenza dei guerriglieri rivoluzionari Farc, al punto da venire chiusa ai turisti. Ora sembra che il pericolo sia passato e da poco tempo l’area è nuovamente accessibile. Se sulla sicurezza della zona anche i locali hanno i loro dubbi, per chi non teme strascichi pericolosi, l’unico problema sarà solo individuare il periodo giusto dell'anno, per non trovarsi davanti un fiume 'normale'.

 


 

I mestieri più strani negli hotel

Scacciare piccioni o ‘torturare’ i clienti: per un turista soddisfatto ormai si fa di tutto e nuove figure professionali affiancano maggiordomi e sommelier.

Si fa presto a dire 'esclusività', quando le cinque stelle non bastano più gli hotel che pretendono di distinguersi non si tirano indietro, e assoldano dei professionisti capaci di fare la differenza, nei modi più imprevisti.  Niente è lasciato al caso e per garantire il massimo ai propri ospiti ci sono hotel e ristoranti disposti a pagare qualcuno che usufruisca dei loro servizi in modo anonimo, ingaggiando una sorta di '007'. Si chiama 'mystery guest', e il suo lavoro consiste nel dormire in una suite, mangiare un'ottima cena presso un ristorante o farsi massaggiare per un'ora in una splendida spa per poi riportare le proprie impressioni con l'occhio del cliente qualsiasi.
Di sicuro una persona attenta ai dettagli, e quindi in grado di assicurare agli ospiti 'veri' il servizio migliore.  Ma più si sale di categoria e più l'eccentricità dei potenziali ospiti, e di
conseguenza dei lavori a disposizione, prende piede. Così in un hotel di lusso in India, il Rambagh Palace, c'è chi ha trovato lavoro come 'scacciatore di piccioni'.
Ogni due ore, per nove ore ogni giorno, due colleghi si danno il cambio all'interno del cortile di questa che è la ex-residenza del marajà di Jaipur. Il loro compito? Camminare per il cortile e far allontanare i piccioni senza però nuocere loro in alcun modo. In Rajasthan i piccioni sembrano essere portatori di buon auspicio!  Ci sono invece posti dove occorre sfoderare un curriculum  molto particolare, come quello richiesto dal
Four SeasonsTented Camp Golden Triangle di Chiang Rai, in Tailandia, per il suo 'coordinatore del campo degli elefanti'. E’ il responsabile di una vera mandria di pachidermi, da allevare e istruire con cura per metterli a disposizione dei turisti e dei loro tour nella giungla.  Più rilassante la posizione lavorativa da mastro delle anatre che offre lo storico Peabody Hotel a Memphis. Il suo simbolo è una fontana in cui quotidianamente viene accompagnato un stormo di anatre per un bagno che deve avvenire nel massimo della pulizia ed eleganza. L'igiene è una antica forma di distinzione, anche quando si parla di monetine, almeno così la pensano al Westin St.Francis di San Francisco,  da quando nel 1935 il direttore, notando i guanti bianchi delle signore sporcarsi nel maneggiare il resto ricevuto dal pagamento, decise che tutte le monete che fossero circolate nell'hotel avrebbero dovuto essere ripulite. Il Los Angel Times, nel redigere la sua lista di lavori strani negli alberghi, ha recentemente pubblicato l'intervista a Rob Holsen, il 'lava monete' ufficiale dell'hotel. Anche se ora si usa la carta di credito, la tradizione di pulire il 'denaro sporco' resta...ed è pure un'operazione legale.  C’è poi chi per attirare la clientela offre servizi davvero originali. Una prigione abbandonata una volta usata dai nazisti e dai sovietici è oggi un hotel-prigione che tra i servizi offerti propone anche guardie che gridano e interrogano gli ospiti. Ci troviamo in un gulag-hotel a Karosta, in Lettonia, dove il cliente paga per dormire nelle celle mentre qualcun altro è pagato per maltrattarli. Sul contratto la mansione parla di ‘guida turistica’, nella realtà tra le attività da svolgere c’è quella di obbligare gli ospiti a pulire le latrine con uno spazzolino da denti o a rinchiuderli nella stanza degli interrogatori per far loro subire gli stessi trattamenti riservati ai dissidenti. Ovviamente come ogni servizio, si tratta di qualcosa su richiesta e così pare che i migliori clienti siano quelli che vogliano essere trattati davvero male! Un lavoro sicuramente stancante ma una cura per lo stress: invece di alzare la voce a casa, si è pagati per farlo sul posto di lavoro.

 


 

Lost, l’isola che c’è…

Il paradiso 'sperduto', teatro delle avventure di Sawyer e compagnia, esiste ed è tutt’altro che ‘lost’.

Le Hawai oltre a essere tra le isole più belle del pacifico, paradiso per turisti, surfisti e bon vivant, sono anche uno dei set naturali più amati per girare le serie televisive targate USA. In particolare Oahu, dove si trovano Honolulu e Waikiki, e dove è stata girata una delle serie cult degli ultimi tempi: Lost. Molte location sono visitabili e gratuite, altre si possono raggiungere a pagamento, magari con tour guidati, e per altre ancora ci si deve accontentare di una sbirciatina da lontano. Per recuperare le tracce dei ‘sopravvissuti’ ci si può affidare ad una guida virtuale e aggiornatissima come quella del sito di Lost Virtual Tour. A parte alcune eccezioni, quasi tutte le riprese sono state fatte su quest’isola. Per gli aficionados della serie vale quindi la pena concentrare le ‘ricerche’ a Oahu magari partendo dall’episodio pilota, girato nella parte Nord-Ovest, a Mokuleia Beach. Qui è inevitabile una puntatina a due siti in particolare: Tiger Point e Army Beach, usati come set per le scene della spiaggia. Poco distante anche Dillingham Airfield, dove si trova ancora la carcassa dell’Oceanic 815. Per le scene ambientate nella parte interna dell'isola è stata usata Ka’a’awa Valley, dove si trova anche il ‘campo da golf’ di Hurley e dove sono stati girati altri famosi film come Jurassic Park, Godzilla e Pearl Harbor. L’unico modo per visitare questa zona è però con il permesso del proprietario, il Kualoa Ranch.  Quasi tutti i flashback ambientati nelle varie città del mondo o in luoghi particolari, sono state fatte nei locali e nelle strutture di Honolulu o in altre parti dell’isola. L’Hawaii Convention Center, ad esempio, è stato usato anche come ‘Aeroporto di Sidney’. Persino l’abientazione Coreana, teatro dei flashback di Jin e Sun, fa in realtà parte di Oahu. Per gli esterni della casa del padre di Sun è stato infatti usato il tempio Byodo-In nella Valle dei Templi a Kane’ohe.  E ancora, il villaggio nigeriano di Eko si trova nella parte nord dell’isola a Waialua. Il centro della Dharma Iniziative è al YMCA Camp Erdman, vicino a Mokuleia Beach.  Anche se quasi tutte le riprese sono state effettuate sull’isola, per altre scene sono stati usati dei set cinematografici in California. Tra gli altri, per alcune scene ambientate in ospedale, sono stati persino ‘riciclati’ i set di ‘Grey’s Anatomy.


 

Le ville dei vip più cercate…

Un viaggio fra le dimore delle celebrities: quelle di Will Smith e Michael Jordan le più cercate.

La vita delle celebrità attira sempre l’attenzione del pubblico, e se anche voi siete fra coloro che desiderano saperne di più riguardo al privato dei vip internazionali, sappiate che su internet è possibile fare un viaggio alla scoperta delle dimore più lussuose dei vip più famosi al mondo.

Il sito Virtualglobetrotting.com permette infatti di visualizzare le proprietà degli attori, dei cantanti, degli sportivi e dei manager più celebri sfruttando la tecnologia offerta dalle mappe satellitari, attraverso le quali, oltre a città, montagne, fiumi e via dicendo, possono essere immortalati anche edifici e costruzioni di varia natura.

Una sezione di Virtualglobetrotting è interamente dedicata alle ‘ville dei vip’ – non necessariamente americani – che gli utenti possono liberamente consultare per scoprire sia le particolarità costruttive degli edifici, dato che la qualità delle immagini è molto buona e sono ben visibili piscine, campi da tennis, cascate, garages e molto altro, sia la loro posizione, grazie alla funzione delle mappe on-line che consente di spostarsi sul territorio circostante con un semplice click di mouse. Non solo. Il sito fornisce anche la classifica relativa alle ‘dimore vip’ più cercate, costantemente aggiornata in base alle visite virtuali degli utenti alle ville delle varie celebrità.

A febbraio 2010, al primo posto delle tenute più cliccate troviamo la splendida tenuta californiana di Will Smith, che si trova a Los Angeles, in una località piuttosto intima e lontana dalle zone più frequentate dal jet set. Qui, Smith vive insieme all’adorata moglie Jada e ai figlioletti, e può godersi il sole della California mentre gioca sui suoi campi da tennis e da basket, oppure mentre fa una nuotata nella sua mega-piscina dalla forma irregolare. Per non contare che, se proprio vuole immergersi completamente nella natura, Will può anche tuffarsi nelle acque del suo lago personale con tanto di romantico isolotto al centro….

A febbraio 2010, al primo posto delle tenute più cliccate troviamo la splendida tenuta californiana di Will Smith, che si trova a Los Angeles, in una località piuttosto intima e lontana dalle zone più frequentate dal jet set. Qui, Smith vive insieme all’adorata moglie Jada e ai figlioletti, e può godersi il sole della California mentre gioca sui suoi campi da tennis e da basket, oppure mentre fa una nuotata nella sua mega-piscina dalla forma irregolare. Per non contare che, se proprio vuole immergersi completamente nella natura, Will può anche tuffarsi nelle acque del suo lago personale con tanto di romantico isolotto al centro…. 

Al secondo posto troviamo poi l’enorme villa (22mila metri quadrati) di Michael Jordan, il celebre ex campione di basket, situata in una località chiamata Highland Park, nello stato americano dell’Illinois. Caratterizzata da uno stile piuttosto classico, la tenuta è circondata dal verde della rigogliosa natura e, a quanto si può vedere dall’immagine satellitare, può contare su un corpo di fabbrica di migliaia di metri quadrati. Più che una casa, sembra un villaggio!

La terza dimora più cliccata è quella che possiede il magnate dell’informatica Bill Gates a Medina, nello stato di Washington, e a ben guardarla sembra fin troppo discreta: con sole otto camere da letto matrimoniali ma ben 25 bagni, la proprietà di Bill Gates è valutata 134 milioni di dollari.

In quinta posizione abbiamo la conduttrice di talk show, nonché una delle donne più influenti del mondo, Oprah Winfrey, che nella splendida località di Montecito in California, possiede una dimora che è difficile persino definire ‘villa’. Si tratta di una costruzione grandissima ed elegantissima, più simile ad una reggia che a una casa vera e propria. A testimonianza della raffinatezza della tenuta, vi basti sapere che, davanti alla maestosa villa di Oprah, si apre uno stupendo giardino digradante in stile italiano.

  Tra le proprietà più visitate, ci sono poi il famoso ranch Neverland (California), appartenuto dal 1988 al 2005  al compianto Michael Jackson e la ‘Playboy Mansion’, la famosa casa californiana del patron di Playboy, Hugh Hefner.


 

Il labirinto di ghiaccio più grande del mondo...

Il nuovo record mondiale è stato raggiunto a Buffalo con un labirinto ‘glaciale’ che supera i mille metri quadrati.

Il  Powder Keg Festival di Buffalo ha conquistato un posto al sole nel Guinness dei primati grazie al labirinto di ghiaccio più grande del mondo: più di cinquanta volontari, 2200 blocchi di ghiaccio, alcuni dei quali raggiungono il peso 130 chili, per una superficie coperta che si aggira sui 1100 metri quadrati.
Queste le forze e il materiale impiegato per un record ‘mitologico’ anche nel concept: al centro del labirinto la scultura dell’artista
Paul Strada, un trono di ghiaccio decorato con corna e teste di bufalo, ricorda vagamente il leggendario labirinto, e il palazzo, di Minosse.
Le corna che sovrastano il trono e superano le pareti, aiutano i visitatori a raggiungere il centro del labirinto.

Venerdì 8 ottobre 2010  un rappresentante del Guinness World Records ha confermato il primato di Buffalo. Il labirinto verrà anche illuminato da dei LED installati all’esterno e sulle pareti interne, in modo da renderlo ben visibile anche di sera…almeno fino al disgelo.


 

Sposi originali...

Stanchi dei soliti cliché? Ecco qualche destinazione per chi, il 'sì' più importante della vita, lo vuole pronunciare nei posti più particolari del mondo.

Per chi non teme le basse temperature, una chiesa di ghiaccio può essere la soluzione ideale. Un desiderio che può diventare realtà nella 'gelida' atmosfera della cappella costruita presso l’Hôtel de Glace in Canada o presso l'Igloo Hotel di Sorrisniva, in Norvegia. Tra splendide sculture in ghiaccio e pareti cristalline sarà sicuramente il matrimonio più 'cool' a cui avrete mai partecipato. Per un ‘sì’ sotto zero si può optare anche per soluzioni meno distanti e fare rotta per la Romania, sul lago Balea, in provincia di Sibiu a oltre duemila metri di altezza. Non manca davvero nulla: un piccolo altare, panchine di ghiaccio per gli ospiti e mura interne addobbate da icone in bassorilievo. L'unica accortezza è nell'illuminazione, visto che è raccomandabile non eccedere con le candele. Il vicino hotel, anch'esso scolpito nel ghiaccio, è pronto ad ospitare i giovani sposi: un bicchierino al Sub-Zero Ice Bar e un panorama mozzafiato garantiranno che bianco sia solo il panorama.  

 Per chi voglia andare fino in fondo, quale miglior soluzione che sposarsi sott’acqua? Tantissime le destinazioni papabili per chi vuole un matrimonio 'sottomarino': da Bali alle Isole Fiji, dalle Bahamas alle Isole Cayman  si tratta solo di scegliere la sfumatura di blu che più si addice ai ‘vestiti’ scelti dagli sposi.

 Se è invece l'estremo ad attrarre, meglio prenotare subito un volo per Las Vegas. Una volta giunti a destinazione, se sposarvi su una riproduzione dell’astronave Enterprice di Star Trek può sembrarvi ormai fuori moda  e un matrimonio su un elicottero in volo sul Gran Canyon non riesce a soddisfare la vostra voglia di volare, non vi resta che prenotare un predicatore paracadutista, una new entry nella città già famosa per la stravaganza dei suoi matrimoni. La cerimonia ha inizio subito dopo il decollo e dopo aver ufficializzato l'unione, ci si lancia insieme con il paracadute, per un primo 'salto nel vuoto' da marito e moglie. L’alternativa per chi preferisca restare con i piedi ben piantati a terra, consiste nel richiedere che il volo dimostrativo venga effettuato direttamente dai professionisti, che nelle vesti di paggetti dell’aria, ‘voleranno’ a portarvi le fedi nuziali.

Con la testa fra le nuvole anche chi scegli di sposarsi sulle ruote panoramiche: a Vienna sulla Giant Wheel  o a Londra sulla London Eye  si può festeggiare godendo di un panorama fantastico. Per gli sposini che invece preferiscano sposarsi ‘al volo’  viene in soccorso la compagnia belga ‘Events in the Sky’ già famosa per l’invenzione delle cene in cielo. Anche in Italia è infatti possibile organizzare il Marriage in the sky, il matrimonio in cielo. Basta essere in non più di venti persone, e sarà possibile sposarsi su una piattaforma appesa ad una gru, sospesa ad oltre cinquanta metri di altezza. Dopo il fatidico si gli sposi potranno lanciarsi nel vuoto con i piedi ben ancorati ma appesi ad un filo. Quando si dice “chi ben comincia...”.


 

I laghi più romantici d'Italia...

 

...panorami incantati e atmosfera giusta, ecco gli ingredienti che caratterizzano i cinque laghi italiani più romantici...

Ma quali sono i  più belli e romantici d’Italia? Noi ne abbiamo scelti cinque.

1. Lago di Como  - In cima alla classifica dei laghi più belli e romantici c’è sicuramente il lago di Como, luogo ‘feticcio’manzoniano ne "I promessi sposi" e ora meta gettonatissima dai vip di tutto il mondo e non solo. Oltre a Como e Lecco, entrambe affacciate sui due rami meridionali del lago, una delle mete imperdibile è Bellagio, borgo che ha affascinato, tra gli altri, anche Stendhal, Flaubert e Giuseppe Parini.

2. Lago Maggiore  - Altrettanto bello, tra giardini, ville, isolotti e panorami incantati anche il lago Maggiore. Per un viaggio romantico, visita d’obbligo alle isole Borromee e, in particolare all’isola Bella con il giardino all’italiana di palazzo Borromeo.

3. Lago di Garda  - Uno dei luoghi più romantici d’Italia è senza dubbio il lago di Garda, tra i consigli degli utenti di Yahoo a farla da padrone sono in particolare la zona di San Virgilio e Sirmione.

4. Trasimeno  - Oltre alle tre isole Polvese, Maggiore e Minore, tra i posti più affascinanti del lago Trasimeno c’è Castiglione del Lago, gioiello di alto valore storico-artistico immerso nella natura ed eletto come uno dei borghi più belli d’Italia.

5. Lago di Sabaudia  - Paradiso per sportivi e amanti della natura, il lago di Sabaudia o di Paola è il giusto compromesso per chi cerca in un’unica soluzione lago, mare e montagna. Parte del Parco nazionale del Circeo, il più famoso dei laghi litoranei del Lazio è infatti vicinissimo sia alle spiagge e alle dune di Sabaudia che al Monte Circeo. Tra i punti di interesse più suggestivi l’antico ponte rosso sul canale romano che porta da torre Paola al lago.


 

Le spiagge più belle d'Italia...

"Sapore di sale, sapore di mare, che hai sulla pelle, che hai sulle labbra quando esci dall'acqua e ti vieni a sdraiare...”

 ...recitava così la prima strofa di un celebre brano di Gino Paoli degli anni sessanta, ancora attualissimo però, per esprimere la voglia di evasione e di vacanze in stile balneare che accomunano molti turisti della generazione Web 2.0, già pronti a partire per le tanto sospirate vacanze estive.

Fra le coste d’Italia a prova di tuffo secondo i turisti italiani non mancano alcune delle 113 località costiere che hanno ottenuto la prestigiosa certificazione della Foundation for Environmental Education (FEE) per l’eccellente qualità ambientale delle loro spiagge (contrassegnate con *):

Marina di Ragusa (RG), Sicilia*

Marina di Ragusa e' una fra le più attrezzate e rinomate località balneari della Sicilia Sud-Orientale, visitata ogni anno da turisti italiani e stranieri e apprezzata per  i suoi lidi di sabbia dorata finissima e per la sua riviera popolata di locali notturni, pub, ristoranti e negozi.
“Le spiagge sono di sabbia fine e dorata, l’acqua bassa in questo lembo di costa è mite e limpida”
“E’ davvero il luogo ideale per una nuotata o per prendere il sole: le spiagge sono molto ampie e a volte non si incontra nessuno per chilometri”

Spiaggia della Pelosa (Sassari), Sardegna.

Situata nel golfo dell'Asinara, all'estremità nord-est di Capo Falcone, la spiaggia della Pelosa è sicuramente una delle spiagge più belle della Sardegna: il suo colore turchese e le trasparenze, nonché la finissima sabbia bianca, la fanno somigliare ad una spiaggia tropicale più che ad una mediterranea.
“Ho passato le vacanze a Capo Falcone nelle vicinanze di Stintino. Mare pulito, spiaggia della pelosa bellissima, con colori caraibici e panorama eccellente

Santa Teresa di Gallura (Olbia-Tempio), Costa Smeralda, Sardegna. *
Santa Teresa Gallura vanta alcune tra le più belle spiagge della Sardegna e si distingue per l’infinità di cale e calette da esplorare lungo la sua costa.
“Quando ci sono andato ho provato veramente l' emozione di un viaggio dove il mare e il relax fa da padrone. E’ un posto molto selvaggio sicuramente adatto a chi cerca il contatto con la natura”
“Spiagge incantevoli e deliziosi piccoli ristoranti tipici da non perdere assolutamente.

Lampedusa (AG), Sicilia.
Il litorale dell'isola di Lampedusa, lungo circa 26 km, è molto vario: trasparenze, rocce scolpite dal tempo, spiagge dalle sabbie bianchissime, insenature, calette, anfratti, e fondali bassi ne rendono il paesaggio un vero spettacolo per gli occhi. Inoltre, a nord della costa si aprono numerose calette che spesso celano misteriose e bellissime grotte.
“L'isola di Lampedusa è un paradiso per chi ama la natura e in particolare il mare.”
“Una vacanza indimenticabile in un posto da cartolina...Non dimenticherò mai le splendide gite in barca!”

Spiaggia di Pomonte, Isola d’Elba (LI), Toscana.
L’insenatura di Pomonte è caratterizzata da una spiaggia di ghiaia rossa e grazie ai costanti venti da sud-ovest è il luogo ideale per imparare o praticare il surf.
Di notevole interesse è il relitto situato ad appena 12 metri di profondità a poche decine di metri dalla spiaggia, una delle scuole più facili per i giovani subacquei.
“La mia super vacanza è stata a Pomonte: mare cristallino, anche grazie alla spiaggia di sassi che tende a mantenere l'acqua più pulita, e splendido entroterra, con vedute di incomparabile bellezza”
“A portata di pedalo', subito davanti alla spiaggia, a Pomonte c'e' il relitto di una nave, da vedere e visitare se si fa sub e da sbirciare se ci si accontenta dello snorkeling...”

Pantelleria (TP), Sicilia. 
A 85 km dalla Sicilia, Pantelleria è un’isola di origine vulcanica ed è caratterizzata da un paesaggio singolare e selvaggio, che offre ai turisti approdi rocciosi a ridosso del mare cristallino da conquistare con pazienti arrampicate. Pochissime le spiagge.
“Pantelleria è un'isola selvaggia ed affascinante. La consiglio a chi non si aspetta spiagge attrezzate e
facilmente raggiungibili, ma che ha voglia di andare un pò all'avventura”.

Isola Vulcano (ME), Sicilia.
L’Isola di Vulcano deve la sua esistenza alla fusione di quattro vulcani che hanno dato origine ad una costa rocciosa, con sfumature che variano dal rosso al giallo ocra. L’isola offre spiagge meravigliose e consente piacevolissime escursioni  alla scoperta di un ambiente ancora incontaminato e suggestivo.
“Vulcano  è un concentrato di bellezze naturali”
“L’isola della fucina di Efesto è un affascinante inferno di vapori e zolfo circondato da limpidissime e rinfrescanti acque”

Isola Bella, Taormina (ME), Sicilia.
Ribattezzata “la perla del Mediterraneo”, questa piccola isola situata nel comune di Taormina, in provincia di Messina, conquista l’ottavo gradino nella graduatoria delle spiagge più amate d’Italia. L'esigua distanza dalla costa a volte, a causa della marea, si annulla, rendendola un’affascinante penisola.
“Una delle migliori spiagge per fare sport subacquei. La costa in questo punto è sassosa, ma l’area è protetta dal WWF e sembra di nuotare in un acquario”
.

Santa Maria di Leuca (LE), Puglia.
Santa Maria di Leuca, all’estrema punta del Salento, è la meta ambita di migliaia di turisti ogni anno. La sua costa è perlopiù bassa e rocciosa, ma superata Punta Ristola ridiviene alta creando scenari molto suggestivi. Non lasciate questa zona senza aver visto le grotte delle Tre Porte, alle quali si accede attraverso piccoli sentieri lungo la roccia a picco sul mare.

Marina di Ostuni (BR), Puglia .*
Marina di Ostuni si fa ricordare per il suo susseguirsi di spiagge bianche di sabbia, di azzurre calette e macchia mediterranea. 


 

Tour del mistero, a caccia di fantasmi …

Apparizioni misteriose, rumori di catene  e strane grida: c’è chi ai fantasmi crede ciecamente e chi invece pensa siano solo uno ‘spauracchio di mezzanotte’. Comunque la pensiate, in giro per l’Italia ci sono cinque posti infestati che vi stanno aspettando.

Non c’è paese che non abbia all’attivo una lista infinita di avvistamenti e leggende legati ai fantasmi, in Inghilterra non c’è castello che non abbia almeno un ectoplasma come inquilino e c’è chi addirittura prende sul serio ‘Ghostbuster’ e organizza cacce al fantasma:

 per chi volesse partecipare, quelli della  Paranormal Tours organizzano ‘spedizioni’ nei luoghi più infestati del Regno Unito per acchiappa fantasmi in erba e non

Il fenomeno alla ‘ci voglio credere’ è gettonatissimo anche in America, a New Orleans avevano addirittura aperto un osservatorio paranormale, il Paraplex,  dove venivano studiati in maniera ‘scientifica’  i rilevamenti di presenze extraterrene. La cosa, a detta dei fondatori,  si era fatta così seria che ad aprile hanno dovuto chiuderlo al pubblico per evitare che diventasse un ‘carrozzone’ in stile Halloween.

E in Italia? Segnalazioni e avvistamenti continui contribuiscono a fortificare lo zoccolo duro di ‘credenti’ e c’è chi ha addirittura stilato una mappa dei posti più infestati di Italia e chi organizza ‘ghost tour’ tra Campania e Basilicata. Tra i gruppi più attivi tra gli ‘indagatori del paranormale’ ci sono invece il Centro Investigazioni Occulte di Pavia e il CROP che si occupa anche di UFO, parapsicologia e cospirazionismo.
cinque tra le mete italiane più affascinanti, dove al possibile incontro con l’ectoplasma si uniscono panorami suggestivi e atmosfere misteriose. Preparatevi all’incontro con l’ignoto e ricordatevi l’attrezzatura  da ‘ghostbuster’!

1. Maniero della Rotta di Moncalieri, Torino

In questo antico castello oggi  semi diroccato, sarebbero stati avvistati numerosi fantasmi di dame, cavalieri e monaci. Tra i più visti sembra che siano il fantasma di un monaco morto combattendo in Terrasanta, con tanto di cavallo e una dama vestita di nero che si aggira fuori dal palazzo.

2. Canal Grande, Venezia
Fonti parlano di un posto speciale sul Canal Grande dove sarebbe possibile vedere il fantasma di Fosco Loredan mentre tiene tra le mani la testa della moglie, da lui decapitata per gelosia. La ‘visione’ sarebbe possibile a chi si trova all’altezza del campiello del Remier, vicino al ponte di Rialto.

3. Orto botanico, Lucca
Lucida Mansi, una dama vissuta nel diciassettesimo secolo, avrebbe fatto un patto con il Diavolo per rimanere eternamente giovane. Al momento della scadenza del ‘contratto’ il Diavolo avrebbe poi trascinato Lucida dentro il laghetto dell’orto botanico strappandole l’anima. Si dice che ancora oggi chi immerge la testa nel lago possa vedere il viso di Lucida mentre, secondo altre fonti, il fantasma della donna sarebbe stato avvistato a Villa Mansi, una delle più famose ville lucchesi.

4. Castello di Montebello, Rimini
Castello nei pressi di Rimini ‘abitino’ moltissimi fantasmi tra cui quello di Guendalina Malatesta, conosciuta come ‘Azzurrina’. Guendalina aveva solo otto anni quando, inseguendo una palla, scomparve nei sotterranei del castello senza fare più ritorno. Si dice che ogni cinque anni, nella notte del solstizio d’estate, il fantasma di Azzurrina manifesti la sua presenza. Dal 1990 sono state realizzate delle registrazioni dalla RAI e dalla Università di Bologna dove , sembra, si riesca a sentire il pianto di una bambina e il rumore di una palla che rimbalza.

Luoghi abbandonati e misteriosi…

Se siete in cerca di atmosfere particolari, città fantasma e luoghi abbandonati potrebbero realizzare i vostri sogni o...i vostri incubi!!!

Tra le città abbandonate alcune custodiscono una storia e una bellezza architettonica notevole, come le città di Vijayanagara in India. La ‘Città della vittoria’, è costruita nella metà del quattordicesimo secolo da una antica dinastia indù a Karnataka, nel sud dell’India, con tanto di palazzo e templi. Nel 1565 la città viene saccheggiata e semi distrutta dopo la sconfitta contro i Sultani del Deccan. Da quel momento la città è stata abbandonata per poi essere ‘riscoperta’ come patrimonio mondiale UNESCO.

Sia a oriente che occidente le città fantasma sono tantissime, ‘nate’ in diverse epoche per motivi economici e/o politici o ancora per motivi più o meno inquietanti: la città di Jonestown, in Guyana, ad esempio, si è traformata in città fantasma nel novembre del 1978, dopo il suicidio di massa dei suoi abitanti; in provincia di Lucca invece, il paese di Fabbriche di Careggine era statao evaquato e poi sommerso completamente dalle acque del bacino elettrico di Vagli, il paese ‘riemerge’ e può però essere visitato ogni dieci anni quando la diga viene svuotata.

Non solo città e paesi. Tra i luoghi abbandonati di maggior fascino ce ne sono molti altri meno ‘convenzionali’, alcuni addirittura pericolosi, come il monastero dell’isola di Skellig Michael, in Irlanda. Costruito nel 588 è stato istituito come patrimonio mondiale dall'UNESCO nel 1996. Il monastero, costruito nella parte più remota di questo piccolo paradiso, è quasi inaccessibile, sia per le restrizioni al flusso turistico imposte dal governo irlandese che per il tragitto impervio.

Per chi ama Londra e i luoghi abbandonati, un sito d’eccezione con foto e curiosità è derelictlondon.com. Qui, Paul Talling, webmaster del sito, ha schedato di tutto: dai pub alle fabbriche passando per i bagni pubblici.

Per l’Italia qualcosa di simile si può trovare in sitiabbandonati.it, e in giro per il web le testimonianze visive su luoghi e città abbandonate si moltiplicano.

 

 

Cinque mete tra l'inferno e la Luna...

Ci sono posti dove la mano dell’uomo non si vede ed è la natura che si diverte a giocare con le sue regole e le sue magie. Il risultato? Atmosfere da cartolina, dove il mistero, a volte, regna ancora sovrano...

Partiamo dalla Nuova Zelanda, la 'Terra della grande nuvola bianca', come è chiamata nell'antico linguaggio Maori.  E’ facile pensare solo a hongi, haka e poi, le danze tradizionali rese famose in tutto il mondo dalla squadra di rugby degli All Blacks, ma basta fare mente locale  sulle ambientazioni della saga de 'Il Signore degli anelli' per afferrare la bellezza viva e violenta di questa terra. E' il caso della zona vicino a Rotorua, 'Sulphur City, una delle aree geotermali più attive della Nuova Zelanda. Siamo tra i luoghi più sacri per i Maori, che hanno ribattezzato la vicina sorgente termale 'Wai-o-Tapu', ossia acque sacre. Qui si cammina tra vulcani, geyser, sorgenti e laghi di fango in ebollizione.. fino a stupirsi di fronte al Devil’s Bath. Una specie di piscina color verde pisello, che deve il suo incredibile colore ai diversi minerali che si trovano nell'acqua. Il risultato di un’attività vulcanica che fa risalire le sue origine a qualcosa come 160.000 anni fa.

Da un’epoca difficile da spiegare vengono anche le Nazca Lines, nel sud del Perù.Parliamo di una delle opere più gigantesche ed enigmatiche dell’uomo, ovvero ottocento disegni giganti realizzati tracciando linee sul terreno rosso ocra dell’altipiano tra le città di Nazca e La Palma.

Seguendo schemi ben precisi, sono state asportate le pietre in superficie, lasciando scoperto il terreno sottostante, più chiaro, e tutto questo con una precisione che tutt’oggi sarebbe difficile raggiungere senza l’ausilio di riprese aeree o veicoli volanti, di cui gli autori non potevano disporre, almeno ufficialmente. Il colibrì, l'astronauta, il ragno o il pellicano... metri e metri di linee per un'opera che davvero sorprende.

Il viaggio diventa persino surreale se si punta verso l’isola di Socotra, letteralmente dispersa nell'Oceano Indiano a circa 300 miglia della costa africana. Dal punto di vista politico fa parte della Repubblica dello Yemen, ma è isolata dalla terra ferma dall'epoca mesozoica, e non ha subito nessuna contaminazione occidentale fino a non più di venti anni fa. Socotra è un esempio di biodiversità totale, con una natura tutta particolare e una popolazione di 50.000 abitanti che ancora si sposta con il bestiame e abita in capanne fatte di coralli, pietra e foglie di palma.

Anche sulla terra dunque esistono angoli rimasti appartati e che sembrano non appartenergli affatto. A pochi chilometri a sud di La Paz, in Bolivia, la natura si è divertita a modellare lo scenario in modo davvero spettacolare. Grandi formazioni calcaree in un labirinto di canyon, chiamati calanchi, formati dal fiume Choqueyapu. Siamo non a caso nella ' Valle della Luna'. Ma non lanciatevi nel vuoto, qui la forza di gravità c’è ancora.

Il rischio vero, casomai è quello di sprofondare. A circa cento chilometri a largo del Belize, in America Centrale, possiamo imbatterci in quello che è uno dei fenomeni geografici più inquietanti del pianete. Il Blue Hole (Buco Blu) è una depressione di forma perfettamente circolare dovuta a una serie di crolli sottomarini,  con diametro di circa novanta metri e una ragnatela di stalattiti e bizzarre formazioni calcaree che formano le sue mura e vanno a diventare via via più intricate con l'aumentare della profondità, che è di 145 metri. Il Blue Hole è la mecca di tutti gli amanti delle immersioni subacquee.

 

I paradisi dove scappare e vivere low cost…

Costo della vita rasoterra e natura magnifica, ecco cinque paradisi dove chiunque diventa un emigrante di lusso.

Ci aveva già pensato David Allan del New York Times a stravolgere i luoghi comuni: è bastato raccontare del suo viaggio di un mese a budget quasi zero nel Sud Est Asiatico, elencando costi e prezzi ridicoli, per smuovere le acque. Esiste un 'secondo mondo dove il costo della vita non è neppure paragonabile al nostro. Addirittura quattro o cinque volte più basso rispetto alla media italiana, a sua volta molto più abbordabile rispetto a quel che succede in città come Roma, Firenze o Milano. E allora, siete stanchi degli affitti troppo alti? Dei mutui impossibili e del divano di mamma e papà? La vostra meta potrebbe essere perfino uno tra i luoghi più esotici e lussureggianti del mondo.

ByeBye and Welcome in Thai!


Tailandia è indiscutibilmente un’oasi economica. Il costo della vita, fuori dai circuiti turistici, è fino a dieci volte inferiore rispetto a quello italiano, con punte che rasentano l’incredibile. Per due pasti quotidiani di onestissimo cibo tradizionale non si spendono più di cinque euro al giorno, i (pochi) trasporti pubblici sono praticamente gratuiti e l’Iva è addirittura al sette percento. Non è un caso che moltissimi occidentali decidano di impiantare qui aziende o piccole attività commerciali, favorite anche dalla burocrazia pressoché inesistente. Gli italiani abbondano, e sanno scegliere: l’affitto di un appartamento vista mare non supera i trecentocinquanta euro mensili, mentre una sistemazione cittadina può anche scendere tranquillamente sotto i cento.

Riso e Sorriso


Cambogia molto diversa da quella delle risaie fangose e della guerra civile, che l’ha impoverita fino alla metà dagli anni ‘70. La capitale Phnom Penh è tornata una 'Città del Cielo', spirituale e semplice. Per un turista non è difficile trovare un alloggio di ottima qualità a sette euro al giorno, che scendono addirittura a quattro sapendosi accontentare di sistemazioni locali fuori dalle catene alberghiere, mentre un abbondante pasto locale non impegna più di tre - quattro euro. Del resto, non esistono fast food o ristoranti dal marchio internazionale, anche perché la Cambogia è perfino meno contaminata e abituata agli occidentali della Tailandia. Quindi, il costo della vita è, se possibile, inferiore: un alloggio centralissimo a Phnom Penh costa centocinquanta euro al mese. Il turismo di massa è in arrivo, ed avviare una azienda in Cambogia oggi potrebbe essere un ottimo affare.

Devozione e inflazione.


 Le Filippine sono famose  come il paese più cattolico del mondo, ma la cronaca degli ultimi anni racconta anche di una crisi economica che ha portato il valore della moneta locale, il Peso, praticamente sotto i tacchi. E’ successo anche in Argentina, ma le Filippine hanno un grande vantaggio: la criminalità è praticamente assente, e oggi è un posto tranquillo. Manila è una capitale molto occidentalizzata e cara, con negozi e ristoranti che fanno lievitare l’affitto a circa settecento euro mensili, ma già una sistemazione nella più periferica Quezon City può scendere a quattrocento euro. Il consiglio è puntare altrove, nella provincia di Cebu, abbastanza piacevole da ospitare resort turistici sul mare e centri commerciali, ma anche economica, con affitti da cento euro al mese per un appartamento completo e piuttosto lussuoso. L’unico problema è il costo del visto di ingresso e residenza: serve un deposito in una banca filippina, che può arrivare anche ai 35.000 euro.

Paradise City,  zona centro, attico


Belize è una delle perle assolute del centro America, con una natura festosa e un clima leggermente meno pesante di quello tropicale, senza contare che si parla un inglese 'britannico' che ci permette di passare all’azione in dieci minuti.
Per risparmiare come si può, meglio la zona di Cayo, ad un’ora di macchina da Belize City: duecentodieci euro al mese di affitto. Quanto al cibo, basta abituarsi e non ricorrere ad alimenti e alcolici di importazione, che sono super tassati. Tutto quello che serve può essere locale, costare pochissimo o addirittura crescere spontaneamente sugli alberi: quello che in Italia sono cespugli, qui è squisita frutta tropicale.

 

 

Risolto il mistero del “Triangolo delle Bermuda”…

Il numero di navi e aerei scomparsi tra questo triangolo di cielo e mare negli anni 40, ha reso questa zona una tragica leggenda ammantata da un mistero impenetrabile. Ora, grazie all’investigazione certosina di un giornalista della BBC due delle sparizioni accorse in questa zona alla fine del 1940, due aerei con ben cinquanta passeggeri, avrebbero trovato una spiegazione logica, che risolverebbe l’arcano. Basta con le maledizioni tropicali, le leggende e le storie alla ‘Lost’, all’origine della scomparsa dei due velivoli ci sarebbero la mancanza di carburante in un caso e un guasto tecnico, dovuto al modello non propriamente deluxe, nell’altro.  

A quanto pare a quel tempo i viaggi che da Londra portavano alle Bermuda viaggiatori e temerari erano ancora agli inizi e con rischi tecnici non indifferenti, in volo questo era l’itinerario più lungo, e per fare rifornimento di carburante la tappa d’obbligo era alle Azzorre. Nonostante questo a seconda delle condizioni di volo, altitudine e turbolenze, il carburante poteva essere ‘bruciato’ più rapidamente del previsto. Così come sembra sia successo allo Star Tiger della British South American Airways (BSAA): arrivato già con alcuni problemi, bussola e riscaldamento mal funzionante, alle Azzorre era ripartito per poi scomparire nel nulla, gli ‘investigatori’ della BBC ipotizzano che il pilota volasse a una quota più bassa del previsto per riuscire ad avere un riscaldamento adeguato, consumando però più carburante. A far precipitare l’aereo potrebbe essere stato quindi un mix di fattori, i venti contrari, il poco combustibile consumato velocemente e l’'altezza’ a cui volava.

Nel secondo caso invece un altro velivolo della BSAA, lo Star Ariel, si ricondurrebbe tutto alle carenze dell’aereo: data l’altezza e le condizioni atmosferiche in cui volava, è stata esclusa la carenza di carburante mentre più plausibile, sarebbe la cattiva progettazione di quel modello d’aereo, l’Avro Tudor IV, già conosciuto per i suoi difetti da molti suoi ex-piloti. Tra i possibili mal funzionamenti rei di aver causato la sua caduta, un’esplosione dovuta a un impianto di riscaldamento allora ancora ai primordi e in quel caso mal progettato. Al tempo si pensò invece di dare la colpa a non bene identificate cause esterne, cosa che inevitabilmente portò a far nascere e aumentare il mistero di quest’area della Terra.

Se per gli aerei scomparsi sembra possa esserci una causa reale e ‘normale’ ancora non è dato sapere nulla sulle navi: cosa ne è stato? Si è trattato anche in questi casi di scomparse plausibili? Il mistero continua.